in

Le prime immagini radar sotterranee del rover Mars Perseverance rivelano alcune sorprese

Le prime immagini radar sotterranee del rover Mars Perseverance rivelano alcune sorprese

Veduta aerea di ciò che resta di un delta dove un tempo una sorgente d’acqua alimentava un antico lago presso il cratere Jezero. Il Perseverance Rover della NASA sta attualmente esplorando l’area. Credito: NASA/JPL-Caltech/ASU

Dopo un anno e mezzo allettante da quando il rover Mars Perseverance è atterrato sul nostro vicino planetario più vicino, stanno arrivando nuovi dati e alcune sorprese.

Il rover, che ha le dimensioni di un’auto e trasporta sette strumenti scientifici, ha esplorato il cratere Jezero di Marte, largo 30 miglia, che un tempo era il sito di un lago e un luogo ideale per cercare prove e informazioni su vita antica alla ricerca del passato geologico e climatico del pianeta.

In un articolo pubblicato oggi sulla rivista progressi scientifici, un gruppo di ricerca guidato dall’UCLA e dall’Università di Oslo rivela che gli strati rocciosi sotto il fondo del cratere osservati dallo strumento radar che penetra nel terreno del rover sono inaspettatamente inclinati. Le pendenze, le larghezze e le forme delle sezioni inclinate suggeriscono che fossero formate da lava a raffreddamento lento o depositate come sedimenti nell’ex lago.

Perseverance sta attualmente esplorando un delta sul bordo occidentale del cratere dove un tempo un fiume alimentava il lago, lasciando un grande deposito di terra e rocce che ha raccolto lungo il suo corso. Man mano che il rover raccoglie più dati, i ricercatori sperano di svelare la complessa storia di questa parte del pianeta rosso.

“Siamo rimasti piuttosto sorpresi di trovare rocce impilate ad angolo inclinato”, ha affermato David Paige, professore di scienze della terra, planetarie e spaziali dell’UCLA e uno dei principali ricercatori del Radar Imager per Mars Subsurface Experiment, o RIMFAX. “Ci aspettavamo di vedere rocce orizzontali sul fondo del cratere. Il fatto che siano così inclini richiede una storia geologica più complessa. Potrebbero essersi formati quando la roccia fusa è salita in superficie, o in alternativa potrebbero rappresentare un deposito delta più antico sepolto nel fondo del cratere”.

Le prime immagini radar sotterranee del rover Mars Perseverance rivelano alcune sorprese

Rendering di Perseverance, la cui tecnologia RIMFAX esplora ciò che si trova sotto la superficie di Marte. Fonte: NASA/JPL/Caltech/FFI

Paige ha detto che la maggior parte delle prove raccolte finora dal rover indicano un’origine magmatica o fusa, ma sulla base dei dati RIMFAX, lui e il team non possono ancora dire con certezza come si siano formati gli strati inclinati. RIMFAX ottiene un’immagine delle caratteristiche del sottosuolo inviando onde radar del sottosuolo, che rimbalzano su strati rocciosi e altri ostacoli. Le forme, le densità, gli spessori, gli angoli e le composizioni degli oggetti sotterranei influenzano il modo in cui le onde radar rimbalzano, creando un’immagine visiva di ciò che si trova sotto.

Durante la traversata iniziale di 3 chilometri di Perseverance, lo strumento ha ottenuto un’immagine radar continua che mostra le proprietà elettromagnetiche e la stratigrafia del substrato roccioso – la disposizione degli strati rocciosi – del pavimento di Jezero a una profondità di 15 metri, o circa 49 piedi. L’immagine mostra la presenza di strati rocciosi stratificati onnipresenti, compresi quelli inclinati fino a 15 gradi. A peggiorare le cose, queste aree inclinate ospitano alcuni strati di roccia confusi e altamente riflettenti che in realtà si inclinano in più direzioni.

“RIMFAX ci offre uno sguardo alla stratigrafia marziana simile a quella che puoi vedere sulla Terra nei tagli delle autostrade, dove a volte alti cumuli di strati rocciosi sono visibili sul fianco di una montagna mentre guidi”, ha spiegato Paige. “Prima dell’atterraggio di Perseverance, c’erano molte ipotesi sull’esatta natura e origine dei materiali del fondo del cratere. Ora siamo stati in grado di restringere la gamma di possibilità, ma i dati che abbiamo raccolto finora suggeriscono che la storia del fondo del cratere potrebbe essere un po’ più complicata di quanto ci aspettassimo”.

I dati raccolti da RIMFAX forniranno un contesto prezioso sui campioni di roccia che Perseverance sta raccogliendo e che alla fine verranno restituiti sulla Terra.

“RIMFAX ci fornisce il retroscena dei campioni che analizzeremo. È eccitante che gli strumenti del rover stiano producendo dati e stiamo iniziando a imparare, ma c’è molto altro in arrivo”, ha affermato Paige. “Siamo atterrati sul fondo del cratere, ma ora ci stiamo dirigendo verso il delta vero e proprio, che è l’obiettivo principale della missione. Questo è solo l’inizio di ciò che speriamo di sapere presto su Marte”.

La pubblicazione “Ground Penetrating Radar Observations of Subsurface Structures in the Floor of Jezero Crater, Mars” è una delle tre pubblicazioni simultanee che discutono di alcuni dei primi dati di Perseverance.


Una nuova ricerca fa luce su quando Marte potrebbe aver avuto acqua


Maggiori informazioni:
Svein-Erik Hamran et al, Osservazioni radar a penetrazione del suolo di strutture sotterranee nel pavimento del cratere Jezero, Marte, progressi scientifici (2022). DOI: 10.1126/sciadv.abp8564

Fornito dall’Università della California, Los Angeles

Citazione: Le prime immagini radar sotterranee del rover Mars Perseverance rivelano alcune sorprese (2022, 25 agosto), recuperate il 27 agosto 2022 da https://phys.org/news/2022-08-underground-radar-images-mars-perseverance. html

Questo documento è protetto da copyright. Fatta eccezione per il commercio equo e solidale a scopo di studio o ricerca privata, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è solo a scopo informativo.

L’astronomo Dan Self all’Osservatorio Astronomico di Breckland

Voyager 1 segna 10 anni nello spazio interstellare