in

I presunti piani di abbonamento di Apple potrebbero favorire l’azienda (NASDAQ:AAPL)

Apple Store

Nikada/iStock inedito tramite Getty Images

lavoro di investimento

Basato su Bloomberg, Apple (NASDAQ:AAPL) può offrire un nuovo servizio di abbonamento per i suoi prodotti consentendo al contempo gli aggiornamenti dei dispositivi per i suoi nuovi modelli lanciati. Mentre alcuni pensano che il piano di abbonamento aiuterà l’azienda a guadagnare più quote di mercato nel segmento Android, dato l’alto tasso di proprietà dei dispositivi AAPL negli Stati Uniti, non siamo d’accordo.

Ad oggi, gli utenti di telefoni Android rappresentavano oltre il 70,97% di tutti gli smartphone utilizzati nel mondo. Per questo motivo, dubitiamo che un nuovo “piano di abbonamento” rinominato attirerà utenti di telefoni non AAPL per numerosi motivi, come la personalizzazione dei telefoni Android e l’incompatibilità di alcuni software. Inoltre, per altri prodotti AAPL come MacBook e iPad, dobbiamo considerare anche altri motivi oltre al prezzo, come la preferenza degli utenti per i prodotti Windows e le prestazioni superiori dei laptop da gioco di altre marche.

Nel frattempo, ti invitiamo a leggere il nostro precedente articolo su AAPL, che ti aiuterebbe a comprendere meglio la sua posizione e le opportunità di mercato nel segmento pubblicitario.

Perché il piano di abbonamento di Apple potrebbe non contribuire alla crescita dei ricavi

Sebbene non siamo sicuri del programma di sottoscrizione di AAPL, molti non condividono la nostra stessa opinione, considerando che il titolo è aumentato dell’1% il 24 marzo 2022 dopo la pubblicazione. Nonostante ciò che Bloomberg ha delineato in termini di favorire l’adozione del prodotto nei mercati sensibili al prezzo, abbiamo osservato che molti utenti AAPL si sono rivolti a piani di operatore per sussidi iPhone, pagamenti con carta di credito e mercati dell’usato. Inoltre, AAPL ha precedentemente lanciato diversi servizi simili negli Stati Uniti: piani rateali di Apple Card, programma di aggiornamento iPhone per nuovi iPhone, Buy Now Pay Later (BNPL), tra gli altri. Questi offrono un mix di piani di finanziamento per i consumatori che desiderano acquistare i dispositivi AAPL a un prezzo mensile più conveniente rispetto alla tariffa intera una tantum.

Il fatto che gli Stati Uniti siano un paese prospero ha contribuito a portare l’adozione da parte del paese di YTD a oltre il 41,9%, che è il mercato più grande al mondo per i prodotti AAPL. Tuttavia, la sua penetrazione nel mercato statunitense potrebbe aver raggiunto un punto fermo a causa della sua popolarità e non siamo sicuri di come il piano di abbonamento possa supportare le sue vendite e la sua crescita in futuro.

Tuttavia, notiamo anche che il piano di abbonamento proposto si applica a tutti gli altri prodotti AAPL, inclusi iPad, MacBook, Apple Watch, ecc. Di conseguenza, dati gli account iPhone, possiamo aspettarci un potenziale aumento dell’adozione, anche se non in modo massiccio per il 52,5% delle sue entrate nell’anno fiscale 2021. La stessa Bloomberg ha paragonato il piano a un programma di noleggio auto, a seconda di come AAPL struttura il piano di finanziamento mensile.

Tuttavia, un piano di pagamento mensile aggiuntivo può alleggerire i portafogli di più americani con pagamenti multipli come tasse sui mutui, pagamenti dell’auto, gas ed elettricità, prestiti agli studenti, ecc. Nel 2021. Dato che i prodotti AAPL sono sempre stati venduti a un premio rispetto ad altri marchi , non c’è dubbio che anche un canone mensile non sarebbe così conveniente.

D’altra parte, AAPL potrebbe potenzialmente tagliare gli intermediari dai vettori negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Il presupposto è che questi vettori acquisteranno iPhone all’ingrosso con uno sconto e li rivenderanno ai consumatori a un prezzo più alto per compensare la differenza di profitto. Di conseguenza, il nuovo piano di AAPL potrebbe mirare a realizzare profitti per la compagnia aerea e ad aumentare ulteriormente i suoi ricavi. Tuttavia, i clienti iPhone negli Stati Uniti hanno storicamente fatto affidamento sugli operatori per le carte SIM, l’autenticazione e i controlli del credito prima che la transazione del dispositivo potesse essere approvata.

È interessante notare, tuttavia, che AAPL è andato via tangente per il suo ultimo iPhone SE a partire dal 29 marzo 2022. Il nuovo processo di vendita dei modelli di fascia bassa non richiede questa fase di verifica del credito, offrendo all’azienda un maggiore controllo sul prezzo (rata o intero), sul servizio clienti e sull’esperienza. Questa strategia una tantum potrebbe benissimo essere la prima incursione di AAPL nei suoi nuovi piani di finanziamento, come il suo piano di abbonamento per tutti i dispositivi successivi, incluso l’iPhone 14, che verrà lanciato più tardi nel 2022.

