in

Il resoconto più preciso dell’energia oscura e della materia oscura fino ad oggi

Il resoconto più preciso dell'energia oscura e della materia oscura fino ad oggi

Credito fotografico: NASA/CXC/U.Texas

Gli astrofisici hanno eseguito una nuova potente analisi che pone i limiti più precisi alla composizione e all’evoluzione dell’Universo. I cosmologi sono a un bivio con questa analisi, nota come Pantheon+.

Pantheon+ afferma in modo convincente che il cosmo è costituito per circa due terzi da energia oscura e per un terzo da materia – per lo più sotto forma di materia oscura – e si è espanso a un ritmo accelerato negli ultimi miliardi di anni. Tuttavia, Pantheon+ cementa anche un grande disaccordo sul ritmo di questa espansione che deve ancora essere risolto.

Posizionando le teorie cosmologiche moderne dominanti conosciute come il Modello Standard della Cosmologia su una base di prove e statistiche ancora più solide, Pantheon+ chiude la porta a strutture alternative che tengano conto dell’energia oscura e della materia oscura. Entrambi sono pietre miliari del Modello Standard della cosmologia, ma devono ancora essere scoperti direttamente e sono tra i più grandi misteri del modello. Basandosi sui risultati del Pantheon+, i ricercatori possono ora condurre test di osservazione più accurati e perfezionare le spiegazioni per il presunto cosmo.

“Con questi risultati del Pantheon+, siamo in grado di vincolare la dinamica e la storia dell’Universo fino ad oggi nel modo più preciso possibile”, afferma Dillon Brout, Einstein Fellow presso il Center for Astrophysics | Harvard e Smithsonian. “Abbiamo esaminato i dati e ora possiamo dire con più sicurezza che mai come l’universo si sia evoluto nel corso degli eoni e che le attuali migliori teorie sull’energia oscura e sulla materia oscura valgono”.

Brout è l’autore principale di una serie di articoli che descrivono la nuova analisi Pantheon+, pubblicati oggi congiuntamente in un numero speciale di Il diario astrofisico.

Pantheon+ si basa sul più grande set di dati del suo genere, che include più di 1.500 esplosioni stellari note come supernove di tipo Ia. Queste esplosioni luminose si verificano quando le stelle nane bianche – resti di stelle come il nostro Sole – accumulano troppa massa e subiscono una reazione termonucleare incontrollata.

Poiché le supernove di tipo Ia eclissano intere galassie, le detonazioni stellari possono essere viste a distanze superiori a 10 miliardi di anni luce, ovvero circa tre quarti dell’età totale dell’Universo. Poiché le supernove brillano di una luminosità intrinseca quasi uniforme, gli scienziati possono utilizzare la luminosità apparente delle esplosioni, che diminuisce con la distanza, insieme alle misurazioni dello spostamento verso il rosso, come indicatori nel tempo e nello spazio.

Questa informazione, a sua volta, mostra la velocità con cui l’universo si sta espandendo in epoche diverse, che viene quindi utilizzata per testare le teorie sui componenti fondamentali dell’universo.

La scoperta rivoluzionaria della crescita accelerata dell’Universo nel 1998 è stata dovuta allo studio delle supernove di tipo Ia in questo modo. Gli scienziati attribuiscono l’espansione a un’energia invisibile, quindi chiamata energia oscura, inerente alla struttura dell’universo stesso. Nei decenni successivi sono stati compilati set di dati sempre più grandi, rivelando supernove su uno spazio e un intervallo di tempo ancora più ampio, e Pantheon+ li ha ora riuniti nell’analisi statisticamente più solida.

“In molti modi, quest’ultima analisi Pantheon+ è il culmine di oltre due decenni di diligenti sforzi da parte di osservatori e teorici di tutto il mondo per svelare l’essenza del cosmo”, afferma Adam Riess, uno dei vincitori del Premio Nobel per la fisica 2011 per la scoperta dell’espansione accelerata dell’Universo e del Bloomberg Distinguished Professor presso la Johns Hopkins University (JHU) e lo Space Telescope Science Institute di Baltimora, nel Maryland. Riess è anche laureato all’Università di Harvard e ha conseguito un dottorato di ricerca. in astrofisica.

La carriera di Brout in cosmologia risale ai suoi anni da studente alla JHU, dove gli fu insegnato e consigliato da Riess. Lì, Brout ha lavorato con l’allora studente laureato e consulente di Riess Dan Scolnic, che ora è assistente professore di fisica alla Duke University e un altro coautore della nuova serie di articoli.

Alcuni anni fa, Scolnic ha sviluppato l’analisi originale del pantheon di circa 1.000 supernove.

Ora, Brout e Scolnic e il loro nuovo team Pantheon+ hanno aggiunto circa il 50% in più di punti dati di supernovae a Pantheon+, insieme a miglioramenti nelle tecniche di analisi e nell’affrontare potenziali fonti di errore, ottenendo in definitiva una precisione doppia rispetto al Pantheon originale.

“Questo salto sia nella qualità del set di dati che nella nostra comprensione della fisica sottostante non sarebbe stato possibile senza un team eccezionale di studenti e collaboratori che ha lavorato diligentemente per migliorare ogni aspetto dell’analisi”, afferma Brout.

