in

Il “nuovo tipo di luce” uccide quasi tutti i microbi in una stanza e potrebbe aiutare a evitare la prossima pandemia, affermano gli scienziati

Un nuovo tipo di luce ultravioletta uccide quasi tutti i microbi e potrebbe aiutare a evitare la prossima pandemia, affermano i ricercatori.

Le luci sono sicure per l’uomo e hanno impiegato meno di cinque minuti per ridurre il numero di microbi nell’aria interna di oltre il 98 percento, secondo i ricercatori che le hanno sviluppate.

Pertanto, le luci potrebbero essere installate nel soffitto e aiutare a purificare l’aria e fermare la trasmissione di malattie come il Covid o l’influenza – e aiutare a prevenire pandemie simili in futuro.

“Far-UVC riduce rapidamente la quantità di microbi attivi nell’aria interna quasi a zero, rendendo l’aria interna essenzialmente sicura come l’aria esterna”, ha affermato David Brenner, direttore del Center for Radiological Research presso il Vagelos College of Physicians and Surgeons della Columbia University e coautore dello studio.

“L’implementazione di questa tecnologia in luoghi in cui le persone si radunano al chiuso potrebbe prevenire la prossima potenziale pandemia”.

La tecnologia si chiama Far-UVC Light ed è descritta in un nuovo documento, pubblicato oggi su , intitolato Far-UVC (222 nm) inactivates an airborne pathogen in a room-sized room Rapporti scientifici.

“La luce UVC lontana è facile da installare, è economica, non richiede alle persone di cambiare il proprio comportamento e, soprattutto, è un modo sicuro per prevenire la trasmissione di virus, incluso il virus COVID e le sue varianti, l’influenza e tutti i anche loro potenziali futuri virus pandemici”, ha affermato il dott. Brennero in un comunicato.

Un tipo simile di luce, UVC, è noto da decenni per purificare l’aria e in alcuni casi specifici viene utilizzato per uccidere microbi come batteri e virus. Tuttavia, non è sicuro utilizzare al chiuso dove le persone si radunano in quanto potrebbe essere dannoso per la salute e danneggiare la pelle e gli occhi.

Di recente, tuttavia, i ricercatori hanno esaminato le possibilità della luce UVC lontana, che ha lo stesso effetto nel distruggere i virus nell’aria, ma senza danneggiare le persone che potrebbero trovarsi anche in quegli spazi.

Ha una lunghezza d’onda più corta e quindi non può entrare nella pelle umana o nelle cellule degli occhi. Ma è altrettanto buono per uccidere batteri e virus a causa delle sue piccole dimensioni, hanno detto i ricercatori.

Negli ultimi anni, gli scienziati hanno testato con successo l’UVC lontano in esperimenti più piccoli, usandolo in camere sperimentali per vedere come influenzerebbe sia i microbi che gli esseri umani. La nuova ricerca è la prima volta che viene utilizzata in spazi a grandezza naturale che imitano il modo in cui verrebbe effettivamente utilizzata.

Per fare ciò, gli scienziati hanno utilizzato una camera delle dimensioni della stanza e l’hanno resa ben ventilata come una tipica casa o ufficio, cambiando l’aria circa tre volte all’ora. Hanno quindi spruzzato una nebbia batterica nella stanza e hanno acceso le lampade UVC.

In cinque minuti, più del 98 percento dei microbi presenti nell’aria è stato inattivato. Anche quando nuovi microbi sono stati spruzzati nella stanza, la concentrazione di microbi sicuri è rimasta bassa.

L’effetto di pulizia corrispondeva a 184 ricambi d’aria all’ora. Tipicamente, nella migliore delle ipotesi, è possibile ottenere solo l’equivalente di circa 20 ricambi d’aria.

“I nostri esperimenti hanno prodotto risultati spettacolari che hanno superato di gran lunga ciò che è possibile con la sola ventilazione”, ha affermato Kenneth Wood, docente presso la School of Physics and Astronomy dell’Università di St Andrews e autore senior dello studio. “In termini di prevenzione della trasmissione di malattie nell’aria, le luci UVC lontano potrebbero rendere gli spazi interni sicuri come fuori sul campo da golf in una giornata ventosa a St Andrews”.

I ricercatori hanno notato che la tecnologia è utile perché funzionerebbe anche se i virus cambiassero: funzionerebbe altrettanto bene sulle future varianti di Covid, ad esempio, come su altre malattie che devono ancora essere identificate. E i microbi non diventerebbero così resistenti nel tempo come farebbero con vaccini o farmaci, hanno detto i ricercatori.

Pamela Anderson è meravigliosa con un completo tutto nero con un lungo mantello mentre si dirige a New York per cena

Riepilogo: le recensioni di The Rune Factory 5 sono disponibili