In tal modo, tuttavia, AAPL si espone al rischio di riconoscimento delle entrate, poiché oltre un terzo degli americani ha mancato i pagamenti BNPL fino al 2021. L’ondata BNPL ha colpito gli Stati Uniti e il mondo intero nel 2020 durante il picco del COVID-19, provocando un massiccio cambiamento nelle abitudini di acquisto dei consumatori e nei rischi di credito. Con un’indagine sulle società BNPL in corso da dicembre 2021, è chiaro che il governo degli Stati Uniti è preoccupato per come i consumatori siano spinti ad acquistare prodotti che non possono permettersi.

Perché il piano di abbonamento di AAPL potrebbe funzionare a suo favore

L’avvento della tecnologia 5G e degli aggiornamenti software sempre più potenti richiederanno una maggiore potenza di elaborazione dai chip più recenti. Inoltre, le app più recenti e gli ultimi aggiornamenti software richiedono anche versioni più recenti di iPhone con byte di spazio di archiviazione aggiuntivi. Di conseguenza, il piano di abbonamento potrebbe invogliare più utenti esistenti di AAPL a passare ai suoi dispositivi più recenti (e più redditizi) con una tecnologia migliorata, aumentando le vendite in futuro.

Con l’abbonamento, la quota di iscrizione mensile sarebbe anche più allettante per gli accaniti fan di AAPL, poiché l’iPhone 13 costa oltre $ 700 se pagato in anticipo. Poiché AAPL è noto per aver eliminato gradualmente il supporto e gli aggiornamenti software per i suoi dispositivi “vintage” (che sono stati lanciati per più di cinque anni), il piano può aiutare l’azienda, gli utenti di lunga data di AAPL con dispositivi più vecchi e non supportati.

Potrebbero esserci anche potenziali rialzi nel segmento AppleCare+ associato ai futuri piani di abbonamento di AAPL. I consumatori sono più propensi ad acquistare “l’assicurazione di locazione” perché potrebbero facilmente perdere e/o danneggiare le loro apparecchiature durante la vita dei loro piani. Allo stesso tempo, AAPL può raggiungere i suoi obiettivi di sostenibilità più velocemente riducendo i costi di produzione in futuro. Riciclando i materiali di produzione primari dai vecchi dispositivi non supportati, l’azienda sarebbe molto avanti rispetto ai suoi piani per essere carbon neutral entro il 2030.

Il piano di abbonamento aiuterebbe anche a garantire la restituzione dei dispositivi AAPL che potrebbero essere ancora funzionanti. Di conseguenza, l’azienda potrebbe potenzialmente rinnovare e rivendere i propri dispositivi, aumentando la propria quota di mercato nei paesi in via di sviluppo. Tradizionalmente, i prodotti di AAPL sono stati fuori portata per la maggior parte della popolazione nei mercati sensibili al prezzo. Dato che molti dei suoi dispositivi più vecchi stanno già circolando sul mercato dell’usato in paesi come l’India e l’Indonesia, il suo potenziale di rialzo risiede più nella quota di vendita/abbonamento una tantum che contribuisce direttamente alle entrate per quei dispositivi più vecchi, piuttosto che nelle sue entrate dall’App Store.

Inoltre, molti produttori di telefoni, tra cui AAPL e Samsung, stanno spingendo per la tecnologia eSIM, che consente ai clienti di attivare piani cellulari senza la necessità di una tradizionale scheda SIM fisica. La mossa riduce drasticamente la dipendenza dei produttori di telefoni dagli operatori per il processo di acquisto, consentendo invece ai primi di vendere direttamente ai consumatori. Con il nuovo iPhone 13 di AAPL che offre già la tecnologia eSIM, possiamo aspettarci che AAPL colmi più lacune nei processi di acquisto di telefoni in futuro.

Supponendo il successo nazionale e l’adozione del piano di abbonamento telefonico e della tecnologia eSIM, AAPL potrebbe potenzialmente spingere per l’implementazione della strategia a livello globale, tagliando di fatto tutti i vettori d’ora in poi. La mossa strategica ha il potenziale per aumentare le entrate e la crescita di AAPL data l’esecuzione competente e l’adozione diffusa.

Quindi, le azioni AAPL sono un acquisto?Vendi o tieni?

Dal nostro ultimo articolo, il prezzo delle azioni AAPL è aumentato del 14,51% da $ 152,58 del 24 febbraio a $ 174,72 del 25 marzo 2022. AAPL è sicuramente un titolo solido, ma ha subito un leggero rally e ora viene scambiato con un premio di crescita. Per questo motivo, gli investitori interessati potrebbero voler attendere un leggero ritracciamento prima di aggiungere al proprio portafoglio.

Tuttavia, consigliamo agli investitori aggressivi di aggiungere qualcos’altro poiché si prevede che AAPL riporterà una solida crescita dei ricavi. Per l’anno fiscale 2022, il consenso stima che AAPL riporterà un fatturato di 395,15 miliardi di dollari, in aumento dell’8% anno su anno. Inoltre, si prevede che AAPL aumenterà le sue entrate a un CAGR del 5,39% nei prossimi tre anni. Questi numeri suggeriscono che mentre AAPL è una società emergente con una crescita dei ricavi in ​​rallentamento, è ancora un titolo solido con un potenziale di rialzo favorevole. Supponendo un’esecuzione eccellente, il piano di abbonamento potrebbe benissimo aumentare i suoi guadagni nel tempo.

Di conseguenza noi iterare la nostra posizione di acquisto su AAPL.

L’analisi mostra che la spinta del petrolio e del gas di Boris Johnson farà saltare l’impegno netto zero

I conducenti di consegna di Amazon nel Regno Unito emettono allarme per i tagli salariali in termini reali | Amazon