in

La NASA si prepara a far schiantare una navicella spaziale contro un asteroide nel “test di difesa planetaria” – live | Nasa

Saremo (si spera) in grado di assistere alla collisione della navicella spaziale Dart con Dimorphos dal vivo, o almeno con qualche minuto di ritardo, grazie a quello che la NASA chiama il “mini-fotografo” della missione, il LICIACube (abbreviazione di Light Italian CubeSat per imaging asteroidi).

La navicella satellitare sorvolerà Dimorphos circa tre minuti dopo lo schianto di Dart, afferma la Nasa, con l’obiettivo di “confermare l’impatto della navicella spaziale, osservare l’evoluzione del pennacchio espulso, possibilmente catturare immagini del cratere da impatto appena formato e dell’emisfero opposto”. di Dimorphos che Dart non vedrà mai”.

Le telecamere erano già occupate. All’inizio di questa settimana, come parte del processo di calibrazione, LICIACube ha catturato immagini di una Terra a forma di mezzaluna e dell’ammasso stellare delle Pleiadi, noto anche come le Sette Sorelle.

En esta imagen el pequeño CubeSat italiano @LICIACube fotografió con su cámara LEIA a la Tierra a unos 11 millones de km de distancia.
Nos recuerda a la histórica imagen "Earthrise" capturada por William Anders durante la misión Apolo 8.https://t.co/tZEq6sHAyA pic.twitter.com/iRv1kHP9x1

— Ana Julia (@anajuliabanlei) September 26, 2022

n”,”url”:”https://twitter.com/anajuliabanlei/status/1574506087515975680″,”id”:”1574506087515975680″,”hasMedia”:false,”role”:”inline”,”isThirdPartyTracking”:false,”source”:”Twitter”,”elementId”:”d377776f-6341-48fe-ad02-bd2ce6205fba”}}”/>

Las primeras imágenes tomadas por un satélite italiano en el espacio profundo.
La @ASI_spazio mostró las primeras fotografías tomadas por @LICIACube que sigue a la sonda DART para observar el choque. Esta imagen del cúmulo abierto de las Pléyades fue captada por su cámara LUKE. pic.twitter.com/a0sTOpb4xm

— Ana Julia (@anajuliabanlei) September 26, 2022

n”,”url”:”https://twitter.com/anajuliabanlei/status/1574506082986180608″,”id”:”1574506082986180608″,”hasMedia”:false,”role”:”inline”,”isThirdPartyTracking”:false,”source”:”Twitter”,”elementId”:”a3e79fd3-b2d5-4178-9365-4f7548956c85″}}”>

Las Primeras Imágenes Tomadas por un satellite italiano en el espacio profundo.
la @ASI_spazio mostró las primeras fotografías tomadas por @LICIACube que sigue a la sonda DART para observar el choque. Questa immagine del cumulo di immagini delle Pleyades fue captada por su cámara LUKE. pic.twitter.com/a0sTOpb4xm

— Ana Julia (@anajuliabanlei) 26 settembre 2022

La parte di imaging del progetto è gestita dall’Ufficio Missione per l’Esplorazione Robotica dell’Agenzia Spaziale Italiana, mentre la responsabilità generale della gestione di DART spetta all’Applied Physics Laboratory della Johns Hopkins University a Laurel, nel Maryland, per il Planetary Defense Coordination Office della NASA.

Puoi leggere di più su LICIACube qui.

Ed ecco una dichiarazione che abbiamo rilasciato in precedenza sulla missione Dart, che la Nasa sta conducendo in collaborazione con gli scienziati della Johns Hopkins University.

È importante notare che al momento non vi è alcuna minaccia per la Terra da parte di un asteroide… questa missione di prova è stata condotta per valutare la nostra prontezza Se Un tale pericolo è mai sorto.

Ma è un argomento che è stato sotto gli occhi del pubblico ultimamente, in particolare con la commedia Netflix dell’anno scorso Don’t Look Up, in cui la Terra affronta il destino imminente di un asteroide minaccioso senza che nessuno se ne preoccupi o sembra accorgersene.

Ciao lettori del blog, appassionati di spazio e coloro che vogliono solo sapere se l’umanità può essere salvata dall’apocalisse di un asteroide gigante che si schianta sulla Terra.

Tra circa due ore, alle 19:14 ET, la Nasa farà i primi passi per scoprirlo. L’agenzia spaziale farà schiantare intenzionalmente un veicolo spaziale delle dimensioni di una piccola automobile contro Dimorphos, la luna dell’asteroide Didymos, in orbita a circa 6,8 milioni di miglia di distanza.

L’obiettivo di Missione Dart (test di reindirizzamento del doppio asteroide). è vedere se la traiettoria dell’asteroide può essere alterata dalla forza dell’impatto, suggerendo che l’umanità è in grado almeno di cercare di evitare un tale evento in stile Armageddon.

Un’impresa pluriennale da 325 milioni di dollari, il “test di difesa planetaria” senza precedenti è il primo di una serie di missioni della NASA per valutare la nostra disponibilità alla minaccia di un grande impatto di un asteroide.

Ti forniremo tutti gli sviluppi nelle prossime ore, ma prima di iniziare, diamo un’occhiata alla missione stessa:

SpaceX batte il record di turnaround del pad con due lanci di Falcon 9 in sei giorni

L’intelligenza artificiale riduce un problema di fisica quantistica con 100.000 equazioni a sole quattro equazioni