in

Mac Studio di Apple demolito per rivelare lo spazio di archiviazione modulare • The Register

L’ultimo e il più grande di Apple, il Mac Studio, è stato esaminato dal rivenditore di smontaggi iFixit. Le buone notizie? Potrebbe esserci speranza per gli scambiatori di memoria. La cattiva notizia? Tutto il resto.

Per tutto il mondo, Mac Studio sembra un Mac Mini che ha avuto uno scatto di crescita. Il blocco di alluminio è poco più del doppio dell’altezza del desktop entry-level di Apple ed è letteralmente ornato di porte. Un addio al “Dongleverse” che ha rovinato la vita di molti fan di Apple.

L’installazione della memoria principale è forse comprensibile dal punto di vista prestazionale, ma è anche irritante su un computer desktop

Entrare nella scatola ha presentato alcune sfide. Durante la rimozione dell’anello di base, sono venute alla luce quattro viti Torx standard e dietro di esse la superficie nera dell’alimentatore. “Questa cosa pesa una tonnellata e ha alcune vibrazioni serie di Darth Vader”, ha scherzato iFixit. Certamente, Apple è stata molto impegnata nel nero quando si tratta degli interni dello studio.

Scavando più a fondo, il team ha scoperto che lo spazio di archiviazione modulare era facilmente rimovibile. C’era anche uno slot extra per un altro modulo di memoria, ma sfortunatamente il semplice collegamento della memory stick allo slot vuoto di un altro Mac Studio ha causato bug a livello di base. Tuttavia, è stato possibile scambiare due schede di memoria della stessa dimensione. “Si spera”, ha osservato iFixit, “un aggiornamento del software renderà utile lo slot sostitutivo, ma è sempre un peccato vedere riparazioni e aggiornamenti in fondo all’elenco delle priorità”.

È sicuramente frustrante, anche se ancora più fastidiosa è la RAM integrata, il che significa che la configurazione scelta al momento dell’acquisto sarà quella a cui i clienti dovranno aggrapparsi fino a quando lo studio non sarà relegato nel cassetto dei kit obsoleti che non vanno in discarica.

Il team ha superato velocemente le porte (“e quel glorioso lettore di schede SD”) e alla fine è arrivato al gruppo di raffreddamento, progettato per mantenere fresco il chip M1 Max.

Sembrano un quadrirotore, “queste ventole sono molto più ingombranti di altre ventole Mac”, ha detto iFixit, “e il dissipatore di calore fa vergognare l’M1 Mini con oltre sei volte il peso”.

La versione Ultra dello Studio è ancora più potente grazie a un massiccio dissipatore di calore in rame.

Sfortunatamente, tutta la tecnologia di dissipazione del calore e le porte extra non si sono tradotte in un alto grado di riparabilità. Sebbene ci siano slot di archiviazione, l’aggiornamento non sembra un’opzione per ora. L’installazione della memoria principale è forse comprensibile dal punto di vista prestazionale, ma è anche irritante su un computer desktop.

Il Mac Studio ha ottenuto un punteggio di 6 su 10 nella scala di riparabilità. Non terribile, ma non eccezionale.

“Tuttavia”, ha osservato iFixit, “ci dà molte speranze per un Mac Pro risolvibile, aggiornabile e conveniente”.

“Forse senza la grattugia questa volta?” ®

Progetto Skyway: la più grande rete mondiale di “autostrade per droni” potrebbe essere costruita in INGHILTERRA

Kate Middleton stordisce in un abito verde Emilia Wickstead