in

Il rover Mars della NASA fa una scoperta “sorprendente” alla ricerca della vita passata

Il braccio robotico del rover Perseverance sta lavorando su uno sperone roccioso chiamato

Perseverance ha usato il suo braccio robotico per raccogliere nuclei di roccia da uno sperone chiamato Skinner Ridge, parte di un antico delta fluviale su Marte.Fonte: NASA/JPL-Caltech/ASU/MSSS

Da luglio, il rover Perseverance della NASA ha perforato e raccolto quattro sottili nuclei di roccia sedimentaria che si sono formati in un ex lago su Marte. Sono i primi di questo tipo di roccia ad essere raccolti da un altro mondo – e gli scienziati sono entusiasti perché almeno due dei nuclei contengono probabilmente composti organici.

Sulla Terra, i composti organici, che sono molecole contenenti carbonio, sono spesso associati agli esseri viventi, sebbene possano formarsi senza il coinvolgimento degli organismi.

In aggiunta all’eccitazione che circonda i campioni di roccia, Perseverance li ha raccolti da un antico delta nel cratere Jezero di Marte, dove un fiume aveva depositato strati di sedimenti e forse altra materia. I delta dei fiumi sulla Terra pullulano spesso di organismi viventi. Se mai c’è stata vita a Jezero, questi nuclei sono probabilmente la migliore possibilità per la NASA di trovarla.

Avere i nuclei è “fantastico” se gli scienziati sperano mai di rispondere a questa domanda, afferma Tanja Bosak, geobiologa del Massachusetts Institute of Technology di Cambridge.

Nei prossimi anni, la NASA e l’Agenzia spaziale europea hanno in programma di inviare altri veicoli spaziali a Jezero per raccogliere i nuclei raccolti da Perseverance e riportarli sulla Terra, dove gli scienziati li analizzeranno utilizzando tecniche di laboratorio avanzate. I campioni, che non dovrebbero arrivare prima del 2033, saranno i primi in assoluto riportati da Marte.

“Per affrontare la sfida e le spese di una missione di ritorno di un campione su Marte, abbiamo bisogno di un’ampia selezione di rocce da riportare indietro”, ha affermato Laurie Leshin, direttrice del Jet Propulsion Laboratory a Pasadena, in California, in una conferenza stampa del 15 settembre. “Siamo partiti alla grande”

ricerca sedimentaria

Perseverance è atterrato nel cratere Jezero largo 45 chilometri nel febbraio 2021. Il suo obiettivo principale è cercare segni di vita passata e il suo obiettivo principale è il delta del fiume di 3,5 miliardi di anni, dove i sedimenti molto tempo fa si sono trasformati in roccia.

Una mappa annotata del cratere Jezero su Marte che mostra le Three Forks, l'Hawksbill Gap e la posizione del rover a Enchanted Lake

La perseveranza ha viaggiato fino al bordo dell’antico delta del fiume Jezero Crater (da destra) all’inizio di quest’anno. Una volta lì, ha raccolto nuclei di roccia da luoghi vicino a Hogwallow Flats. Quindi è tornato in un’area chiamata Enchanted Lake dove si trova attualmente.Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/Università dell’Arizona/USGS

La perseveranza ha trascorso più di un anno in rotta verso il delta per condurre i suoi studi principali. Dopo essere atterrato più lontano dal delta di quanto gli scienziati avessero sperato, ha navigato intorno al fondo di Jezero, dove ha sorprendentemente trovato rocce “ignee” formate direttamente dal magma fuso o dall’attività vulcanica. Gli scienziati si aspettavano che il fondo del cratere, un tempo il fondo di un lago, contenesse roccia sedimentaria.

È stato solo nell’aprile 2022, quando Perseverance è finalmente arrivata nel delta, che gli scienziati hanno trovato quello che stavano cercando. Negli ultimi mesi, il rover ha raccolto due coppie di carote da diversi tipi di rocce sedimentarie che costituiscono il bordo del delta.

Una coppia proviene da uno sperone roccioso noto come Skinner Ridge, che è costituito da arenaria a grana fine, simile a un tipo di roccia che si trova in molti luoghi della Terra. Da vicino, i nuclei di Skinner Ridge appaiono luminosi nelle fiale campione di Perseverance, tempestate di granelli rotondi di materiale scuro. Questi grani più scuri erano probabilmente trasportati dall’antico fiume che un tempo scorreva a Jezero da regioni distanti forse centinaia di chilometri. Lo studio dei grani potrebbe dire agli scienziati qualcosa sulla storia di aree lontane di Marte.

L’altra coppia principale raccolta di recente proviene da un luogo chiamato Wildcat Ridge, che si trova a soli 20 metri da Skinner Ridge. Questi campioni sono di colore più chiaro e più omogenei. Sembrano essere un mudstone, a grana ancora più fine dei nuclei Skinner Ridge. Più i grani di una pietra sono fini, più è probabile che contenga prove di vite passate. Sulla Terra, i piccoli granelli tendono a depositarsi in ambienti a bassa energia come il fondo di uno stagno, dove possono intrappolare organismi in decomposizione o altri segni di vita che vi si depositano.

Due immagini che mostrano viste ravvicinate di due tipi di roccia marziana studiati dal rover Perseverance

Il rover ha sondato le rocce sedimentarie a Skinner Ridge (a sinistra) e Wildcat Ridge (a destra) macinando chiazze circolari. La roccia Skinner-Ridge conteneva grani scuri, mentre la macchia Wildcat-Ridge era di colore più chiaro e di grana più fine.Credito fotografico: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Wildcat Ridge è anche il luogo in cui gli scienziati hanno scoperto le molecole organiche. Adiacente al punto in cui Perseverance ha perforato i suoi due nuclei, il rover ha scavato nella roccia un cerchio largo 5 centimetri per rivelarne la trama interna. Il rover ha quindi esteso il suo braccio robotico e ha ispezionato la mineralogia della roccia.

Si è rivelato essere più ricco di materia organica di qualsiasi altro sito studiato in precedenza da Perseverance, ha affermato Sunanda Sharma, scienziata planetaria del Jet Propulsion Laboratory. E la materia organica sembra essere maggiormente concentrata in luoghi ricchi anche di minerali solfati, che possono contenere segni di vita. Ciò suggerisce che la materia organica e i minerali solfati si sono concentrati quando il lago che un tempo riempiva Jezero è evaporato, ha detto Sharma.

Continua a rotolare

Perseverance si è già spostata in un’altra area conosciuta come Enchanted Lake che era stata precedentemente esplorata. Lì lavorerà per raccogliere un altro paio di campioni di roccia a grana fine, così come parte del materiale che giace sulla superficie di Marte.

Qualche tempo prima della fine dell’anno, si prevede che sei o più campioni di carote saranno collocati sul terreno dove fungeranno da raccolta iniziale di rocce che potrebbero essere incluse in futuro. Perseverance manterrà il resto dei suoi tubi a bordo – alcuni pieni e altri vuoti – e continuerà ad esplorare Jezero. Alla fine si arrotolerà in cima al delta e poi più fuori dal cratere sull’antico terreno al di là.

Il compagno di Perseverance, l’elicottero in miniatura Ingenuity, è durato molto più a lungo di quanto i suoi progettisti non avessero mai pensato. Ha recentemente completato il suo 31° volo dopo essere stato progettato per soli cinque. L’ingegno ha volato con il rover e lo ha aiutato a trovare la strada da percorrere.

La NASA sta cercando nuovi astronauti lunari per le future missioni lunari Artemis

Gli scienziati pensavano che i batteri fossero innocui: si sbagliavano