in

La prima hypercar fuoristrada al mondo: Prodrive Hunter costa £ 1,5 MILIONI

Sei frustrato dal fatto che non puoi guidare la tua Ferrari nel deserto o guidare la tua Lamborghini su una montagna? Se sei tu, sta arrivando una nuova macchina che risponderà a tutte le tue preghiere.

Soprannominata l’Hunter, è un’hypercar in grado di gestire qualsiasi terreno che un guidatore può lanciarle. Prodotto dalla società specializzata britannica Prodrive, promette “capacità e prestazioni senza pari in qualsiasi ambiente”.

È alimentata da un motore V6 biturbo da 3,5 litri da 600 CV e presenta un telaio e una configurazione delle sospensioni derivati ​​​​dalla sua vettura da competizione Hunter T1 del Bahrain Raid Xtreme (BRX) progettata dal pilota del nove volte campione di rally Sebastian Loeb al Rally Dakar di quest’anno .

Saranno costruiti solo 25 esemplari idonei alla circolazione e il colosso di un’auto non costa poco, a partire da 1,5 milioni di sterline (1,25 milioni di sterline al lordo delle tasse) nel Regno Unito.

La prima hypercar fuoristrada al mondo: questa è la nuova Hunter da 600 CV, prodotta dal marchio automobilistico britannico Prodrive

La prima hypercar fuoristrada al mondo: questa è la nuova Hunter da 600 CV, prodotta dal marchio automobilistico britannico Prodrive

La serie esclusiva di hypercar estreme sarà prodotta presso la sede di Prodrive a Banbury, nell’Oxfordshire, nei prossimi due anni.

Il marchio di prestazioni britannico promette che sarà “l’auto fuoristrada di produzione più veloce al mondo”.

Utilizza lo stesso motore Ford V6 utilizzato nella Dakar, ricostruito e modificato dal team Banbury.

Mentre la due posti può essere tecnicamente qualificata come motore anteriore, il motore è stato spostato così indietro nella direzione dell’abitacolo per migliorare la stabilità e la distribuzione del peso nel telaio che parte del motore sporge di mezzo metro nell’abitacolo.

Saranno costruiti solo 25 esemplari della Prodrive Hunter e il colosso di un'auto non costa poco, a partire da 1,5 milioni di sterline (1,25 milioni di sterline al lordo delle tasse) nel Regno Unito.

Saranno costruiti solo 25 esemplari della Prodrive Hunter e il colosso di un’auto non costa poco, a partire da 1,5 milioni di sterline (1,25 milioni di sterline al lordo delle tasse) nel Regno Unito.

L'auto da strada Hunter è alimentata da un motore V6 biturbo da 3,5 litri da 600 CV e presenta telaio e sospensioni derivati ​​​​dalla sua auto da competizione Hunter T1 del Bahrain Raid Xtreme (BRX) (im Image).

L’auto da strada Hunter è alimentata da un motore V6 biturbo da 3,5 litri da 600 CV e presenta telaio e sospensioni derivati ​​​​dalla sua auto da competizione Hunter T1 del Bahrain Raid Xtreme (BRX) (im Image).

L'esclusiva serie di hypercar estreme sarà prodotta presso la sede di Prodrive a Banbury, nell'Oxfordshire, nei prossimi due anni

L’esclusiva serie di hypercar estreme sarà prodotta presso la sede di Prodrive a Banbury, nell’Oxfordshire, nei prossimi due anni

Il Prodrive Hunter è lungo 4,6 metri e largo 2,3 metri.  Questo lo rende leggermente più corto di una Range Rover, ma un po' più largo e molto più competente fuoristrada

Il Prodrive Hunter è lungo 4,6 metri e largo 2,3 metri. Questo lo rende leggermente più corto di una Range Rover, ma un po’ più largo e molto più competente fuoristrada

