in

SpaceX sta equipaggiando Starship, Super Heavy con dozzine di motori Raptor

Nuove foto condivise da SpaceX mostrano che la società ha quasi completato l’installazione di un totale di 39 motori Raptor aggiornati su una nuova navicella spaziale e sul suo booster Super Heavy.

Questi prototipi, noti come Ship 24 e Booster 7, potrebbero essere incaricati di supportare il primo tentativo di lancio orbitale di Starship entro la fine dell’anno se entrambi superano le imminenti campagne di test senza grossi problemi. Se questo sia un risultato probabile rimane incerto, ma i recenti progressi suggeriscono che non passerà molto tempo prima che le prospettive di entrambi i prototipi diventino più chiare.

Dopo diversi round di test di prova e due viaggi da e verso l’Orbital Launch Site (OLS) di SpaceX Starbase, in Texas, a marzo, aprile e maggio, Super Heavy Booster 7 (B7) ha fatto il suo terzo viaggio al pad il 23 giugno.

“SpaceX ha utilizzato le sei settimane che Booster 7 ha trascorso in una sala di assemblaggio di una fabbrica per completare l’installazione di coperture aerodinamiche, superfici note come chine o strakes, alette della griglia delle dimensioni di un’auto, antenne Internet Starlink e, soprattutto, 33 motori Raptor V2 aggiornati. Insieme, Booster 7 potrebbe generare fino a 7600 tonnellate (~ 16,8 milioni di lbf) di spinta al momento o prima del lancio. Fondamentalmente, SpaceX ha anche completato l’installazione della maggior parte dello scudo termico Raptor di Booster 7 nello stesso periodo, completando il lavoro in sei settimane che ha richiesto Booster 4 quasi sei mesi. Con il suo scudo termico e tutti i 33 Raptor per lo più al loro posto, Booster 7 dovrebbe essere pronto per lanciare test di fuoco statico non appena sarà installato sulla base di lancio orbitale.

Teslarati.com – 24 giugno 2022

Booster 7 sta aspettando il suo prossimo round di test. (Volo spaziale della NASA – Bocachicagal)

Costruire, qualificare, spedire e installare 33 nuovi motori Raptor 2 su Super Heavy B7 era già un’impresa impressionante e ha prodotto il più potente (potenzialmente) booster a razzo mai costruito. Il 2 luglio, due foto rilasciate da SpaceX hanno mostrato la sezione del motore quasi completa di Booster 7, rivelando anche che la compagnia aveva completato l’installazione di tutti e sei i motori Raptor dell’astronave S24 e persino parte della protezione termica di poppa della nave.

Le differenze tra la Nave 24 e la Nave 20, l’unico altro prototipo di nave stellare che ha installato sei Raptor, sono già visibili. Il cambiamento più notevole è l’aggiunta di una struttura metallica che copre l’intera larghezza della poppa della nave, molto probabilmente destinata a supportare sezioni piatte di isolamento e protezione termica che sigillano parzialmente i delicati componenti del motore, dell’impianto idraulico, del recipiente a pressione e dell’avionica nella poppa dell’astronave . Questa schermatura aggiuntiva dovrebbe aiutare a limitare le condizioni estreme che l’hardware sperimenterà durante i test a terra e possibilmente in volo.

Spedizione il 20 agosto 2021. (SpaceX – Elon Musk)
Spedizione il 24 luglio 2022. (SpazioX)

Super Heavy Booster 7 ha già completato un numero significativo di test, tra cui quattro prove criogeniche (crioproof) e un test di simulazione della spinta Raptor. Dal suo terzo ritorno al pad, SpaceX ha condotto diversi test ambigui, nessuno dei quali sembrava implicare una carica di propellente criogenico. È possibile che questi test si siano concentrati maggiormente sul sistema di pressurizzazione di Booster 7, magari riempiendo i suoi serbatoi con ossigeno caldo e gas metano che alla fine utilizzerà per pressurizzare i suoi serbatoi. È probabile che SpaceX voglia sottoporre Booster 7 ad almeno una prova in costume bagnata di successo, utilizzando metano liquido e ossigeno, prima di tentare di sparare a uno dei suoi 33 Raptor. Nemmeno il sistema di protezione termica posteriore di Booster 7 completamente completato, richiedendo ai tecnici di completare l’installazione di molti altri pannelli prima che possano essere eseguiti i test antincendio statici.

I tecnici di SpaceX manipolano una delle dozzine di pannelli di schermatura termica che alla fine proteggeranno i Raptor di Super Heavy B7 da se stessi. (Volo spaziale della NASA – Bocachicagal | 3 luglio 2022)

Oltre a B7, Starship S24 ha superato tutta una serie di test di criosicurezza e simulazione di spinta Raptor, ai quali è sopravvissuta senza problemi irreparabili. La nave è stata quindi restituita a una baia di assemblaggio il 9 giugno, dove gli operai hanno installato piastrelle di scudo termico, terminato la sezione del motore della nave e svolto dozzine di altri lavori di finitura meno visibili. SpaceX ha anche recentemente completato la modifica di uno dei suoi due test suborbitali e supporti di lancio per i test di fuoco statico dell’astronave, mentre l’altro supporto è stato modificato in modo semipermanente per consentire test di crio-tenuta e simulazione della spinta dei futuri prototipi.

SpaceX ha richiesto l’approvazione per le chiusure stradali – ciascuna una potenziale finestra di prova di 12 ore – il 5, 6, 7, 11 e 12 luglio.

SpaceX sta equipaggiando Starship, Super Heavy con dozzine di motori Raptor






L’astronomo afferma che le nuove immagini del telescopio spaziale Webb “lo hanno quasi portato alle lacrime”

10° anniversario della scoperta del bosone di Higgs: cosa abbiamo imparato dalla “particella di Dio”?