in

SpaceX lancia con successo la missione Starlink – Spaceflight Now al sesto tentativo

Copertura in diretta del conto alla rovescia e del lancio di un razzo SpaceX Falcon 9 dallo Space Launch Complex 40 alla Cape Canaveral Space Force Station in Florida. La missione Starlink 4-34 lancerà il prossimo lotto di 54 satelliti Starlink a banda larga di SpaceX. Seguici su Twitter.

SFN in diretta

” alt=””/>

SpaceX ha lanciato un razzo Falcon 9 da Cape Canaveral domenica sera dopo cinque giorni di ritardi dovuti alle condizioni meteorologiche e ha messo in orbita altri 54 satelliti Starlink mentre la compagnia continua la sua spinta per completare più di 60 missioni quest’anno.

Il lancio del razzo Falcon 9, alto 60 metri, è avvenuto alle 20:18:40 EDT (0018:40 GMT lunedì) di domenica per iniziare la missione Starlink 4-34 di SpaceX. Alimentato da nove motori Merlin 1D alimentati a cherosene, il Falcon 9 è stato lanciato e ha sparato in un cielo notturno mentre saliva a nord-est dal Pad 40 alla Cape Canaveral Space Force Station.

La missione è stata finalmente lanciata dopo un ritardo di cinque giorni iniziato martedì sera quando la squadra di lancio ha interrotto un conto alla rovescia poco prima che iniziasse a caricare il propellente nel razzo Falcon 9. I fulmini hanno illuminato il cielo sopra la Space Coast della Florida per tutta la sera. Condizioni meteorologiche simili mercoledì notte hanno costretto i funzionari a chiedere un altro lavaggio prima del rifornimento e SpaceX ha interrotto il conto alla rovescia a circa T-meno 30 secondi giovedì notte poiché il tempo è rimasto un “vietato” per il lancio.

È stata una storia simile venerdì sera quando SpaceX ha caricato il propellente nel Falcon 9 ma ha interrotto il conto alla rovescia appena prima di T-meno 60 secondi. I team inizialmente miravano a un altro tentativo di lancio sabato, ma SpaceX ha annunciato sabato sera che la missione sarebbe stata posticipata a domenica sera.

Questo volo ha segnato il 42° lancio di Falcon 9 di SpaceX finora nel 2022. È stato il 40° tentativo di lancio spaziale complessivo dalla Space Coast della Florida quest’anno, inclusi i lanci di SpaceX, United Launch Alliance e Astra.

Il razzo Falcon 9 di SpaceX si lancia nella missione Starlink 4-34. Credito fotografico: Stephen Clark / Spaceflight Now

Circa 15 minuti dopo il lancio, lo stadio superiore del razzo Falcon 9 ha liberato 54 satelliti Starlink sul Nord Atlantico, viaggiando a circa 17.000 miglia orarie. La massa totale del carico utile dei satelliti era di circa 36.800 libbre o 16,7 tonnellate.

La missione Starlink 4-34 è stata la terza di ben cinque missioni Falcon 9 previste per SpaceX questo mese. Tom Ochinero, vicepresidente delle vendite commerciali di SpaceX, ha dichiarato alla conferenza World Satellite Business Week a Parigi la scorsa settimana che la società mira a completare più di 60 lanci quest’anno, con un obiettivo di 100 missioni missilistiche nel 2023, che è una drammatica tendenza al rialzo continua la cadenza di lancio di SpaceX.

La velocità di lancio più elevata è stata aiutata da turnaround più brevi tra le missioni sulle piattaforme di lancio in Florida e California e dal riutilizzo da parte di SpaceX dei booster Falcon 9 e delle carenature del carico utile. I lanci che coinvolgono i satelliti per la rete Internet Starlink di SpaceX, come la missione di domenica sera, hanno rappresentato circa i due terzi dei voli Falcon 9 della compagnia finora quest’anno.

