in

La Banca d’Inghilterra alza i tassi di interesse allo 0,75% mentre l’inflazione sale | interessi

La Banca d’Inghilterra ha risposto alla probabilità che la guerra in Ucraina spingerà l’inflazione a circa il 10% quest’anno portando i tassi di interesse ai livelli pre-pandemia dello 0,75%.

Il Monetary Policy Committee (MPC) di Threadneedle Street ha votato 8-1 per aumentare i costi finanziari di 0,25 punti percentuali: la prima volta in oltre due decenni che la banca ha aumentato i tassi in tre riunioni consecutive.

La banca ha affermato che l’invasione della Russia l’ha costretta a riconsiderare le sue previsioni per il picco dell’inflazione quest’anno e che ora dovrebbe arrivare di “pochi punti percentuali” al di sopra del 7,25% precedentemente previsto.

Prima della riunione c’erano state speculazioni sul fatto che alcuni membri dell’MPC potessero optare per un aumento di mezzo punto, ma solo uno – Jon Cunliffe – non era d’accordo con la maggioranza votando per lasciare invariati i tassi di interesse.

Gli altri otto membri del MPC hanno deciso che erano necessarie nuove misure per riportare l’inflazione – attualmente al massimo da tre decenni del 5,5% – all’obiettivo del governo del 2%. Hanno sottolineato la rigidità dei mercati del lavoro e la pressione al rialzo su costi e prezzi.

È probabile che i verbali della riunione alimenteranno i timori che l’economia sia diretta verso un periodo di stagflazione: crescita debole e forte pressione al rialzo sui prezzi.

“È probabile che gli sviluppi dal rapporto di febbraio amplificheranno sia il picco dell’inflazione che l’impatto negativo sull’attività economica aumentando la pressione sui redditi delle famiglie”, ha affermato la banca.

“Le pressioni inflazionistiche globali continueranno a crescere in modo significativo nei prossimi mesi, mentre è probabile che le economie che sono importatori netti di energia, incluso il Regno Unito, vedranno un rallentamento della crescita”.

La banca ha affermato che la crescita di gennaio è stata più forte del previsto, ma la fiducia dei consumatori è stata danneggiata dal calo del tenore di vita. “È probabile che questo impatto sul reddito reale aggregato sia ora significativamente maggiore di quanto suggerito nel rapporto di febbraio, coerentemente con una prospettiva più debole per la crescita e l’occupazione, a parità di tutto il resto”.

Nonostante le forti pressioni inflazionistiche, la banca ha adottato un tono meno aggressivo sui futuri aumenti dei tassi rispetto alla Federal Reserve, che quest’anno prevede altri sei aumenti del costo del debito. L’MPC ha affermato che nei prossimi mesi potrebbe essere necessario un ulteriore “modesto” inasprimento monetario a seconda delle prospettive di inflazione a medio termine.

La banca prevede che l’inflazione annua aumenterà a circa l’8% nel secondo trimestre del 2022, e forse anche più in alto entro la fine dell’anno.

C’era il rischio che l’aumento dei prezzi dell’energia spingesse il regolatore energetico britannico Ofgem ad aumentare “in modo significativo” il suo limite di prezzo in ottobre.

“Ciò potrebbe spingere temporaneamente l’inflazione verso la fine di quest’anno al di sopra dei livelli previsti ad aprile, precedentemente previsti per il picco. Inoltre, si prevede che l’inflazione diminuirà in modo significativo poiché i prezzi dell’energia smetteranno di aumentare e le pressioni sul reddito reale e sulla domanda eserciteranno significative pressioni al ribasso sull’inflazione generata a livello nazionale”.

La banca ha affermato che non c’era nulla che potesse fare per impedire che l’aumento dei prezzi dell’energia e di altre materie prime influisca sul tenore di vita.

“L’economia ha recentemente affrontato una serie di shock molto grandi. L’invasione russa dell’Ucraina è un altro shock del genere”, ha affermato.

La banca ha alzato i tassi per la prima volta a dicembre dallo 0,1% allo 0,25% e li ha aumentati ulteriormente, allo 0,5% a febbraio.

Brooklyn Beckham rivela di portare in giro frizzanti etichette d’amore del fidanzato Nicola Peltz

Samsung annuncia la sua prima TV OLED QD, i prezzi delle azioni per la lineup 2022