Guardando i dati nel loro insieme, la nuova analisi dice che il 66,2% dell’universo si manifesta come energia oscura, mentre il restante 33,8% è una combinazione di materia oscura e materia.

Per arrivare a una comprensione ancora più completa dei costituenti dell’Universo in epoche diverse, Brout e colleghi hanno combinato il Pantheon+ con altre misurazioni fortemente supportate, indipendenti e complementari della struttura su larga scala dell’Universo e con misurazioni dalla prima luce del Universo, lo sfondo cosmico a microonde.

Un altro importante risultato del Pantheon+ riguarda uno degli obiettivi primari della cosmologia moderna: determinare l’attuale tasso di espansione dell’universo, noto come costante di Hubble. Unendo il campione Pantheon+ con i dati della collaborazione SH0ES (Supernova H0 for the Equation of State) guidata da von Riess si ottiene la misurazione locale più rigorosa dell’attuale tasso di espansione dell’Universo.

Insieme, Pantheon+ e SH0ES trovano una costante di Hubble di 73,4 chilometri al secondo per megaparsec con solo l’1,3% di incertezza. In altre parole, per ogni megaparsec, o 3,26 milioni di anni luce, l’analisi stima che lo spazio si stia espandendo a più di 160.000 miglia orarie, anche nel vicino Universo.

Tuttavia, le osservazioni di un’epoca molto diversa nella storia dell’universo predicono una storia diversa. Le misurazioni della prima luce nell’Universo, il fondo cosmico a microonde, combinate con l’attuale Modello standard della cosmologia, fissano costantemente la costante di Hubble a una velocità significativamente più lenta rispetto alle osservazioni effettuate su supernove di tipo Ia e altri marcatori astrofisici. Questa significativa discrepanza tra i due metodi è stata soprannominata la tensione di Hubble.

I nuovi set di dati Pantheon+ e SH0ES amplificano questa tensione di Hubble. In effetti, la tensione ha ora superato l’importante soglia di 5 sigma (circa una possibilità su un milione che si verifichi per caso) che i fisici usano per distinguere tra un possibile colpo di fortuna statistico e qualcosa che deve essere compreso di conseguenza. Il raggiungimento di questo nuovo livello statistico sottolinea la sfida per teorici e astrofisici di spiegare la discrepanza nella costante di Hubble.

“Pensavamo che fosse possibile trovare prove di una nuova soluzione a questi problemi nel nostro set di dati, ma invece scopriamo che i nostri dati escludono molte di queste opzioni e che le profonde discrepanze rimangono persistenti come sempre”, afferma Bread.

I risultati del Pantheon+ potrebbero aiutare a individuare la soluzione alla tensione di Hubble. “Molte teorie recenti indicano una nuova fisica esotica nell’Universo primordiale, ma tali teorie non confermate devono resistere al processo scientifico e la tensione di Hubble rimane una sfida importante”, afferma Brout.

Nel complesso, Pantheon+ offre agli scienziati uno sguardo completo a gran parte della storia cosmica. Le prime e più lontane supernove nel set di dati brillano da una distanza di 10,7 miliardi di anni luce, quando l’Universo aveva circa un quarto della sua età attuale. In questa era precedente, la materia oscura e la gravità associata tenevano sotto controllo il tasso di espansione dell’universo.

Questo stato è cambiato radicalmente nel corso dei successivi miliardi di anni quando l’influenza dell’energia oscura ha sopraffatto quella della materia oscura. Da allora, l’energia oscura ha scagliato il contenuto del cosmo sempre più lontano a velocità sempre maggiori.

“Con questo set di dati Pantheon+ combinato, otteniamo una visione accurata dell’universo dal momento in cui era dominato dalla materia oscura al momento in cui l’universo era dominato dall’energia oscura”, afferma Brout. “Questo set di dati è un’opportunità unica per vedere come l’energia oscura si sta accendendo e alimentando l’evoluzione del cosmo sulle scale più grandi fino ai giorni nostri”.

Studiare questo cambiamento ora, con prove statistiche ancora più forti, si spera porti a nuove intuizioni sulla natura enigmatica dell’energia oscura.

“Il Pantheon+ ci offre la nostra migliore possibilità di limitare l’energia oscura, le sue origini e la sua evoluzione”, afferma Brout.


L’energia dell’informazione crea energia oscura, risolve le tensioni di Hubble, evita il “grande freddo” ed è falsificabile


Maggiori informazioni:
Dillon Brout et al, The Pantheon+ Analysis: Cosmological Constraints, Il diario astrofisico (2022). DOI: 10.3847/1538-4357/ac8e04

Fornito dall’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics

Citazione: Il resoconto più accurato dell’energia oscura e della materia oscura fino ad oggi (19 ottobre 2022), recuperato il 20 ottobre 2022 da https://phys.org/news/2022-10-precise-accounting-dark-energy.html

Questo documento è protetto da copyright. Fatta eccezione per il commercio equo e solidale a scopo di studio o ricerca privata, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è solo a scopo informativo.

La più antica mappa del cielo notturno nascosta nel codice medievale: ScienceAlert

I resti di padre e figlia forniscono informazioni sulla vita familiare di Neanderthal Notizie di scienza e tecnologia