in

La prossima patch di Total Warhammer 3 rallenterà la corsa ai Souls

Al centro di Total War: Warhammer 3 c’è una battaglia altamente riconoscibile per assassinare quattro membri della monarchia, rivendicare le loro anime e riscattarli in modo da poter incontrare un orso davvero grande. Vorrei incontrare un grande orso. Sono disposto a fare qualsiasi cosa per incontrare un orso davvero grande. Ma molti giocatori ritengono che questa “corsa delle anime” forzi il gioco in una forma goffa e poco interessante. Per fortuna, gli sviluppatori hanno piani per la prossima patch, che dicono “renderà la corsa delle anime meno urgente”.

In un post sul blog di oggi, Creative Assembly ha delineato i suoi piani per l’aggiornamento 1.1. Previsto per il lancio “all’inizio” di aprile, apporterà alcune modifiche alla forma del gioco, oltre a correggere alcuni bit e a pasticciare con il bilanciamento.

“The Realm of Chaos è stato uno dei punti di discussione più diffusi nella community e stiamo utilizzando questo aggiornamento per implementare diverse correzioni di bug e modifiche al gameplay che cambiano il modo in cui si adatta alle meccaniche del gioco”, hanno affermato. Quindi all’inizio (ma non alla fine) la v1.1 porterà alcune modifiche che dovrebbero “rendere meno urgente la corsa delle anime e darti l’opportunità di affrontare il campo di battaglia in un modo diverso”. Tu dici:

  • La forza dei tratti del regno negativo è stata ridotta di circa il 50%.
  • I Daemon Legendary Lords non sono più gravati dai tratti negativi del loro dio protettore.
  • I tratti acquisiti nel Regno del Caos ora vengono rimossi quando un Signore Leggendario completa la Battaglia per la Sopravvivenza in quel regno.
  • Se un giocatore intercetta un Signore dell’IA nella Forgia delle Anime, le sue anime andranno perse, costringendolo a ricominciare la sua raccolta. Questo dovrebbe rendere più facile interrompere la corsa dell’anima.
  • La catena di edifici Protezione ora può essere utilizzata per prevenire la comparsa di crepe nella provincia in cui sono state costruite.
  • Migliorate le ricompense per l’ottenimento di anime fornendo bonus aggiuntivi per un periodo di tempo limitato.

Il post sul blog parlava anche dell’equilibrio delle fazioni nel multiplayer (gli adorabili regni degli orchi hanno “prestazioni sopra la media” mentre Grand Cathay ha il punteggio peggiore), il miglioramento della reattività dell’IA durante il combattimento, la correzione di bug, il rilascio del mod manager e l’abilitazione del supporto in officina e molto altro. Parlano anche vagamente di piani a lungo termine, ma non dicono nulla di nuovo su Immortal Empires o sul solito DLC Blood Pack.

Dicono che il loro obiettivo attuale è “eliminare i difetti tecnici, migliorare la stabilità e le prestazioni del gioco e regolare l’equilibrio e il gameplay in base ai commenti della community in corso” al fine di fornire una “base solida” per aggiunte future. Alla fine, sperano di rompere con il modello di Twarhammer 2 di accoppiare le grandi patch con le versioni dei DLC e iniziare a rilasciare aggiornamenti “grandi” con regolazioni del bilanciamento e correzioni di bug tra i DLC “più velocemente dei giochi precedenti”.

Sono entusiasta di vedere cosa ne sarà del gioco alla fine, come la fine di una trilogia e una grande unione.

“Anche se Total War: Warhammer 3 è meglio visto come l’ultima puntata di un megagioco di strategia eccessivo, è un peso massimo a sé stante”, ha affermato Nate nella nostra recensione di Total Warhammer 3 di febbraio. “Un po’ troppo grind RTS midgame è facilmente compensato da modifiche trasformative a multiplayer, assedi, diplomazia e altro.”

Quello che stava davvero aspettando è l’imminente campagna di Immortal Empires, che trasformerà le terre e le fazioni dell’intera trilogia in una guerra di massa.

Divulgazione: il co-fondatore di RPS Alec Meer (RPS in peace) ha scritto di Twarhammer 3.

Il CEO di Meta Mark Zuckerberg afferma che la piattaforma di social media Instagram lancerà presto NFT

Dame Joan Collins è stata colpita con un panino duro in un attacco di cibo “spaventoso” non provocato