in

L’iconico ritratto serigrafato di Marilyn Monroe di Andy Warhol ha guadagnato $ 200 MILIONI

Una delle iconiche serigrafie di Marilyn Monroe del 1964 di Andy Warhol, Shot Sage Blue Marilyn, è stata venduta da Christie’s nel Rockefeller Center per un prezzo di riserva record di $ 200 milioni.

Il prezzo elevatissimo richiesto – che richiederà solo un’offerta prima che gli acquirenti alzino la posta – renderà il pezzo una delle opere d’arte più vendute di tutti i tempi. Il pezzo di Warhol più venduto fino ad oggi, Silver Car Crash (Double Disaster) è stato messo all’asta nove anni fa da Sotheby’s a Londra per $ 117,1 milioni.

Il miliardario degli hedge fund Ken Griffin ha pagato alla tenuta di Si Newhouse almeno $ 200 milioni per la versione arancione della serie “Shot Marilyn”, secondo il Wall Street Journal – ci sono dieci versioni della stampa in totale, tutte in diversi colori, come blu salvia, blu, arancione, rosso e turchese.

Il magnate delle spedizioni greco Philip Niarchos ha vinto la versione rossa all’asta nel 1994 per $ 3,6 milioni mentre il mercato dell’arte stava precipitando. Tuttavia, nel 2007, il collezionista di Chicago Stefan Edlis ha venduto la sua stampa turchese per $ 80 milioni. Il dirigente del giornale Peter Grant ha pagato solo $ 5.000 per la versione azzurra nel 1967.

Le stampe

La stampa alta tre piedi è stata ispirata da una foto promozionale di Monroe dal thriller noir del 1953 Niagara. Warhol ha reinventato il primo piano in bianco e nero, regalando all’attrice un sorprendente ombretto blu, labbra rosso rubino e una faccia rosa gomma da masticare che contrasta con lo sfondo blu salvia della stampa

Il leggendario artista pop americano Andy Warhol è raffigurato davanti a due delle sue stampe Shot Marilyn alla Tate Gallery di Millbank nel 1987.  Una delle stampe,

Il leggendario artista pop americano Andy Warhol è raffigurato davanti a due delle sue stampe Shot Marilyn alla Tate Gallery di Millbank nel 1987. Una delle stampe, “Shot Sage-Blue Marilyn”, sarà messa all’asta da Christie’s al prezzo richiesto di 200 milioni di dollari

L'iconica serigrafia di Marilyn Monroe del 1964 di Andy Warhol, Shot Sage Blue Marilyn, viene messa all'asta da Christie's nel Rockefeller Center per la cifra record di 200 milioni di dollari

L’iconica serigrafia di Marilyn Monroe del 1964 di Andy Warhol, Shot Sage Blue Marilyn, viene messa all’asta da Christie’s nel Rockefeller Center per la cifra record di 200 milioni di dollari

Anche il dipinto più costoso mai venduto, il Salvator Mundi di Leonardo da Vinci, è stato venduto da Christie’s. Nel 2017, Badr Bin Abdullah Al Saud ha acquistato l’opera dipinta del XV secolo per l’insondabile cifra di 475,4 milioni di dollari, secondo il Wall Street Journal.

Per riferimento, la stima del prezzo al dettaglio di quest’opera era di $ 100 milioni, la metà del prezzo di Shot Sage Blue Marilyn, il che significa che la stampa di Warhol potrebbe finire per eclissarla.

La stampa alta tre piedi è stata ispirata da una foto promozionale di Monroe dal thriller noir del 1953 Niagara. Warhol ha reinventato il primo piano in bianco e nero, regalando all’attrice un sorprendente ombretto blu, labbra rosso rubino e una faccia rosa gomma da masticare che contrasta con lo sfondo blu salvia della stampa.

Il nome della commedia è venuto dopo che una visitatrice dello studio di Warhol, l’artista performativa Dorothy Podber, avrebbe sparato un colpo contro una pila di tele nel 1964.

Podber chiese notoriamente a Warhol se poteva “fotografare” la pila di dipinti di Marilyn – l’artista pensava che intendesse fotografarli. Invece, ha estratto una pistola e ha sparato nello studio sulla East 47th Street, danneggiando le versioni rossa e blu della stampa che Warhol stava riparando dopo aver licenziato Podber.

Monroe morì di overdose di droga nel 1966, due anni dopo che furono fatte le impronte. Aveva 36 anni e i dipinti di Warhol hanno contribuito a consolidare il suo posto come icona della cultura pop.

