in

Il rover su Marte della NASA ha davvero trovato una porta sul pianeta rosso?

Durante l’esplorazione di Marte per la vita antica, il rover Curiosity della NASA ha trovato qualcosa di interessante: una formazione rocciosa che sembra una porta aliena.

Il rover Curiosity della NASA ha recentemente condiviso l’immagine di una “porta”. Marte, e come al solito con queste cose, molte persone si chiedono come sia nato lo strano oggetto. Nonostante sia un minuscolo puntino rispetto all’intero universo, il nostro sistema solare racchiude ogni sorta di misteri. Giove ha un’enorme tempesta che imperversa da centinaia di anni. Il complicato sistema di anelli di Saturno è diverso da tutti i suoi pianeti vicini. Urano è l’unico pianeta del sistema solare che ruota su un lato.

E ovviamente c’è Marte. Sebbene non abbia tempeste da record o un enorme sistema ad anello, Marte si distingue per ragioni proprie. È uno dei pianeti più vicini alla Terra, un tempo ospitava antichi laghi e ha registrato prove di carbonio sul pianeta, uno dei mattoni più importanti per la vita. Gli scienziati devono ancora confermare se la vita sia mai esistita (o esiste ancora) su Marte, ma è qualcosa che gli umani cercano sempre di capire.

SCREENRANT VIDEO DEL GIORNO

Correlati: vermi di Marte? La foto del New Rover mostra una formazione rocciosa minuscola e particolare

Uno dei modi principali in cui abbiamo provato a cercare la vita marziana è con i rover come Curiosity e Perseverance. Questi rover pattugliano il pianeta rosso, analizzandone la superficie e scattando foto apparentemente infinite dei loro viaggi. Quest’ultimo punto si è rivelato uno degli aspetti più interessanti dei rover. Come ci si potrebbe aspettare, condividere migliaia e migliaia di foto di un mondo alieno produce spesso strani risultati. I rover della NASA hanno scoperto formazioni rocciose che sembrano astronavi, vermi e persino rane giganti. Di recente, Internet ha brulicato di una nuova foto di curiosità che sembra mostrare una “porta” aliena su Marte.


La verità dietro quella “porta” marziana


Marte dalla NASA.

A prima vista, l’oggetto sopra sembra davvero una porta. È incastonato in una grande formazione rocciosa e sembra avere un ingresso profondo. C’è anche quella che sembra essere una piccola tenda in pietra sopra l’ingresso della porta. Anche se sembra che gli alieni marziani lo abbiano costruito milioni di anni fa, la realtà del “cancello” non è così eccitante.

Come abbiamo visto nelle foto di “vermi” e “rane” marziani, la porta che vedete qui non è affatto una porta. Invece, è solo una formazione naturale scavata in una parte della superficie rocciosa di Marte. Parlare con scienza viva, il geologo Neil Hodgson teorizza che l’ingresso su Marte sia il risultato dell’erosione del pianeta rosso. Hodgson crede che le rocce che formano la parte esterna della porta siano strati – “letti di sabbia più duri” che potrebbero essersi formati in un antico fiume. Poiché gli strati sono stati esposti al vento costante sulla superficie di Marte per miliardi di anni, si è gradualmente trasformato in una “porta di accesso”. gizmodo ha anche parlato con Ashwin Vasavada del Mars Science Laboratory che ha detto che la porta è “solo lo spazio tra due fratture in una roccia.”


Sebbene non sia un’antica struttura extraterrestre, la Porta di Marte è uno straordinario esempio di geologia marziana. Un pianeta composto principalmente da roccia e sabbia non sembra eccitante in superficie, ma come abbiamo visto più e più volte, Marte ospita delle immagini davvero incredibili. Che si tratti di un verme, di una porta o di qualunque cosa la NASA trovi dopo, Marte è niente se non è divertente.

Successivo: Qual è la gigantesca “impronta digitale” fotografata dalla NASA su Marte?

Fonte: NASA, Live Science, Gizmodo

Mike Youngquist in Fidanzato in 90 giorni

Fidanzato di 90 giorni: la nuova rivelazione di Mike ha fatto svenire i fan di Instagram


Circa l’autore

Nuovo laboratorio statunitense per creare versioni di atomi mai registrati sulla Terra | fisica delle particelle

Il modello standard della fisica delle particelle potrebbe essere infranto, spiega un fisico del Large Hadron Collider