in

Gli inglesi nelle zone rurali affrontano la crisi poiché i prezzi del gasolio da riscaldamento sono più del triplo | bollette della famiglia

ioSe hai subito un brutto colpo dal tuo ultimo rifornimento di auto o bolletta del gas, pensa a 1,5 milioni di famiglie rurali che dipendono dalle forniture di petrolio per riscaldare le loro case. Molti di loro hanno visto i prezzi più che triplicati negli ultimi sei mesi, supponendo che riescano a trovare un’azienda disposta a fornire.

Lo scorso settembre i consumatori hanno pagato circa 250 sterline per una fornitura di 500 litri di gasolio per riscaldamento domestico. Avanti veloce fino a questa settimana e il prezzo è balzato tra £ 600 e fino a £ 875 per chi ha bisogno di una consegna urgente.

Il più grande commerciante di petrolio domestico della Gran Bretagna, Certas, è tra quelli costretti a sospendere le normali pratiche di prezzo poiché la guerra in Ucraina ha fatto salire i prezzi alle stelle. Il mercato è crollato in parte poiché i fornitori hanno annullato le consegne ordinate dai broker, temendo che potessero vendere in perdita.

Gli acquirenti di olio da riscaldamento di solito concordano un prezzo e una data di consegna al momento dell’ordine. Ma l’estrema volatilità dei prezzi negli ultimi giorni ha portato i fornitori a prendere gli ordini e quindi a contattare i clienti con il prezzo il giorno della consegna e a chiedere se vogliono ancora andare avanti.

A differenza delle persone che vivono in case collegate alla rete del gas, le persone che riscaldano le loro case con il petrolio non sono soggette al limite di prezzo di Ofgem: sono alla mercé dell’aumento dei prezzi del petrolio. Tendono a vivere in zone rurali, spesso in edifici più vecchi e poco isolati.

Enti di beneficenza come Citizens Advice hanno chiesto l’estensione del tetto massimo alle forniture di gas al mercato domestico del gasolio.

Consegna di olio combustibile a una casa di campagna a Bawdsey, Suffolk
Le organizzazioni assistenziali hanno chiesto l’estensione del limite di prezzo massimo per le consegne di gas al mercato nazionale del gasolio da riscaldamento. Foto: Clynt Garnham energia/Alamy

Anche prima che la Russia invadesse l’Ucraina, i prezzi erano aumentati in modo allarmante.

Circa il 65% della quotazione del prezzo del gasolio da riscaldamento, che è molto simile al diesel venduto nelle stazioni di servizio, si basa sul prezzo del greggio da sette a dieci giorni prima. Il 18 marzo, il prezzo del petrolio ha toccato quasi $ 130 (£ 99) al barile, ma da allora è sceso a circa $ 100 nel momento in cui scriviamo. All’inizio di dicembre, i fornitori pagavano 69 dollari per un barile di greggio.

Gli aumenti dei prezzi per le forniture di petrolio sono stati così bruschi nelle ultime due settimane che normalmente solo coloro che sono esauriti o stanno per esaurirsi hanno ordinato. Alcuni esperti consigliano a coloro che non sono ancora in questa posizione di resistere nella speranza che il mercato si stabilizzi.

La raffineria di petrolio Esso Fawley a Southampton Water, in Inghilterra.
Una raffineria di petrolio. Circa il 65% della quotazione del gasolio da riscaldamento si basa sul prezzo del greggio da sette a dieci giorni prima. Foto: Jason Hawkes/Getty Images

Imogen Pursch è una delle migliaia coinvolte nel tumulto. Lei e sua sorella si sono trasferite nell’Herefordshire rurale lo scorso novembre e la casa che hanno acquistato è fuori rete, il che significa che dipendono dal petrolio.

“A novembre abbiamo acquistato 500 litri di petrolio e all’epoca costavano 340 sterline. È circa un quarto di serbatoio e ci aspettavamo che durasse fino ad aprile”, dice.

Tuttavia, quando i suoi genitori hanno annunciato la loro visita, si sono resi conto che avrebbero avuto bisogno di un’altra consegna per assicurarsi che la casa fosse abbastanza calda.

“Abbiamo esaminato il sito Web del broker petrolifero BoilerJuice e nessuno ha consegnato a casa nostra per circa una settimana. Alla fine sono arrivati ​​​​il 2 marzo e abbiamo deciso di pagare 540 sterline per 500 litri per la consegna otto giorni dopo”.

Ma quel giorno, Imogen ha ricevuto un messaggio di testo che la avvisava di un’e-mail di annullamento dell’ordine. La società ha accusato gli “eventi mondiali” e ha affermato che il fornitore non era in grado di andare avanti.

BoilerJuice le ha detto che avrebbe emesso un rimborso, ma Imogen non ha altra scelta che riprovare. La sua ultima offerta era di £ 850.

“Quando abbiamo fatto il pieno a novembre, ho pensato che stavo spendendo £ 650-700 all’anno per il petrolio”, dice. “Mi chiedo se qualcuno mi consegnerà e se sì quanto costerà”.

Rob Sutherland, che vive a Drumnadrochit, non lontano da Inverness, ha contattato Guardian Money questa settimana per avvertire che il prezzo del petrolio da riscaldamento lascerebbe gran parte del paese in condizioni di povertà.

“Continuiamo a sentire parlare di prezzi del gas e aumenti del price cap, ma noi che viviamo nelle zone rurali non siamo protetti perché non siamo collegati alla rete del gas. La realtà delle caldaie a gasolio ha un prezzo di £ 1,35 al litro e costa quasi £ 2.000 per riempire un serbatoio abbastanza modesto che può richiedere tre o quattro mesi. Aggiungi i nostri costi del carburante assolutamente terrificanti e ci sarà un impatto onnipotente che influenzerà profondamente le aree più remote”, afferma.

Ken Cronin, capo della UK and Ireland Fuel Distributors Association, afferma che i fornitori hanno fatto del loro meglio in circostanze molto difficili.

“I membri dell’UKIFDA raccolgono olio da riscaldamento dalle raffinerie quasi ogni giorno e nei primi 10 giorni i prezzi sono aumentati in media di 5 pence al litro al giorno. Attualmente, i prezzi sono più bassi ma rimangono volatili. Come settore, riconosciamo l’impatto significativo che ciò sta avendo sui clienti e i nostri membri stanno lavorando duramente per fornire il miglior servizio e prezzo in queste circostanze”.

Tim Buckman di BoilerJuice ha dichiarato a Guardian Money che fornitori e clienti di petrolio stanno affrontando interruzioni a causa delle significative oscillazioni dei prezzi del petrolio, con “ritardi, indisponibilità e, in rari casi, cancellazioni e variazioni di prezzo”.

Dice: “Stiamo facendo tutto il possibile per entrare in contatto con fornitori e clienti per supportarli in questo periodo molto difficile”.

La gamma di abbigliamento per bambini di Katie Price chiuderà dopo soli sei mesi

L’anteprima di Android 13 blocca le notifiche e ne aggiunge altre alla barra delle applicazioni del tablet