Il prossimo lancio del Falcon 9 per la rete Starlink era previsto per il 19 settembre da Cape Canaveral, ma sarà probabilmente ritardato fino all’ultima settimana di settembre a causa dell’effetto a catena degli scrub legati alle condizioni meteorologiche per la missione Starlink 4-34.

SpaceX il mese scorso ha iniziato a pilotare 54 satelliti Starlink su voli dedicati Falcon 9, un veicolo spaziale in più rispetto a quello normalmente lanciato dalla compagnia nelle missioni precedenti. SpaceX ha sperimentato diverse impostazioni dell’acceleratore del motore e altre modifiche minori per migliorare le prestazioni del Falcon 9.

Un razzo SpaceX Falcon 9 si trova al Pad 40 della Cape Canaveral Space Force Station prima del lancio per la missione Starlink 4-34. Credito fotografico: Stephen Clark / Spaceflight Now

SpaceX ha testato il booster Falcon 9 per la missione Starlink 4-34 dell’11 settembre sulla rampa di lancio. Un test di fuoco statico del 10 settembre è stato interrotto quando un violento temporale ha colpito lo spazioporto di Cape Canaveral.

Il booster che ha volato domenica notte ha la designazione B1067 nell’inventario dei razzi riutilizzabili di SpaceX. Il booster aveva precedentemente lanciato due missioni di astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale, oltre a due voli di rifornimento per la stazione. Ha anche lanciato il satellite per comunicazioni turco Turksat 5B.

Il primo stadio ha completato il suo sesto volo nello spazio domenica sera, culminando con l’atterraggio di un bersaglio sulla nave drone di SpaceX parcheggiata nell’Atlantico.

Con la missione Starlink 4-34, SpaceX ha ora lanciato 3.347 satelliti Internet Starlink, inclusi prototipi e unità di prova che non sono più in servizio. Il lancio di sabato ha segnato la 61a missione SpaceX, principalmente dedicata alla messa in orbita dei satelliti Internet Starlink.

La squadra di lancio di SpaceX, di stanza in un centro di controllo del lancio a sud della Cape Canaveral Space Force Station per il conto alla rovescia di domenica sera, ha iniziato a caricare propellenti superraffreddati, cherosene denso e ossigeno liquido nel veicolo Falcon 9 a T-meno 35 minuti.

Anche l’elio è fluito nel razzo nell’ultima mezz’ora del conto alla rovescia. Per gli ultimi sette minuti prima del decollo, i principali motori Merlin del Falcon 9 sono stati condizionati termicamente per il volo attraverso un processo noto come “rilassamento”. Anche il sistema di guida e sicurezza della portata del Falcon 9 è stato configurato per il lancio.

Dopo il lancio, il razzo Falcon 9 ha diretto i suoi 1,7 milioni di libbre di spinta, generata da nove motori Merlin, a nord-est sull’Oceano Atlantico.

Il razzo ha superato la velocità del suono in circa un minuto e poi ha spento i suoi nove motori principali due minuti e mezzo dopo il lancio. Lo stadio booster si è staccato dallo stadio superiore del Falcon 9 e quindi ha sparato impulsi dai propulsori a gas freddo e dalle pinne estese della griglia in titanio per riportare l’imbarcazione nell’atmosfera.

Due ustioni dei freni hanno rallentato il razzo di circa 400 miglia (650 chilometri) per l’atterraggio sulla nave drone Just Read the Instructions circa otto minuti e mezzo dopo il lancio.

Credito fotografico: Spaceflight Now

La carenatura del carico utile riutilizzabile del Falcon 9 è stata espulsa durante la seconda fase di combustione. Una nave di recupero era anche di stanza nell’Atlantico per recuperare le due metà del cono di prua dopo che erano state lanciate con il paracadute.

L’atterraggio del primo stadio della missione domenica è avvenuto poco dopo lo spegnimento del motore del secondo stadio del Falcon 9 per lanciare in orbita i satelliti Starlink. La separazione della navicella spaziale 54 Starlink, costruita da SpaceX a Redmond, Washington, dal razzo Falcon 9 è stata confermata a T+plus 15 minuti e 21 secondi.