Il pezzo di Warhol più venduto fino ad oggi, Silver Car Crash (Double Disaster) è stato messo all'asta nove anni fa da Sotheby's a Londra per $ 117,1 milioni

Il pezzo di Warhol più venduto fino ad oggi, Silver Car Crash (Double Disaster) è stato messo all’asta nove anni fa da Sotheby’s a Londra per $ 117,1 milioni

Il dipinto più costoso mai venduto, il Salvator Mundi di Leonardo da Vinci è stato venduto anche da Christie's (nella foto)

Il dipinto più costoso mai venduto, il Salvator Mundi di Leonardo da Vinci è stato venduto anche da Christie’s (nella foto)

Il Salvator Mundi di Leonardo da Vinci è stato acquistato nel 2017 da Badr Bin Abdullah Al Saud, che ha acquistato il pezzo, dipinto nel XVI secolo, per un record di 475,4 milioni di dollari

Il Salvator Mundi di Leonardo da Vinci è stato acquistato nel 2017 da Badr Bin Abdullah Al Saud, che ha acquistato il pezzo, dipinto nel XVI secolo, per un record di 475,4 milioni di dollari

Prima del suo recente trasferimento all’asta, Shot Sage-Blue Marilyn è stata esposta in gallerie di tutto il mondo, tra cui Leon Kraushar a New York, che comprendeva anche i ritratti pop art di Warhol di Jackie Kennedy ed Elizabeth Taylor; il Museo Guggenheim; il Centre Georges Pompidou di Parigi; Tate Modern a Londra; Centro de Arte Reina Sofia di Madrid; la Royal Academy of Arts di Londra; il Museo Ludwig di Colonia; la Nuova Galleria Nazionale di Berlino; e il Chicago Museum of Contemporary Art, tra gli altri.

È di proprietà di una fondazione fondata dall’importante commerciante di Zurigo Doris Ammann, morta l’anno scorso all’età di 76 anni, e dal suo defunto fratello Thomas, un commerciante che ha aiutato a catalogare l’inventario ufficiale di Warhol fino alla morte di Thomas Ammann nel 1993.

Warhol ha creato circa 8.000 dipinti e sculture tra il 1952 e la sua morte nel 1987. Le sue opere sono un indicatore del mercato dell’arte nel suo insieme perché vengono messe all’asta così regolarmente, circa 200 volte l’anno.

Nonostante la reazione dell’economia globale al conflitto in Ucraina, le case d’asta hanno registrato mesi di solide vendite e l’esito dell’asta metterà alla prova la vivacità del mercato mondiale dell’arte.

Alex Rotter, presidente dei dipartimenti artistici del 20° e 21° secolo di Christie’s, ha dichiarato in una conferenza stampa sulla vendita che “ogni volta che esce un dipinto come questo, cambia il mercato, e non solo per Warhol”.

“Questo dipinto simboleggia tutto ciò che è rilevante per noi del 20° secolo: puoi vedere tutta la sua bellezza e tragedia sul suo viso”.

FRASI DI WARHOL “15 MINUTI DI FAMA”

Nato a Pittsburgh nel 1928, Andy Warhol ha lavorato come illustratore commerciale di successo fino a quando la sua arte è decollata negli anni ’50.

Le sue immagini pop art di oggetti di uso quotidiano o le famose fotografie di celebrità inizialmente hanno scioccato i fan dell’arte, ma hanno rapidamente guadagnato slancio.

Ha fondato uno studio di New York, The Factory, che è diventato noto come la Mecca per i produttori della Grande Mela tra cui David Bowie, Halston, Debbie Harry, Madonna, Mick Jagger e Keith Haring.

Gran parte delle opere d’arte di The Factory erano sessualmente esplicite e lo studio è accreditato di aver contribuito a portare l’omosessualità e il transgenderismo nel mainstream.

Warhol era allo scoperto e orgogliosa prima che iniziasse il movimento di liberazione gay e fu quasi uccisa dopo essere stata uccisa dalla femminista radicale Valerie Solanis a The Factory nel 1968. Solanis ha cercato vendetta dopo che Warhol si è rifiutata di presentare una sceneggiatura che aveva scritto.

Warhol ha anche coniato il termine “15 minuti di fama” in cui scrisse in un programma del 1968: “In futuro tutti saranno famosi nel mondo per 15 minuti”.

Nonostante il suo crescente successo negli anni ’70 e ’80, Warhol era profondamente insicuro. Ha subito un intervento chirurgico al naso per migliorare il suo aspetto. Il suo amico Jon Gould morì di AIDS nel 1986 all’età di soli 33 anni.

Elden Ring: come sconfiggere il lupo rosso di Radagon

Il pasto Aldi dall’ottimo rapporto qualità-prezzo che sfama un’intera famiglia per soli 70 pence a testa