in

La lavastoviglie ecologica utilizza vapore surriscaldato invece del sapone per pulire i piatti

Uno studio mostra che le nuove tecnologie per le lavastoviglie potrebbero presto risparmiare su acqua, elettricità e detersivi.

I ricercatori hanno eseguito simulazioni di un sistema di lavaggio delle stoviglie che utilizza vapore surriscaldato invece del sapone per pulire i piatti.

Il vapore surriscaldato è un vapore estremamente caldo creato riscaldando il vapore saturo ottenuto dall’acqua bollente.

I risultati della simulazione al computer suggeriscono che una tale lavastoviglie potrebbe uccidere il 99 percento dei batteri su un piatto in soli 25 secondi.

Finora, la lavastoviglie esiste solo come modello al computer e non come oggetto fisico, ma i ricercatori affermano che il loro studio fornisce una base per lo sviluppo di lavastoviglie di nuova generazione.

La lavastoviglie ancora da costruire si presenta come una scatola con i lati pieni, un'apertura in alto e una bocchetta in basso

La lavastoviglie ancora da costruire si presenta come una scatola con i lati pieni, un’apertura in alto e una bocchetta in basso

VAPORE SURRISCALDATO

Il vapore surriscaldato è un vapore estremamente caldo creato riscaldando il vapore saturo ottenuto dall’acqua bollente.

Il vapore surriscaldato si ottiene aggiungendo calore al vapore saturo, aumentando la temperatura al di sopra della temperatura di saturazione a pressione costante.

L’uso del vapore surriscaldato consente ai dispositivi che convertono il calore in lavoro meccanico di funzionare in modo più efficiente.

Viene anche utilizzato nella lavorazione degli alimenti per la cottura e l’essiccazione e per la pulizia di superfici come pavimenti duri e piastrellati, apparecchiature per la lavorazione industriale e mobili.

Fonte: Germann et al./Enciclopedia Britannica

Lo studio è stato condotto da ricercatori dell’Università tecnica di Dortmund e dell’Università tecnica di Monaco.

“L’uso del vapore surriscaldato nelle lavastoviglie come un modo per ridurre il consumo di acqua e i tempi di pulizia senza l’uso di detergenti chimici ha un grande potenziale futuro per ristoranti, hotel e ospedali”, affermano nel loro articolo pubblicato su Physics of Fluids.

“Soprattutto in questi settori, la sicurezza igienica è una preoccupazione importante oltre alla rimozione degli avanzi”.

Le lavastoviglie tradizionali spesso non uccidono tutti i microrganismi dannosi che rimangono su piatti, ciotole e posate.

Richiedono anche lunghi tempi di ciclo che consumano grandi quantità di elettricità e il sapone che viene pompato dentro e fuori viene rilasciato nelle fonti d’acqua e inquina l’ambiente.

Le lavastoviglie a vapore surriscaldate potrebbero essere una soluzione più efficace ed ecologica, affermano i ricercatori.

La loro proposta di lavastoviglie a vapore inizialmente costerebbe di più, ma a lungo termine ripagherebbe in risparmi su acqua, elettricità e detersivo.

Sarebbe l’ideale per l’uso in ristoranti, hotel e ospedali che devono soddisfare elevati standard igienici.

Concentrazione batterica sul piatto in lavastoviglie nel tempo.  Il vapore surriscaldato uccide i batteri entro 25 secondi

Concentrazione batterica sul piatto in lavastoviglie nel tempo. Il vapore surriscaldato uccide i batteri entro 25 secondi

Per il loro studio, il team ha modellato il modello di flusso e la forma del getto di vapore ad alta temperatura nella macchina proposta.

Il team afferma che la lavastoviglie di nuova generazione sarebbe essenzialmente una scatola con pareti laterali solide, un’apertura superiore e un ugello nella parte inferiore.

Una piastra ricoperta di batteri verrebbe posizionata direttamente sopra l’ugello e una volta che la piastra raggiunge una temperatura di soglia i microrganismi vengono inattivati.

“Il vapore esce dall’ugello a una velocità molto elevata”, afferma l’autrice dello studio Natalie Germann dell’Università tecnica di Dortmund.

Quando il vapore si espande nella lavastoviglie, onde d’urto e vortici si sviluppano vicino all’uscita dell’ugello, attorno al perimetro della piastra e sulle pareti laterali della lavastoviglie.

“Queste onde e vortici consentono un lungo tempo di interazione con il vapore surriscaldato per rilasciare il suo calore latente e aumentare la temperatura, favorendo la disattivazione batterica”, affermano gli autori.

Le attuali lavastoviglie domestiche e commerciali fanno circolare acqua e sapone per pulire i piatti (foto d'archivio)

Le attuali lavastoviglie domestiche e commerciali fanno circolare acqua e sapone per pulire i piatti (foto d’archivio)

Mentre il team si è concentrato sui batteri, i getti di vapore potrebbero essere utilizzati anche per inattivare altri microrganismi e rimuovere i detriti alimentari.

I ricercatori ammettono che ci vogliono 25 secondi per lavare un singolo piatto, quindi le applicazioni del mondo reale, ad esempio in un ristorante, richiederebbero un sistema che lava più piatti contemporaneamente.

“In futuro, saremo in grado di simulare una lavastoviglie di dimensioni standard con più piastre e fornire risultati più quantitativi”, ha affermato Germann.

“Dobbiamo verificare quanto velocemente il vapore può raggiungere tutti i punti della lavastoviglie.”

LA LAVASTOVIGLIE ROBOTIZZATA CHE PUÒ LAVARE CENTINAIA DI PIATTI POTREBBE SOSTITUIRE LE PERSONE NELLE CUCINE DEI RISTORANTI

Una lavastoviglie robotizzata in grado di lavare centinaia di piatti sporchi potrebbe sostituire i lavoratori umani.

Dishcraft, un servizio di pulizia a San Carlos, in California, ha sviluppato il sistema con l’obiettivo di alleviare le persone dai turni estenuanti nelle cucine dei ristoranti.

Il robot Dishcraft attualmente funziona solo con piatti e ciotole che l’azienda sviluppa autonomamente e hanno parti metalliche attaccate sul fondo.

I lavoratori posizionano una pila di piatti in una fessura in cui il robot li raccoglie prima di appenderli su un raschietto per alimenti, che rimuove eventuali residui di cibo prima di risciacquare il resto dello sporco con acqua riciclata.

Il robot utilizza telecamere e sensori per rilevare quando la lastra è stata ripulita.

Continua a leggere

Goonhilly – la stazione che supporta la missione lunare Artemis della NASA dalla Cornovaglia | Nasa

I capi di laboratorio lottano con la mancanza di post-dottorati