in

La BoE vede l’inflazione intensificarsi questo autunno mentre la guerra in Ucraina spinge al rialzo i prezzi dell’energia | notizie di affari

La Banca d’Inghilterra ha avvertito che le pressioni inflazionistiche sulle famiglie si intensificheranno ulteriormente questo autunno dopo che l’invasione russa dell’Ucraina ha aumentato la pressione sui prezzi dell’energia.

L’aumento dell’inflazione – che dovrebbe raggiungere l’8% il mese prossimo – ha spinto la banca ad aumentare il tasso di interesse di 0,25 punti percentuali allo 0,75%, riportandolo ai livelli pre-pandemia.

Ma invece di raggiungere il picco ad aprile, il tasso di aumento dei prezzi al consumo in ottobre dovrebbe raggiungere un livello ancora più alto che potrebbe essere “diversi punti percentuali” in più rispetto alle proiezioni del mese scorso, ha affermato la banca.

Utilizza il browser Chrome per un lettore video più accessibile

Perché l’aumento delle materie prime aumenta le pressioni inflazionistiche

L’impennata dell’inflazione prevista per il prossimo mese è stata guidata da un aumento del 54% del tetto energetico di Ofgem, innescato dall’aumento dei prezzi all’ingrosso dell’energia, che dovrebbe entrare in vigore.

Ma l’invasione russa dell’Ucraina ha spinto i prezzi all’ingrosso ancora più in alto – e ciò potrebbe significare che le bollette aumenteranno di un altro 35% quando il limite verrà ripristinato in ottobre, secondo il Comitato di politica monetaria (MPC) della banca.

L’MPC ha affermato che gli sviluppi dall’ultima serie di previsioni economiche di febbraio “è probabile che accentuino sia il picco dell’inflazione che l’impatto negativo sull’attività intensificando le pressioni sui redditi delle famiglie”.

È notevole perché la banca era già lì previsione il mese scorso che anche prima degli effetti della guerra, le famiglie stavano affrontando un calo del 2% del reddito reale quest’anno, il più grande da quando sono iniziati record comparabili tre decenni fa.

Le ultime dichiarazioni hanno indicato l’aumento dei prezzi delle materie prime, compresi alimentari ed energia, dopo l’invasione della Russia, che aggraverebbe anche le interruzioni della catena di approvvigionamento globale, “e ha aumentato notevolmente l’incertezza sulle prospettive economiche”.

La crescita economica nei paesi che sono importatori netti di energia, incluso il Regno Unito, è destinata a rallentare, ha affermato l’MPC.

Utilizza il browser Chrome per un lettore video più accessibile

I prezzi del petrolio “immensamente volatili” per i prossimi mesi.

La banca prevede che il PIL del Regno Unito sia cresciuto leggermente meglio di quanto previsto in precedenza nel primo trimestre di quest’anno, come emerso dalle restrizioni Omicron.

Ma c’erano anche “segnali preliminari che le pressioni sul reddito disponibile reale cominciavano a pesare sul settore delle famiglie”.

L’aumento del tasso della banca è il terzo aumento consecutivo in altrettante riunioni politiche.

È stato ridotto allo 0,1% due anni fa, quando i funzionari hanno adottato misure di emergenza per cercare di attutire l’economia e i mercati finanziari in vista della recessione causata dal COVID-19, ed è aumentato sia a dicembre che a febbraio.

Gli aumenti dei tassi interesseranno direttamente circa due milioni di proprietari di case con mutui a tasso variabile.

L’inflazione è già a Massimo da tre decenni al 5,5% – rispetto all’obiettivo della Banca del 2%.

L’MPC ha riconosciuto che lo shock causato dall’invasione russa dell’Ucraina ostacolerà la crescita economica e farà aumentare l’inflazione.

Ciò significa che deve affrontare un attento atto di bilanciamento dell’aumento dei tassi di interesse per mitigare gli aumenti dei prezzi senza muoversi abbastanza bruscamente da rischiare di gettare il Regno Unito in una nuova recessione.

Gli analisti hanno visto un certo ammorbidimento del linguaggio utilizzato dall’MPC sulle prospettive di ulteriori aumenti nei prossimi mesi nei verbali della sua riunione più recente, in cui i suoi membri hanno votato 8 a 1 per aumentare i tassi.

Ha affermato di “ritenere opportuno un ulteriore modesto inasprimento nei prossimi mesi, ma c’erano dei rischi
su entrambi i lati di tale giudizio, a seconda di come si è evoluta la prospettiva a medio termine”

L’economista della CBI Alpesh Paleja ha dichiarato: “L’MPC sta chiaramente adottando misure per contrastare l’aumento dell’inflazione.

“Ma andranno sul filo del rasoio nei prossimi mesi”.

Samuel Tombs, capo economista del Regno Unito presso Pantheon Macroeconomics, ha dichiarato: “I verbali di oggi ci danno più fiducia che il ciclo di rialzo dei tassi si arresterà dopo che il comitato ha aumentato i tassi di interesse all’1%, molto probabilmente nel prossimo incontro di maggio”.

ANALISI DI PAUL KELSO, CORRISPONDENTE ECONOMICO

Paul Kelso - Corrispondente sanitario

Paolo Kelso

corrispondente di affari

@pkelso

Quando il Comitato di politica monetaria della Banca d’Inghilterra si è riunito per discutere i tassi di interesse il mese scorso, l’Ucraina non è stata nemmeno menzionata.

Che differenza fanno sei settimane.

Alla riunione dei responsabili politici della banca di mercoledì, l’invasione russa è stata la prima riga del verbale e la banca ha fatto il passo senza precedenti di parlare della geopolitica e condannare l'”invasione non provocata” della Russia.

“L’invasione dell’Ucraina ha portato a un altro forte aumento dei prezzi dell’energia e di altre materie prime, compresi i prezzi dei generi alimentari”, conclude il comitato.

“È anche probabile che aggraverà le interruzioni delle catene di approvvigionamento globali e ha aumentato significativamente l’incertezza sulle prospettive economiche.

“Le pressioni inflazionistiche globali aumenteranno in modo significativo nei prossimi mesi”.

Il drammatico spostamento dell’attenzione in poche settimane mostra quanto l’emergere di un conflitto su vasta scala e l’ondata di sanzioni imposte in risposta alla Russia abbiano ribaltato le aspettative economiche per il prossimo anno.

‘Mi sono sentito subito elettrizzato’: le confessioni di Joe Cornish di un tossicodipendente britannico | Musica classica

La Banca d’Inghilterra sta alzando nuovamente i tassi di interesse per frenare l’inflazione