in

Una tempesta solare potrebbe colpire la Terra OGGI se si apre una “frattura” nella magnetosfera terrestre | Scienza | notizia

Durante il fine settimana, la Terra è stata colpita da una tempesta geomagnetica che ha scioccato gli scienziati perché, a differenza di altre tempeste solari, non sembrava essere stata causata da un brillamento solare. Di solito, queste tempeste si formano a causa di grandi esplosioni sulla superficie del sole chiamate brillamenti solari. Questi stessi bagliori sono causati dall’aggrovigliamento, dall’incrocio o dal riordinamento delle linee del campo magnetico della stella.

QUESTA È UNA STORIA DI ROTTURA, ALTRO DA SEGUIRE

In pochi minuti dall’esplosione, i brillamenti solari caricano le particelle sul sole, riscaldandole a milioni di gradi, creando un’esplosione di radiazioni attraverso l’intero spettro elettromagnetico, dalle onde radio ai raggi X e ai raggi gamma.

L’ultima tempesta solare si è verificata durante un raro allineamento di cinque pianeti, offrendo ai fotografi un’eccellente opportunità di fotografarli di fronte alle aurore luminose che sono comuni in questi eventi meteorologici spaziali.

Poiché la tempesta si è verificata durante il fine settimana, gli astronomi ora ritengono che questo evento sia dovuto a una regione di interazione corotante (CIR), un fenomeno molto più raro dei brillamenti solari.

I CIR si verificano quando due venti solari a velocità diverse si scontrano, poiché i venti più veloci iniziano a sorpassare quelli più lenti.

Questo CIR ha sorpreso gli scienziati perché si è verificato senza i soliti segni di geomagnetismo che di solito sono annunciati da un’espulsione di massa coronale (CME).

Una delle forme più potenti di tempesta solare, una CME, si verifica quando il Sole espelle una nuvola di particelle cariche e fluttuazioni elettromagnetiche dalla sua atmosfera.

Quando CME è puntato sulla Terra, un chiaro effetto osservato è che la tempesta solare amplifica l’aurora boreale e australis, gli spettacoli di luce naturale prodotti quando le particelle del vento solare eccitano gli atomi nell’atmosfera superiore della Terra, facendoli brillare.

Secondo gli esperti di SpaceWeather.com, quando il CIR ha colpito la Terra, la tempesta solare è riuscita ad “aprire una spaccatura nella magnetosfera del nostro pianeta”.

LEGGI DI PIÙ: L’attività solare fa “affondare” i satelliti verso la Terra.

Questa tempesta solare ha colpito la Terra solo una settimana dopo che la NASA ha emesso un avviso, poiché una macchia solare grande quasi tre volte la Terra rimane di fronte al pianeta.

Le macchie solari sono regioni della superficie del Sole che appaiono più scure delle loro superfici circostanti e possono estendersi per centinaia di milioni di chilometri.

Queste regioni si formano a causa di perturbazioni magnetiche nella fotosfera – lo strato più basso dell’atmosfera solare – con queste perturbazioni che espongono gli strati più freddi della stella sottostante.

L’attività solare tende a seguire cicli di 11 anni, con un aumento dell’attività solare in ciascuna struttura fino a un picco durante il quale i poli magnetici della stella si invertono, seguito da un periodo di spegnimento prima dell’inizio del ciclo successivo.

NON PERDERE:
La Gran Bretagna affronta EXODUS dopo che Sturgeon ha svelato il nuovo piano di indipendenza [INSIGHT]
La Cina lancia la terza portaerei in grave avvertimento [REVEAL]
La teoria delle perdite di laboratorio di Wuhan guadagna terreno mentre gli esperti indicano le prove [REPORT]

Le tempeste solari spesso creano straordinari spettacoli di luce aurorale a latitudini più elevate influenzando il campo magnetico terrestre.

L’aurora boreale, a volte conosciuta come l’aurora boreale, sono spettacoli di luce naturale causati dal vento solare che interrompe la magnetosfera terrestre.

Le particelle cariche – principalmente elettroni e protoni – cadono nell’atmosfera superiore della Terra e la eccitano, facendola brillare.

I modelli d’onda risultanti spesso assomigliano a tende di luce che seguono le linee di forza del campo magnetico terrestre e di solito si illuminano di verde e rosa.

Satellite scatta un bellissimo selfie 4K sulla Grande Barriera Corallina

Un altro strumento primario del telescopio spaziale Webb riceve Go for Science