in

SpaceX ha fatto offerte contro se stessa per le missioni scientifiche della NASA da tempo

Un razzo Atlas V lancia la missione GOES-T per il programma di servizi di lancio della NASA il 1 marzo 2022.
Ingrandire / Un razzo Atlas V lancia la missione GOES-T per il programma di servizi di lancio della NASA il 1 marzo 2022.

ULA

Venerdì, la NASA ha completato la procedura di gara per selezionare un veicolo di lancio per un’imminente missione di scienze della Terra per misurare i cambiamenti del livello del mare, Sentinel-6B. La missione dovrebbe essere lanciata nell’orbita terrestre bassa tra circa quattro anni e l’agenzia spaziale sta finalizzando la scelta di un razzo.

Tali processi di gara sono classificati per proteggere gli interessi competitivi degli offerenti in termini di prezzo e capacità. Realisticamente, tuttavia, non c’è nessun segreto su chi vincerà il contratto di Sentinel-6B. Come il gemello della navicella spaziale, Sentinel-6A, possiamo aspettarci che questa missione venga lanciata nel 2026 su un razzo Falcon 9.

Perché attualmente, a parte SpaceX e la sua flotta di razzi Falcon, non ci sono altri offerenti per le missioni scientifiche di medie e grandi dimensioni della NASA.

L’offerta è “ritirata”

In risposta alle domande su questa mancanza di concorrenza per le sue missioni scientifiche, incluso Sentinel-6B, la NASA ha rifiutato di fornire risposte alle domande di Ars. Invece, il portavoce Leejay Lockhart ha rilasciato la seguente dichiarazione: “La NASA non è in grado di condividere il numero di offerte o informazioni sulle deroghe in quanto considerate sensibili dal punto di vista competitivo”.

Tuttavia, sembra probabile che SpaceX abbia fatto un’offerta contro se stessa almeno negli ultimi tre premi nell’ambito del contratto Launch Services II della NASA. Lo stesso direttore esecutivo della United Launch Alliance, Tory Bruno, lo ha confermato dopo che la NASA ha annunciato nel settembre 2021 che il satellite GOES-U sarebbe stato lanciato su un razzo Falcon Heavy. disse Bruno la sua compagnia ha “ritirato” la sua offerta dopo che tutti i suoi razzi Atlas V erano esauriti.

Una fonte ha confermato che anche la United Launch Alliance non aveva fatto un’offerta per il lancio del Nancy Grace Roman Space Telescope, che la NASA ha assegnato a SpaceX nel luglio 2022, né per il contratto Sentinel-6B, per il quale la gara annunciata il 30 settembre si è conclusa.

Questa mancanza di concorrenza risale al 2005-2015, quando la NASA si affidava in gran parte alla United Launch Alliance e ai suoi razzi Delta e Atlas per portare le sue missioni scientifiche nello spazio. SpaceX ha rotto quel monopolio quando ha lanciato la missione Jason 3 per la NASA e la NOAA nel gennaio 2016. In parte in risposta a questa competizione, e in parte a causa del desiderio di porre fine alla sua dipendenza dai motori a razzo russi, la United Launch Alliance interrompe la produzione dei suoi razzi Atlas e Delta a favore di un razzo Vulcan di fabbricazione americana a basso costo.

Gli scienziati affermano che le goccioline d’acqua “contengono ingredienti segreti dietro le origini della vita”.

L’Oceano Pacifico si sta chiudendo