Sta nel mio garage? Prodrive cacciatore

Prezzo: £ 1,25 milioni più tasse locali (£ 1,5 milioni nel Regno Unito)

Produzione: 25 esempi

Integrato: Banbury, nell’Oxfordshire

Lunghezza: 4600 mm

Ampio: 2300 mm

Motore: Sintonizzato Ford V6 biturbo da 3,5 litri

Prestazione: Oltre 600 CV

Coppia: 700 Nm

Guidare: Trazione integrale permanente

Trasmissione: Cambio al volante a sei marce

Differenziali: Differenziale anteriore, centrale e posteriore

Telaio: Struttura tubolare in acciaio ad alta resistenza

Corpo: Composito in fibra di carbonio compresi materiali riciclati

Sospensione: Doppi bracci trasversali con sospensione a doppio ammortizzatore a corsa ultra lunga di Prodrive, due ammortizzatori regolabili per ruota

Freni: Pinze a sei pistoncini anteriori e posteriori con dischi freno ventilati

Ruote: Cerchi in alluminio forgiato da 17 pollici con pneumatici fuoristrada

Con le modifiche, Prodrive promette circa 600 CV, che in realtà sono 200 CV in più rispetto a quanto consentito dalle normative FIA ​​per i modelli da competizione rally-raid.

Il motore è abbinato a una trasmissione al volante a sei velocità che invia potenza a tutte e quattro le ruote in ogni momento, il che significa nessuna emissione o passaggio a due ruote motrici per risparmiare carburante quando si utilizza il veicolo in scenari meno impegnativi.

Il produttore britannico afferma che dovrebbe raggiungere i 62 mph in meno di quattro secondi e avere una velocità massima di circa 186 mph.

La carrozzeria è strettamente ispirata a quella del modello da corsa disegnato dall’ex capo del design Jaguar Ian Callum ed è lunga 4,6 metri e larga 2,3 metri.

Questo lo rende leggermente più corto di una Range Rover, ma un po’ più largo e molto più competente fuoristrada.

Gli aggiornamenti della piattaforma rispetto alla Racer includono un’ammortizzazione migliorata su terreni accidentati grazie al sistema a doppia sospensione proprietario di Prodrive a corsa ultra lunga, che è fissato a un telaio con telaio spaziale in acciaio ad alta resistenza.

Dispone inoltre di una gabbia di sicurezza standard FIA per proteggere gli occupanti e ha enormi piastre antiurto sul lato inferiore per proteggere i componenti meccanici quando si arrampica su terreni rocciosi ad alta velocità.

La versione da 25 strade avrà anche prese d’aria integrate per consentire rapidi cambi di pneumatici quando lasciata senza assistenza in mezzo al nulla.

Anche le ruote sono più grandi, con pneumatici fuoristrada da 38 pollici avvolti attorno a ruote da 17 pollici.

Ma mentre l’auto è ancora più veloce e più capace dell’auto da corsa, è anche più raffinata, afferma Prodrive.

Ian Callum ha progettato un nuovo interno che si adatta all’uso quotidiano più che alle esigenze delle corse: questo vede l’aggiunta di un display digitale per il guidatore e di una console centrale che ospita i tradizionali comandi di un’auto da strada.

Gli aggiornamenti della piattaforma rispetto al Racer includono un'ammortizzazione migliorata su terreni accidentati grazie al sistema a doppia sospensione proprietario di Prodrive a corsa ultra lunga, che è fissato a un telaio con telaio spaziale in acciaio ad alta resistenza

Gli aggiornamenti della piattaforma rispetto al Racer includono un’ammortizzazione migliorata su terreni accidentati grazie al sistema a doppia sospensione proprietario di Prodrive a corsa ultra lunga, che è fissato a un telaio con telaio spaziale in acciaio ad alta resistenza

Dispone inoltre di una gabbia di sicurezza standard FIA per proteggere gli occupanti e ha enormi piastre antiurto sul lato inferiore per proteggere i componenti meccanici quando si arrampica su terreni rocciosi ad alta velocità

