in

Scoperta una nuova galassia ad anello polare

Scoperta una nuova galassia ad anello polare

L’immagine composita Gri di J0953 da hscMap. Credito fotografico: Nishimura et al., 2022.

Gli astronomi giapponesi riportano la scoperta di una nuova galassia ad anello polare utilizzando i dati ottenuti con il telescopio Subaru nell’ambito del programma strategico Hyper Suprime-Cam Subaru (HSC-SSP). La scoperta è stata descritta in un articolo pubblicato il 26 agosto sul server di pre-stampa arXiv.

Le cosiddette galassie ad anello polare (PRG) sono sistemi composti da una galassia simile a S0 e da un anello polare che rimangono separati per miliardi di anni. In generale, questi anelli polari esterni, costituiti da gas e stelle, sono orientati all’incirca perpendicolarmente all’asse maggiore della galassia ospite centrale.

Sebbene finora siano stati scoperti più di 400 candidati PRG, solo dozzine di loro sono state confermate come vere galassie ad anello polare da successive osservazioni spettroscopiche.

Per aggiungere all’elenco attualmente breve di PRG confermati, un team di astronomi guidato da Minoru Nishimura della Open University of Japan ha condotto uno studio dettagliato su un campione di PRG noti utilizzando i dati di HSC-SSP. Di conseguenza, hanno trovato un nuovo candidato PRG, identificato come SDSS J095351.58+012036.1.

“Durante questa ricerca, abbiamo scoperto un nuovo candidato PRG chiamato SDSS J095351.58+012036.1 (di seguito J0953). Questa galassia si trova ai margini del campo del Cosmic Evolution Survey (COSMOS; Scoville et al. (2007)). ‘ scrivono i ricercatori sul giornale.

J0953 è stata identificata per la prima volta come una galassia dallo Sloan Digital Sky Survey (SDSS) nel 2000. Ha uno spostamento verso il rosso fotometrico di circa 0,2, tuttavia, poiché fino ad oggi non sono state effettuate osservazioni spettroscopiche di J0953, non è attualmente disponibile alcun spostamento verso il rosso spettroscopico di questa sorgente.

Secondo lo studio, J0953 ha una massa stellare di circa 38,5 miliardi di masse solari e un tasso di formazione stellare di circa 2,66 masse solari all’anno. La massa stellare e la struttura polare della galassia ospite sono risultate rispettivamente di 26,18 e 4,23 miliardi di masse solari. Il raggio della galassia ospite è stato misurato in 0,89 secondi d’arco, mentre quello della struttura polare è risultato essere di 2,12 secondi d’arco.

Gli astronomi hanno notato che la struttura dell’anello polare di J0953 sembra essere quasi perpendicolare al disco della sua galassia ospite, senza alcuna caratteristica perturbata. Riferiscono che la struttura polare è blu e probabilmente più giovane della galassia ospite.

Inoltre, l’indice sersico della galassia ospite è risultato essere 2,94, suggerendo che la galassia ospite ha una struttura simile a una galassia ellittica piuttosto che un disco esponenziale. I ricercatori hanno aggiunto che è anche possibile che la galassia ospite sia una galassia a disco.

Riassumendo i risultati, gli autori dello studio hanno sottolineato che ulteriori osservazioni spettroscopiche di J0953 dovrebbero essere eseguite per confermare definitivamente la sua natura PRG. In particolare, sono necessari ulteriori studi sulle proprietà cinematiche sia della galassia ospite che della struttura polare.


Hubble immagina un trio galattico complesso


Maggiori informazioni:
Minoru Nishimura, Kazuya Matsubayashi, Takashi Murayama, Yoshiaki Taniguchi, una nuova galassia ad anello polare scoperta nel campo COSMOS. arXiv:2208.12388v1 [astro-ph.GA]arxiv.org/abs/2208.12388

© 2022 Rete Scienza X

Citazione: Scoperta nuova galassia ad anello polare (5 settembre 2022), recuperata il 5 settembre 2022 da https://phys.org/news/2022-09-polar-galaxy.html

Questo documento è protetto da copyright. Fatta eccezione per il commercio equo e solidale a scopo di studio o ricerca privata, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è solo a scopo informativo.

I diamanti stanno piovendo dai cieli su miliardi di pianeti, secondo una nuova ricerca

Il sangue degli astronauti della NASA mostra segni di mutazioni del DNA dovute al volo spaziale e devono essere monitorati