in

Il vomito preistorico rivela un banchetto da far girare lo stomaco milioni di anni fa: ScienceAlert

Centinaia di milioni di anni fa, una creatura carnivora mangiò un banchetto di anfibi preistorici e poi vomitò il suo pasto.

Ora i paleontologi hanno portato alla luce il rutto e pubblicato le loro scoperte sull’antico upchuck.

Nel 2018, i ricercatori hanno scoperto la regurgitalite – resti fossili del contenuto dello stomaco di un animale, noto anche come bromalite – durante uno scavo nella parte sud-orientale dello Utah della Formazione Morrison.

Estesa negli Stati Uniti occidentali, questa striscia di roccia sedimentaria è un terreno fertile per i fossili del tardo Giurassico (da 164 a 145 milioni di anni fa).

Questa sezione in particolare, soprannominata “Jurassic Salad Bar” dai paleontologi locali, contiene i resti fossili di piante e altra materia organica anziché ossa di animali.

Quando un team che includeva ricercatori dello Utah Geological Survey (UGS) si è imbattuto nel “piccolo mucchio compatto” di resti rigurgitati che non misuravano più di un terzo di pollice quadrato, sapevano di aver trovato qualcosa di speciale, gli scienziati hanno riferito in un studio pubblicato sulla rivista il 25 agosto Paleo.

“Ciò che ci ha colpito è stata questa bassa concentrazione di ossa di animali in uno spazio relativamente piccolo”, ha detto a WordsSideKick.com l’autore principale John Foster, curatore dello Utah Field House of Natural History State Park Museum a Vernal.

“Di solito non ci sono resti di animali in questo sito, solo piante e le ossa che abbiamo trovato non erano disposte [amongst the rock] ma concentrati su questo punto. Queste sono le prime ossa che abbiamo mai visto lì”.

Relazionato: Il gigantesco fossile giurassico in Portogallo potrebbe essere il più grande dinosauro mai trovato in Europa

Inizialmente, la squadra non sapeva di aver trovato del vomito preistorico. Invece, gli scienziati pensavano di aver scoperto le ossa di un essere vivente, finché “si sono resi conto che alcuni di loro sembravano falsi e non tutti provenivano da una singola salamandra”, ha detto Foster.

“A ben guardare, la maggior parte del materiale proviene da una rana e almeno da una salamandra. Fu allora che iniziammo a sospettare che ciò che stavamo vedendo fosse stato vomitato da un predatore”.

Ossa pietrificate dal vomito.
Le ossa di rana e un femore che potrebbe essere appartenuto a una salamandra riempiono un presunto “rigurgitalite” che gli scienziati ritengono provenga da un pesce antico. (JR Foster et al., Paleo2022)

Questi resti includono ossa di anfibi, in particolare femori di una rana e una salamandra, e vertebre di una o più specie non identificate.

In tutto, secondo lo studio, sono stati trovati quasi una dozzina di frammenti ossei insieme a una matrice di tessuti molli fossilizzati.

E a differenza delle coproliti (feci fossilizzate), questo rigurgito non viene completamente digerito, portando i ricercatori a determinare che si tratta di un rigurgitalite.

Sebbene ci siano numerosi reperti di rigurgitalite in tutto il mondo, Foster ha affermato che questo è il primo caso noto di rigurgitalite nella Formazione Morrison, definendo la scoperta “unica”.

Anche se non c’è modo di sapere esattamente quale specie animale abbia perso il pranzo milioni di anni fa – o perché in primo luogo si sia soffocato – ulteriori analisi potrebbero determinare altri componenti degli animali parzialmente digeriti che il predatore ha ingoiato.

“Pensiamo che ci sia di più in questa cosa oltre alle minuscole ossa di anfibio”, ha detto Foster. “Attraverso un’analisi chimica, possiamo iniziare a escludere le cose e determinare di cosa sono fatti esattamente i tessuti molli”.

Contenuto relativo:

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da Live Science. Leggi l’articolo originale qui.

Una misteriosa palla di fuoco aleggia sulla Scozia

Rilevate nuove fasi dell’acqua