in

I Neanderthal e gli esseri umani moderni potrebbero essersi copiati a vicenda gli strumenti | Neanderthal

Gli esseri umani moderni hanno vissuto insieme ai Neanderthal in Europa per più di 1.000 anni, secondo una ricerca che suggerisce che le due specie potrebbero aver imitato a vicenda i gioielli e gli strumenti di pietra.

In precedenza, si sapeva che gli esseri umani e i loro antichi parenti coesistevano nel continente europeo per più di 6.000 anni e che le due specie si incrociarono numerose volte. Tuttavia, l’entità delle loro interazioni rimane oggetto di indagine scientifica.

L’ultimo articolo suggerisce che l’Homo sapiens potrebbe aver coesistere con i Neanderthal in Francia e nel nord della Spagna da 1.400 a 2.900 anni prima che i Neanderthal scomparissero come specie distinta.

“In questa regione ci sono molte somiglianze nel modo in cui le due specie hanno prodotto cultura materiale e si sono comportate”, ha affermato Igor Djakovic, uno studente di dottorato all’Università di Leiden e primo autore dell’analisi. “Dà credibilità all’idea che si stesse verificando una sorta di interazione”.

Il team ha analizzato un set di dati di 56 manufatti di Neanderthal e umani moderni (28 per ogni gruppo) provenienti da 17 siti archeologici in Francia e nel nord della Spagna, nonché altri 10 esemplari di Neanderthal della stessa regione. Tutti i campioni sono stati datati al radiocarbonio.

Djakovic ha affermato che l’analisi cronologica ha mostrato l’aspetto parallelo di alcuni manufatti in siti associati a entrambe le specie, incluso l’aspetto quasi simultaneo di denti perforati di mammiferi, ritenuti una qualche forma di gioielleria. I siti associati sia agli umani moderni che ai Neanderthal mostrano anche un passaggio verso strumenti di pietra standardizzati simili a lame. “Questo potrebbe indicare uno scambio di idee o conoscenze”, ha detto Djakovic.

Gli autori hanno utilizzato la modellazione al computer per stimare gli intervalli di date di questi campioni per dedurre le prime e le ultime date in cui questi gruppi umani potrebbero essere stati presenti nei siti. Il lavoro, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, stima che i manufatti di Neanderthal siano apparsi per la prima volta tra 45.343 e 44.248 anni fa e siano scomparsi tra 39.894 e 39.798 anni fa, appena prima che i Neanderthal si estinguessero. È stato stimato che gli esseri umani moderni siano apparsi per la prima volta tra 42.653 e 42.269 anni fa e non siano mai scomparsi, suggerendo una sovrapposizione compresa tra 1.400 e 2.900 anni.

Il lavoro non fa luce sul fatto che gli umani abbiano avuto un ruolo nella scomparsa dei Neanderthal. “Il consenso emergente è che i Neanderthal che vivono in Europa vivevano in popolazioni più piccole”, ha detto Djakovic. “C’erano popolazioni più grandi di umani moderni che entravano e [the Neanderthals] sono stati inghiottiti in queste popolazioni. Si potrebbe obiettare che non sono mai andati via davvero”.

Il professor Tom Higham, la cui ricerca in precedenza aveva indicato una sovrapposizione simile tra gli esseri umani moderni e i Neanderthal, ha affermato: “Questo studio conferma il lavoro precedente che mostra una sostanziale sovrapposizione di diverse migliaia di anni tra diverse popolazioni umane (Neanderthal e umani moderni) nell’Europa occidentale questi gruppi si sono incontrati e occasionalmente si incrociò prima dell’eventuale scomparsa dei Neanderthal circa 39-40.000 anni fa”.

Un pennacchio di plasma lungo 1 milione di miglia esce dal sole in una foto straordinaria

Gli astronomi scoprono un buco nero che vomita materiale tre ANNI dopo che la stella si è squarciata