in

Secondo Forspoken Game Dev, DirectStorage+ carica 20.000 file a 4,5 GB in 1,7 secondi

Secondo Forspoken Game Dev, DirectStorage+ carica 20.000 file a 4,5 GB in 1,7 secondi

Luminous Productions, uno sviluppatore di giochi, ha annunciato che il suo prossimo gioco, Forspoken, sarà uno dei primi prodotti a sfruttare la tecnologia DirectStorage di Microsoft.

Il direttore tecnico di Luminous Teppei Ono ha utilizzato un video, parzialmente pubblicato online oggi, per dimostrare i vantaggi in termini di velocità che ci si aspetta dall’utilizzo del nuovo sottosistema DirectStorage. Scene complesse con oltre 20.000 file (del peso di circa 4,5 GB) hanno impiegato solo 1,7 secondi per passare dalla schermata di caricamento al fantastico mondo aperto di Forspoken.

Nella presentazione video, sono stati caricati due scenari separati su più sottosistemi di archiviazione: un SSD M.2, un SSD SATA e un HDD. Per testare le impostazioni sono stati utilizzati sia la nuova API DirectStorage che il tradizionale (e eventualmente obsoleto) sottosistema di archiviazione Win32.

Non tutto lo spazio di archiviazione è lo stesso. Anche l’opzione SSD più lenta supererebbe le prestazioni del disco rigido utilizzato per caricare il gioco, indipendentemente dal fatto che DirectStorage fosse abilitato o meno. Un SSD M.2 ha impiegato 1,9 secondi per caricare la scena nella scena uno con DirectStorage abilitato. L’SSD SATA ha seguito con 3,7 secondi – più di quattro volte l’intervallo – mentre l’HDD ha impiegato 21,5 secondi per trovare i propri piatti rotanti.

Per questa prima scena, Luminous ha fornito più statistiche sul throughput per i vari sistemi di storage ei risultati sono istruttivi. Utilizzando l’API DirectStorage, l’SSD M.2 ha raggiunto prestazioni eccellenti di 4.839 MB/s. Eseguendo l’API Win32, l’identico disco rigido ha fornito quasi la metà a 2.826 MB/s.

Sembra che esista ancora un collo di bottiglia: ci si aspetterebbe che i tempi di caricamento soffrano alla stessa velocità del throughput, ma non è così. Un aumento del 71% delle prestazioni SSD in DirectStorage rispetto a Win32 comporta una riduzione di soli 0,2 secondi (circa il 10%) dei tempi di caricamento da 2,1 secondi a 1,9 secondi.

Una spiegazione per questo potrebbe essere che, nonostante i progressi di DirectStorage, Forspoken sta ancora colpendo un muro della CPU. Forse l’integrazione del componente di accelerazione GPU mancante su cui Microsoft sta ancora lavorando in DirectStorage aiuterà, forse anche di più. Gli sviluppatori sperano di ridurre i tempi di caricamento a meno di un secondo, anche se questa dovrebbe essere l’eccezione piuttosto che la regola.

La seconda scena ha i tempi di caricamento più rapidi. Il rapporto di prestazioni tra i tre sistemi di archiviazione rimane quasi lo stesso: l’SSD M.2 ha impiegato 1,7 secondi, mentre l’unità SATA ha impiegato 3,2 secondi. Come previsto, l’HDD occupa l’ultimo posto con un tempo di 19,9 secondi. Forspoken avrebbe dovuto essere rilasciato il 25 maggio, ma un recente ritardo ha spinto quella data indietro di cinque mesi all’11 ottobre. Se solo la versione Forspoken potesse usare anche DirectStorage.


Clicca qui per inserire un commento su questo messaggio nella bacheca.

“È insostenibile”: l’aumento dell’inflazione comprime i budget dei produttori di latte del Regno Unito | agricoltura

Elton John festeggia il suo 75° compleanno mentre torna in tournée