in

Microsoft presenta la nuova Cloud Gaming Organization di Xbox Game Studios Publishing

Microsoft ha annunciato la sua Cloud Gaming Organization, una nuova divisione all’interno di Xbox Game Studios Publishing che mira a “lavorare con team di sviluppo di giochi di livello mondiale per creare giochi cloud-native”.
Annunciata durante una presentazione alla Game Developer’s Conference (grazie, VGC) dal Director of Cloud Gaming di Microsoft, Kim Swift, la nuova Cloud Gaming Organization mira a “lavorare con team di sviluppo di giochi di livello mondiale per creare giochi cloud-native per fornire ai giocatori esperienze senza precedenti che possono essere raggiunte solo con la tecnologia cloud.”

Swift osserva che mentre il cloud gaming stesso è ancora agli inizi, Microsoft ha originariamente una visione simile di Netflix, dicendo: “Al momento della fondazione di Netflix, le velocità di Internet non erano quelle di cui avevano bisogno per inviare pacchetti velocemente”. , quindi hanno inviato pacchetti fisici sotto forma di DVD per posta e hanno dovuto aspettare che la tecnologia raggiungesse la loro visione. Ma erano pronti per questo.” Sembra che la Cloud Gaming Organization guardi al futuro della tecnologia cloud allo stesso modo; Investi ora quando la tecnologia è lì.

Microsoft vede il futuro del cloud gaming come un approccio universale. Anziché creare giochi per più piattaforme e poi portarli su Xbox Cloud Gaming, si spera che con l’aiuto della Cloud Gaming Organization, gli sviluppatori saranno in grado di creare un solo gioco che verrà eseguito su console, dispositivi mobili e altro può essere giocato su PC. Secondo Swift, il futuro del cloud gaming rientrerà nelle seguenti categorie:

  • ubiquità: un “frutto a basso impatto per i contenuti cloud”, ovvero la possibilità di trasmettere i giochi in streaming su qualsiasi dispositivo, indipendentemente dal fatto che quel dispositivo possa eseguirli in modo nativo.
  • Intelligenza artificiale nel cloud: Ciò “aumenterà le capacità degli sviluppatori attraverso l’uso di tecnologie come l’apprendimento automatico, l’elaborazione del linguaggio naturale e l’apprendimento per rinforzo.” Cloud AI potrebbe non solo aiutare gli sviluppatori a creare NPC più convincenti, ma anche aiutare i bot QA, i filtri di rilevamento della tossicità e macchine per implementare l’apprendimento per migliorare le funzionalità generate proceduralmente.
  • calcoli di runtime: Questi potrebbero essere usati per “aumentare le prestazioni e il tempo di esecuzione” in molte parti di un gioco come: B. Effetti di distruzione, resa grafica e randomizzazione.

“A un certo punto stavo lavorando a un titolo cloud e mi è stato chiesto: ‘Come possiamo creare un ridimensionamento massiccio e simultaneo per i giocatori e renderlo più coinvolgente? Come possiamo avere più giocatori in un’area di quanti ne abbiamo mai visti prima?'” Swift aggiunge in seguito, “e queste sono aree che richiedono sicuramente investimenti a lungo termine, ma siamo entusiasti di guardare avanti e questo possibile spazio per avanzare potrebbe essere.”

E tu? Sei entusiasta del potenziale rivoluzionario della tecnologia di cloud gaming? Condividi i tuoi pensieri con noi qui sotto!

York riceverà 8,4 milioni di sterline per l’acquisto di 44 nuovi autobus elettrici

La nuova star di Bridgerton, Simone Ashley, afferma che il casting daltonico dello show l’ha liberata dalla digitazione