in

Il razzo SpaceX Falcon 9 va in verticale per il 44° lancio di Starlink

Un razzo SpaceX Falcon 9 è andato in verticale al Kennedy Space Center Pad 39A prima del 18° lancio dell’azienda quest’anno e del 44° lancio dedicato di Starlink in totale.

Conosciuta come Starlink 4-17, la missione lancerà fino a quattro lanci di Starlink previsti per maggio 2022. SpaceX ha scelto il booster Falcon 9 B1058 per lanciare lo stadio superiore consumabile della missione, la carenatura riutilizzabile e 53 satelliti Starlink V1.5. Questo potrebbe essere il terzo booster Falcon a completare il suo dodicesimo lancio di classe orbitale negli ultimi due mesi.

Salvo eventuali ritardi, Falcon 9 con Starlink 4-17 decollerà già venerdì 6 maggio alle 5:42 EDT.

La missione è più o meno standard come arrivano i lanci di Starlink. Il Falcon 9 B1058 si decollerà e brucerà per due minuti e mezzo prima di separarsi, capovolgersi, rientrare nell’atmosfera terrestre e atterrare sulla nave drone A Shortfall Of Gravitas (ASOG) a circa 634 chilometri (393 miglia) in meno di sei minuti dopo. La carenatura del carico utile sarà divisa a metà e separata poco dopo la separazione del booster e infine verranno dispiegati i paracadute per atterraggi morbidi e recuperi oceanici. Lo stadio superiore del Falcon 9 entrerà in orbita di parcheggio circa nove minuti dopo il lancio, si riaccenderà per un solo secondo 45 minuti dopo il lancio e dispiegherà tutti i 53 satelliti Starlink 53 minuti dopo il lancio.

Starlink 4-17 sarà il 43° lancio di Starlink operativo di SpaceX e il 44° lancio di Starlink dedicato in assoluto. La missione porterà il numero totale di satelliti Starlink lanciati da SpaceX negli ultimi tre anni a poco meno di 2.500 e il numero totale di satelliti Starlink funzionanti in orbita a oltre 2.200. Quando SpaceX ha ricevuto la sua prima licenza Starlink FCC nel marzo 2018, la società ha concordato un piano di implementazione che prevedeva il lancio di metà degli allora 4.425 satelliti entro sei anni e l’intera costellazione entro nove anni dal ricevimento della licenza doveva – rispettivamente marzo 2024 e marzo 2027.

SpaceX ha superato di gran lunga il ritmo richiesto per rispettare questo programma. Invece, nonostante SpaceX abbia impiegato 20 mesi dopo aver ricevuto la licenza per iniziare il lancio operativo di Starlink nel novembre 2019, SpaceX raggiungerà il punto centrale il 6 maggio 2022, quasi due anni prima del previsto. Anche senza tenere conto del potenziale impatto di Starship, la cadenza crescente di SpaceX suggerisce che l’azienda potrebbe farlo rottura la sua prima costellazione di 4.408 satelliti Starlink entro la scadenza del 50% della FCC.

Infine, dopo Starlink 4-17, SpaceX dovrebbe avere in orbita anche più di 700 satelliti Starlink V1.5 funzionanti dall’inizio dei lanci nel settembre 2021. Mentre centinaia di questi satelliti sono ancora in rotta verso le loro orbite finali, quasi un terzo di tutti i satelliti Starlink operativi avranno collegamenti ottici intersatellitari (laser) una volta che la navicella Starlink V1.5 sarà già in orbita per terminare l’orbita. Questi collegamenti laser consentono a Starlink di collegare aerei, navi e altri veicoli o luoghi in movimento o eccezionalmente distanti instradando le comunicazioni attraverso altri satelliti Starlink quando una stazione di terra con linea di vista non è disponibile.

Il razzo SpaceX Falcon 9 va in verticale per il 44° lancio di Starlink






Archeologi sbalorditi dalla scoperta tecnologica a Petra: ‘Difficile da fare oggi’ | Scienza | notizia

Ecco come suona un buco nero: la NASA pubblica le registrazioni audio del suo osservatorio a raggi X Chandra