in

Più di 3.200 ponti nel Regno Unito necessitano di riparazioni, affermano le autorità locali | trasporto stradale

Un numero crescente di ponti stradali della Gran Bretagna si sta sgretolando, con oltre 3.200 identificati come scadenti con costi di riparazione di 1,2 miliardi di sterline, affermano le autorità locali.

L’anno scorso, più di 100 ponti mantenuti dal comune sono stati dichiarati inadatti ai veicoli più pesanti, con 17 ponti che sono crollati completamente e 37 sono crollati parzialmente in quel periodo, secondo una ricerca della Fondazione RAC.

L’analisi, basata sulle risposte delle autorità locali in Inghilterra, Scozia e Galles, ha rilevato 3.211 ponti scadenti, ma a causa della mancanza di denaro è probabile che solo poche centinaia vengano riparate nei prossimi cinque anni, hanno affermato le autorità.

I numeri includevano di tutto, dai ponti stradali che attraversavano piccoli ruscelli larghi solo 1,5 m alla chiusura di alto profilo dell’Hammersmith Bridge, un tempo trafficato, sul Tamigi. Ai veicoli è stato vietato di attraversare il West London Bridge dall’aprile 2019 dopo che sono state scoperte crepe nelle basi della struttura di 135 anni. Le speranze di riapertura sono state accresciute questa settimana quando il governo ha promesso 3 milioni di sterline per i costi di riparazione di 9 milioni di sterline.

Altri esempi includono Park Bridge nell’Aberdeenshire, chiuso dal 2019 con una fattura di riparazione stimata di £ 750.000. I conducenti devono fare una deviazione di 8 miglia.

Il Devon ha i ponti più crollati – 229 – mentre il Dorset ha avuto il maggior numero di crolli a 12.

Le autorità locali hanno affermato che se avessero avuto i fondi avrebbero rimesso in servizio 2.374 ponti scadenti, ma si aspettavano di ripararne solo 379 entro il 2026.

L’analisi si è basata sui dati forniti da 196 consigli in risposta alle richieste di libertà di informazione. Ha affermato che il costo per affrontare l’arretrato di manutenzione per tutti i 71.000 ponti stradali mantenuti dal comune della Gran Bretagna sarebbe superiore a 5,4 miliardi di sterline.

Steve Gooding, Direttore della RAC Foundation ha dichiarato: “I ponti, come definiti dagli ingegneri stradali, sono disponibili in tutte le forme e dimensioni. Ma il cedimento anche della più corta di queste strutture potrebbe significare uno spazio vuoto di 5 piedi nella carreggiata e anche su strade relativamente piccole che possono comunque essere un mal di testa e causare interruzioni e possibilmente una lunga deviazione. Sebbene l’aumento dei ponti scadenti non sia enorme di anno in anno… con la minaccia di eventi meteorologici più gravi legati al cambiamento climatico che devono preoccuparsi della resilienza complessiva della nostra rete autostradale”.

In termini di ponti mantenuti dai governi nazionali, il Galles ha avuto la peggio, con il 104 – 8% del totale – valutato come di bassa qualità.

I direttori della pianificazione hanno affermato che c’era una carenza di ispettori e ingegneri di ponti qualificati, nonché vincoli di budget.

Instagram introduce opzioni di ordinamento dei feed senza algoritmi per tutti gli utenti

Hammerhead La funzionalità CLIMBER aggiornata non richiede più un percorso