in

Lo standard Matter, che mira a standardizzare la tua casa intelligente, arriverà nell’autunno 2022

Matter, il nuovo standard di interoperabilità della casa intelligente sviluppato da Google, Apple, Amazon, Samsung e altri, è stato ritardato. Una nuova. Il lancio è previsto per questa estate ed è rinviato all’autunno 2022, ha affermato Michelle Mindala-Freeman della Connectivity Standards Alliance (CSA), che sovrintende a Matter Il bordo.

Il ritardo è necessario per completare il kit di sviluppo software (SDK) che i produttori di dispositivi utilizzeranno per integrare i loro prodotti nell’ecosistema Matter. Secondo Mindala-Freeman, a causa di un numero maggiore del previsto di piattaforme che adottano Matter, il codice per l’SDK richiede più lavoro per garantire che tutto funzioni perfettamente insieme, che è la promessa generale dello standard Matter.

Inoltre, afferma che mentre il set di funzionalità per la specifica Matter è completo, è necessario più tempo per lavorare su alcune aree chiave dell’SDK “per stabilizzare, ottimizzare, ottimizzare e migliorare la qualità del codice”.

Questo non è il primo ritardo per Matter, un’impresa ambiziosa volta a unificare i disparati dispositivi ed ecosistemi della casa intelligente e far funzionare tutto insieme. Originariamente annunciato alla fine del 2019 con un rilascio previsto per la fine del 2020, Project CHIP, come veniva chiamato allora, è stato posticipato nel 2021. Nell’agosto 2021, il rilascio è stato posticipato alla metà del 2022 dopo essere stato rinominato Matter. Ora, a soli tre mesi da quando pensavamo che i dispositivi Matter sarebbero arrivati, il rilascio è stato posticipato all’autunno 2022.

Quanto è fiducioso il CSA che rispetterà questa nuova scadenza? “Avremo l’SDK pronto nel secondo trimestre e alla fine renderemo disponibile una versione delle specifiche ai nostri membri [June]'” dice Mindala-Freeman. “Queste sono sicuramente cose che rafforzano la nostra fiducia nel fatto che la nostra appartenenza a Matter sia all-in e vengono spinte avanti per essere fatte questo autunno”.

Con il nuovo programma, quest’anno potremmo ancora vedere i prodotti certificati Matter, ma forse non così tanti come speravamo e decisamente più tardi di quanto inizialmente previsto. Centotrenta dispositivi in ​​15 categorie di 50 aziende fanno parte del primo rollout, che è già in fase di test. Questi dispositivi includono lampadine, spine e interruttori intelligenti; serrature intelligenti, termostati, tapparelle e sensori; e controller per porte da garage, punti di accesso wireless, bridge e televisori. Le aziende in questa prima ondata saranno pronte a richiedere e spedire la certificazione Matter agli utenti una volta che la specifica Matter sarà rilasciata.

“Il lungo e il corto di [the delay] È la dimensione, la portata e il fare qualcosa che è assolutamente nuovo al 100% che non è mai stato fatto prima”, afferma Mindala-Freeman. “Richiede tempo.”

Il CSA sta inoltre concedendo più tempo per costruire e verificare un numero maggiore del previsto di piattaforme (sistemi operativi e chipset) che spera che Matter porti sul mercato con un sano elenco di dispositivi, app ed ecosistemi Matter compatibili. Questa necessità è emersa nell’ultimo anno a causa dell’attività nel repository Github del progetto.

Matter supporterà ora più di 16 piattaforme, comprese piattaforme OS come Linux, Darwin, Android, Tizen e Zephyr, nonché piattaforme di chipset di Infineon, Silicon Labs, TI, NXP, Nordic, Espressif Systems e Synaptics. “Pensavamo che ci sarebbero state quattro o cinque piattaforme, ma ora ce ne sono più di 16”, afferma Mindala-Freeman. “Il volume con cui i fornitori di componenti e piattaforme vengono attratti da Matter è stato enorme”.

L’implicazione di queste modifiche all’SDK è che il CSA deve offrire alle sue 50 aziende associate che stanno attualmente sviluppando prodotti abilitati Matter un’altra possibilità di testare quei dispositivi prima di passare attraverso il processo di certificazione Matter.

Il CSA ha anche condiviso i dettagli di questo processo di certificazione iniziale Il bordo. A seguito di un evento di convalida delle specifiche (SVE) quest’estate, una revisione finale di tutte le procedure di test per garantire che un prodotto funzioni con Matter, le aziende potranno testare formalmente i propri dispositivi e richiedere la certificazione Matter. In genere, un processo SVE richiede alcune settimane, ma questo dovrebbe richiedere dalle 6 alle 8 settimane. “L’interesse per la questione è stato senza precedenti”, afferma Jon Harros, direttore dei programmi di certificazione e test presso CSA. Quindi è necessario più tempo.

Tutto ciò significa che ci vorranno almeno sei mesi prima di vedere i dispositivi Matter sugli scaffali, probabilmente più a lungo. Questo programma si applica solo ai dispositivi delle 50 aziende attualmente in fase di test e autorizzate a testare i propri prodotti tramite SVE. Altri devono attendere il completamento dell’SVE per iniziare il test.

Per queste altre società, i lanci dei prodotti potrebbero iniziare entro la fine dell’anno o nel 2023. Tuttavia, otterranno un vantaggio nello sviluppo poiché la CSA ha deciso di rendere disponibile una specifica 0.9 Matter quasi definitiva agli oltre 450 membri della CSA a giugno (quando inizialmente si aspettavano di ricevere la specifica finale). Ciò significa che possono iniziare a sviluppare prodotti ed essere pronti a testarli e certificarli non appena Matter 1.0 viene rilasciato.

In un post sul blog pubblicato oggi sul ritardo, la CSA ha sottolineato che questa è stata meno una battuta d’arresto e più un’espansione per consentire lo sviluppo di più piattaforme. “Il traguardo è in vista”, afferma il post, e che varrà la pena aspettare qualche mese in più per “abbattere i giardini recintati nell’IoT”.

Correzione, giovedì 17 marzo, 9:50: In una versione precedente di questo articolo, il nome dell’SVE non era corretto, si tratta di un evento di convalida della specifica. Ci rammarichiamo per l’errore.

Cosa significa per risparmiatori e mutuatari l’aumento dei tassi di interesse nel Regno Unito? | interessi

La scultura Canova perduta da tempo, acquistata per il giardino della coppia, potrebbe fruttare 8 milioni di sterline | scultura