Dispone inoltre di una gabbia di sicurezza standard FIA per proteggere gli occupanti e ha enormi piastre antiurto sul lato inferiore per proteggere i componenti meccanici quando si arrampica su terreni rocciosi ad alta velocità

Il marchio di prestazioni britannico promette che sarà

Il marchio di prestazioni britannico promette che sarà “l’auto fuoristrada di produzione più veloce al mondo”

David Richards, Presidente di Prodrive, descrive l’Hunter come segue: “Ci sono numerose hypercar sul mercato, ma tutte hanno bisogno di buone strade o addirittura di circuiti per mostrare le loro prestazioni.

“Abbiamo scoperto che in alcune parti del mondo, in particolare il Medio Oriente, c’è ancora un vasto territorio da esplorare ben oltre l’accesso alla strada asfaltata.

“Allora perché non creare un veicolo che offra l’opportunità di esplorare queste regioni con prestazioni ben superiori a quelle offerte prima da qualsiasi veicolo fuoristrada?”

Mentre la due posti può essere tecnicamente qualificata come motore anteriore, il motore nel telaio è arretrato così tanto verso l'abitacolo che parte del motore sporge di mezzo metro nell'abitacolo

Mentre la due posti può essere tecnicamente qualificata come motore anteriore, il motore nel telaio è arretrato così tanto verso l’abitacolo che parte del motore sporge di mezzo metro nell’abitacolo

Il leggendario capo del design Jaguar Ian Callum ha creato il display della +r e una console centrale che ospita i tradizionali comandi delle auto da strada.

Il leggendario capo del design Jaguar Ian Callum ha progettato i suoi nuovi interni, che sono stati integrati con un display digitale per il conducente (nella foto) e una console centrale che ospita i tradizionali comandi delle auto da strada.

Nella foto: Sebastien Loeb al volante della sua BRX Prodrive Hunter T1+ durante la fase 8 del Rally Dakar 2022 tra Al Dawadimi e Wadi Ad Dawasir il 10 gennaio 2022 a Wadi Ad Dawasir, Arabia Saudita

Nella foto: Sebastien Loeb al volante della sua BRX Prodrive Hunter T1+ durante la fase 8 del Rally Dakar 2022 tra Al Dawadimi e Wadi Ad Dawasir il 10 gennaio 2022 a Wadi Ad Dawasir, Arabia Saudita

Richards ha aggiunto: “Abbiamo preso la decisione consapevole di mantenere la Hunter Hypercar il più vicino possibile all’originale. Si tratta di dare ai proprietari l’opportunità di provare com’è guidare l’auto Dakar di Loeb attraverso il deserto, ma con tutti i comfort di un’auto da strada e la possibilità di guidarla comodamente da casa propria attraverso una città verso qualsiasi destinazione desideri scelta di guidare.’

L’intero corpo è realizzato in fibra di carbonio leggera che incorpora materiali riciclati prodotti dalla divisione compositi di Prodrive. Ciò include le porte a battente, che non sono incernierate verso l’esterno, ma per aprirle.

Richards ha dichiarato: “Il primo veicolo di sviluppo è attualmente in tournée in Medio Oriente offrendo ai clienti l’opportunità di guidare l’Hunter e confermare le loro specifiche personali per i veicoli di serie che saranno consegnati entro la fine dell’anno”.

Alcuni link in questo articolo potrebbero essere link di affiliazione. Se fai clic su questo, potremmo guadagnare una piccola commissione. Questo ci aiuta a finanziare This Is Money e a mantenerlo libero di usarlo. Non scriviamo articoli per promuovere i prodotti. Non permettiamo che un rapporto d’affari comprometta la nostra indipendenza editoriale.

Google emette un avviso per milioni di utenti di Chrome

Che cos’è, il mio telefono è a rischio e cosa posso fare?