in

Il telescopio spaziale James Webb della NASA scatta una foto delle impronte digitali della polvere create da due stelle | Notizie di scienza e tecnologia

Una nuova immagine del James Webb Space Telescope (JWST) mostra almeno 17 anelli di polvere che ricordano un’impronta digitale presa da un raro tipo di stella e dalla sua compagna.

Situato a più di 5.000 anni luce dalla Terra, il duo cosmico è conosciuto collettivamente come Wolf-Rayet 140 (WR 140).

Ogni anello si è formato quando le due stelle si sono avvicinate l’una all’altra e i flussi di gas che soffiano nello spazio si sono scontrati, comprimendo il gas e formando polvere.

L’orbita delle stelle le riunisce circa ogni otto anni, con anelli di polvere che segnano il passare del tempo.

Ryan Lau, astronomo del NOIRLab della National Science Foundation, ha dichiarato: “Stiamo osservando oltre un secolo di produzione di polvere da questo sistema.

“L’immagine mostra anche quanto sia sensibile JWST. In precedenza potevamo vedere solo due anelli di polvere con telescopi a terra. Ora ne vediamo almeno 17″.

Il Mid-Infrared Instrument (MIRI) di Webb è particolarmente adatto per studiare gli anelli di polvere che i ricercatori chiamano conchiglie perché vede una gamma di lunghezze d’onda nella luce infrarossa che sono invisibili all’occhio umano.

Lo UK Astronomy Technology Center (UK ATC) ha aiutato a progettare e costruire lo spettrometro del MIRI, che è stato utilizzato per rivelare la composizione della polvere, che consiste principalmente nel materiale emanato da un tipo speciale di stella chiamata la stella Wolf-Rayet viene espulsa.

Una stella del genere nasce con almeno 25 volte la massa del Sole terrestre e si sta avvicinando alla fine della sua vita.

Una stella Wolf-Rayet brucia più calda di quando era giovane, creando forti venti che espellono enormi quantità di gas nello spazio.

La stella Wolf-Rayet in questa coppia potrebbe aver perso più della metà della sua massa originale nel processo, suggeriscono gli esperti.

Dicono che mentre alcuni altri sistemi Wolf-Rayet impolverano, nessuno è noto per creare anelli come Wolf-Rayet 140.

Hanno detto che il modello ad anello unico si forma perché l’orbita della stella in WR 140 è allungata anziché circolare.

Solo quando le stelle si avvicinano al Sole all’incirca alla stessa distanza dalla Terra e i loro venti entrano in collisione, il gas diventa abbastanza pressurizzato da formare polvere.

Gli astronomi ritengono che i venti di WR 140 abbiano anche ripulito l’area dal materiale residuo, il che potrebbe spiegare perché gli anelli sono così incontaminati.

dott Olivia Jones, Webb Fellow presso l’ATC del Regno Unito a Edimburgo e coautrice dello studio, ha dichiarato: “Non solo questa è un’immagine spettacolare, ma questo raro fenomeno sta rivelando nuove prove sulla polvere cosmica e su come può sopravvivere nell’aspro spazio ambienti.

“Questo tipo di scoperte si stanno aprendo solo ora a noi attraverso il potere di Webb e MIRI”.

I risultati sono pubblicati sulla rivista Nature Astronomy.

Il mese scorso il telescopio ha catturato la sua prima immagine di un pianeta al di fuori del sistema solaree ha precedentemente ha rivelato dettagli sbalorditivi la Galassia Ruota di Carro e ho guardato una stella morente e una “danza cosmica”.

Gli scienziati stanno scoprendo un meccanismo vegetale precedentemente sconosciuto e il suo impatto potrebbe essere enorme

“Wobbly Black Hole” l’esempio più estremo mai scoperto