in

Le società statunitensi riacquistano azioni a volume record

Le società statunitensi si stanno affrettando a riacquistare grandi lotti di azioni per sfruttare la recente volatilità del mercato azionario e rassicurare gli investitori quando la crescita rallenta.

Secondo i dati di Goldman Sachs, quest’anno ci sono stati 319 miliardi di dollari di riacquisti di azioni, mentre nel 2021 ci sono stati 267 miliardi di dollari di riacquisti di azioni.

Anche le società quotate di recente, che tradizionalmente spendono liquidità per alimentare la crescita piuttosto che restituire eccedenze agli azionisti, si sono unite alla tendenza dopo che i forti ribassi dei prezzi delle azioni hanno reso più attraenti i riacquisti.

“L’ampiezza dei diversi gruppi industriali che acquistano azioni è la più alta che abbiamo visto da diversi anni e i volumi sono aumentati”, ha affermato Michael Voris, responsabile delle azioni strutturate di Goldman Sachs di qualsiasi altra cosa”.

I team di gestione utilizzano i riacquisti di azioni per sostenere la domanda delle loro azioni e aumentare la loro redditività in base agli utili per azione riducendo il numero di azioni in circolazione.

Grafico a colonne degli accordi di riacquisto di azioni da inizio anno (miliardi di dollari) che mostra la volatilità del mercato che guida il boom del riacquisto

Il titolo medio nell’ampio indice Russell 3000 ha perso più del 30% del suo valore finora quest’anno, consentendo alle aziende che pensano che le loro azioni siano sottovalutate di acquistare di più allo stesso prezzo. Si prevede inoltre che la crescita degli utili rallenterà poiché le società sono alle prese con l’aumento dell’inflazione e i problemi della catena di approvvigionamento, rendendo i riacquisti più interessanti come opportunità per aumentare gli utili.

“Ironia della sorte, l’attività di riacquisto tende a riprendersi durante i periodi di volatilità perché c’è una tendenza al ribasso, e quindi le persone che sono stufe di contanti vedono le loro opportunità”, ha affermato Craig McCracken, co-responsabile dei mercati azionari di Wells Fargo. “È un segno della forza di fondo che le aziende si aspettano che le cose continuino ad essere abbastanza positive, quindi stanno usando i loro soldi per riacquistare azioni piuttosto che tenerle in bilancio”.

Oltre all’aumento delle approvazioni, che potrebbero richiedere diversi anni per essere completato, le società hanno annunciato pubblicamente oltre 33 miliardi di dollari in cosiddetti riacquisti di azioni proprie accelerati, secondo un’analisi dei documenti aziendali compilata da Sentieo. Gli ASR consentono loro di riacquistare grandi quantità nel giro di pochi mesi.

“I riacquisti accelerati inviano un segnale forte agli azionisti perché il denaro è destinato al riacquisto di azioni in anticipo”, ha affermato Voris di Goldman.

Il totale è già quasi quattro volte superiore all’importo registrato nel primo trimestre del 2021 ed è probabile che aumenterà ulteriormente quando le aziende inizieranno a pubblicare i risultati del primo trimestre il mese prossimo.

ZipRecruiter, che è diventato pubblico tramite una quotazione diretta meno di un anno fa, ha affermato che “investire in azioni sottovalutate è un’opzione interessante” quando ha annunciato un ASR di $ 50 milioni la scorsa settimana. Le azioni della società sono scese di oltre un quarto rispetto al picco dello scorso anno.

Un’altra società quotata di recente, il finanziatore fintech Upstart, ha lanciato un programma di riacquisto da 400 milioni di dollari solo 14 mesi dopo la sua IPO.

Il picco dei riacquisti è stato un raro punto positivo per le operazioni sul mercato azionario delle banche di investimento, che hanno subito un forte calo delle commissioni a causa del rallentamento delle IPO e di altre attività di raccolta di capitali.

Oscar 2022 Worst Dressed: Tracee Ellis Ross e Niecy Nash indossano abiti insoliti sul red carpet

Oscar 2022 in diretta: tappeto rosso, arrivano vincitori come Timothee Chalamet, Jada Pinkett Smith e altri