Le aste di supporto si sono staccate dal carico utile dello Starlink, consentendo ai satelliti piatti di volare in orbita liberi dallo stadio superiore del Falcon 9. Il veicolo spaziale 54 schiererà pannelli solari e passerà attraverso fasi di attivazione automatizzata, quindi utilizzerà propulsori ionici alimentati al krypton per manovrare nella loro orbita operativa.

Il computer di guida del Falcon 9 mirava a posizionare i satelliti in un’orbita ellittica inclinata di 53,2 gradi rispetto all’equatore. I satelliti utilizzeranno la propulsione di bordo per svolgere il resto del lavoro per raggiungere un’orbita circolare a 335 miglia (540 chilometri) sopra la Terra.

I satelliti Starlink voleranno in una delle cinque “buste” orbitali con diverse inclinazioni per la rete Internet globale di SpaceX. Dopo aver raggiunto l’orbita operativa, i satelliti entreranno in servizio commerciale e inizieranno a trasmettere segnali a banda larga ai consumatori che possono acquistare il servizio Starlink e connettersi alla rete utilizzando un terminale di terra fornito da SpaceX.

RAZZO: Falco 9 (B1067.6)

CARICO UTILE: 54 satelliti Starlink (Starlink 4-34)

LUOGO DI PARTENZA: SLC-40, stazione spaziale della Cape Canaveral Space Force, Florida

DATA DI PUBBLICAZIONE: 18 settembre 2022

ORA DI INIZIO: 20:18:40 EDT (0018:40 GMT del 19 settembre)

PREVISIONI DEL TEMPO: 40% di possibilità di tempo accettabile; Basso rischio di venti di quota superiore; Basso rischio di condizioni sfavorevoli per il recupero del booster

RECUPERO BOOSTER: Basta leggere le istruzioni nave drone a est di Charleston, nella Carolina del Sud

AVVIO AZIMUT: Nordest

ORBITA DEL BERSAGLIO: 144 miglia per 208 miglia (232 chilometri per 336 chilometri), 53,2 gradi di inclinazione

PROGRAMMA DI INTRODUZIONE:

  • T+00:00: Decollo
  • T+01:12: Pressione aerodinamica massima (Max-Q)
  • T+02:27: Prima fase di spegnimento del motore principale (MECO)
  • T+02:31: Separazione degli stadi
  • T+02:36: Accensione motore secondo stadio
  • T+02:42: Perdita di travestimento
  • T+06:48: Primo stadio di accensione a combustione (tre motori)
  • T+07:07: Arresto della combustione del primo stadio
  • T+08:26: Accensione per ustione all’atterraggio del primo stadio (monomotore)
  • T+08:40: Secondo stadio di spegnimento del motore (SECO 1)
  • T+08:47: Atterraggio primo stadio
  • T+15:21: Separazione dei satelliti Starlink

STATISTICHE DELLA MISSIONE:

  • 176° lancio di un razzo Falcon 9 dal 2010
  • 184° lancio della famiglia di razzi Falcon dal 2006
  • 6. Lancio del booster Falcon 9 B1067
  • Lancio del 151° Falcon 9 dalla Space Coast in Florida
  • Lancio del 97° Falcon 9 dal Pad 40
  • 152. Inizia la generale dal pad 40
  • 118° volo di un booster Falcon 9 riutilizzato
  • 61° lancio dedicato del Falcon 9 con i satelliti Starlink
  • 42. Lancio di Falcon 9 nel 2022
  • 42° lancio di SpaceX nel 2022
  • 40° tentativo di lancio orbitale da Cape Canaveral nel 2022

e-mail l’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: @Stephen Clark1.

Gli impatti di un asteroide hanno spostato i poli nord e sud della luna di circa 186 miglia in 4,25 miliardi di anni

Problema scoperto sul telescopio spaziale James Webb – Anomalia MIRI