in

Gli astronomi catturano il momento in cui una stella esplode alla fine della sua vita

Gli astronomi hanno catturato il momento in cui una stella a 500 milioni di anni luce dalla Terra è esplosa in una drammatica supernova, segnando la fine della sua vita.

Un’esplosione di supernova di tipo II si verifica quando una stella molto grande non può più fondere gli atomi nel suo nucleo, facendola esplodere e liberando i suoi strati esterni.

La supernova, denominata SN2021afdx, si è verificata nella galassia Cartwheel dalla forma insolita, situata nella costellazione dello Scultore.

Gli astronomi hanno catturato l’immagine nel dicembre 2021 con il New Technology Telescope (NTT) dell’European Southern Observatory in Cile.

Hanno quindi confrontato l’immagine con una della stessa galassia scattata con il Very Large Telescope (VLT) nell’agosto 2014, prima che si verificasse l’esplosione della supernova.

Una nuova luce brillante non visibile nell’immagine del 2014 può essere vista nella parte inferiore sinistra della nuova immagine.

Gli astronomi hanno catturato il momento in cui una stella a 500 milioni di anni luce dalla Terra è esplosa in una drammatica supernova, segnando la fine della sua vita.  L'immagine a sinistra è del 2014 prima dell'esplosione, quella di destra è del 2021, con l'esplosione in basso a destra

Gli astronomi hanno catturato il momento in cui una stella a 500 milioni di anni luce dalla Terra è esplosa in una drammatica supernova, segnando la fine della sua vita. L’immagine a sinistra è del 2014 prima dell’esplosione, quella di destra è del 2021, con l’esplosione in basso a destra

La luce di una stella in esplosione può ancora essere visibile mesi o addirittura anni dopo l’evento, anche se l’effettiva esplosione della supernova, sebbene scoperta nel dicembre 2021, sia avvenuta 500 milioni di anni fa: è il tempo impiegato dalla luce per raggiungere la Terra.

Risiede all’interno della galassia Cartwheel, che un tempo era una normale galassia a spirale che ha subito un’interazione frontale con una galassia compagna più piccola diversi milioni di anni fa, conferendole il suo caratteristico aspetto a ruota di carro.

SN2021afdx era una supernova di tipo II che si verifica quando una stella massiccia raggiunge la fine della sua evoluzione e lascia dietro di sé un buco nero o una stella di neutroni.

Le supernove sono uno dei motivi per cui gli astronomi dicono che siamo tutti fatti di polvere di stelle, perché lasciano lo spazio intorno a loro pieno di elementi pesanti. Questi elementi formano una giovane stella che può poi dare origine a generazioni di nuove stelle e pianeti.

La supernova, denominata SN2021afdx, si è verificata nella galassia Cartwheel dalla forma insolita, situata nella costellazione dello Scultore

La supernova, denominata SN2021afdx, si è verificata nella galassia Cartwheel dalla forma insolita, situata nella costellazione dello Scultore

Il rilevamento e lo studio di questi eventi imprevedibili richiede una collaborazione internazionale tra più telescopi.

Queste osservazioni devono richiedere molti anni – per rilevare le differenze nel cielo notturno – perché mentre possono essere visibili per mesi, possono anche essere fugaci.

La prima volta che SN2021afdx è stato rilevato è stato nel novembre 2021 dal sondaggio ATLAS.

ATLAS è un sistema di allerta precoce per l’impatto di un asteroide sviluppato dall’Università delle Hawaii e finanziato dalla NASA.

Si compone di quattro telescopi, due alle Hawaii, uno in Cile e il quarto in Sud Africa. Scansionano automaticamente l’intero cielo più volte ogni notte alla ricerca di oggetti in movimento. Possono essere usati per rilevare le supernove.

Dopo che ATLAS ha trovato la supernova, l’European Southern Observatory ha puntato ePESSTO+ sull’oggetto, il Public ESO Spectroscopic Survey for Transient Objects progettato per studiare eventi fugaci come una supernova.

Non solo ha catturato la bellissima immagine della galassia e della supernova, nell’angolo inferiore sinistro della struttura, ma ha anche catturato gli spettri. Questi spettri possono essere utilizzati dagli astronomi per identificare che si trattava di una supernova di tipo II.

La galassia Cartwheel che ospita questo nuovo evento di supernova è sia una lente che una galassia ad anello stimata in 150.000 anni luce di diametro.

È una parte importante del gruppo di galassie Cartwheel con quattro galassie a spirale: tre galassie compagne e la stessa galassia Cartwheel.

FORMA DI SUPERNOVAE QUANDO ESPLODE UNA STELLA ENORME

Una supernova si verifica quando una stella esplode, sparando detriti e particelle nello spazio.

Una supernova brucia solo per un breve periodo, ma può dire molto agli scienziati sugli inizi dell’universo.

Un tipo di supernova ha mostrato agli scienziati che viviamo in un universo in espansione che sta crescendo sempre più velocemente.

Gli scienziati hanno anche scoperto che le supernove svolgono un ruolo chiave nella distribuzione degli elementi in tutto l’Universo.

Nel 1987, gli astronomi hanno scoperto una

Nel 1987, gli astronomi hanno scoperto una “supernova titanica” in una galassia vicina, che brilla con la potenza di oltre 100 milioni di soli (nella foto).

Ci sono due tipi conosciuti di supernova.

Il primo tipo si verifica nei sistemi binari quando una delle due stelle, una nana bianca carbonio-ossigeno, sottrae materia alla sua stella compagna.

Alla fine, la nana bianca accumula troppa materia, facendo esplodere la stella e creando una supernova.

Il secondo tipo di supernova si verifica alla fine della vita di una singola stella.

Quando la stella esaurisce il combustibile nucleare, parte della sua massa fluisce nel suo nucleo.

Alla fine, il nucleo è così pesante che non può resistere alla propria attrazione gravitazionale e il nucleo collassa, provocando un’altra enorme esplosione.

Molti elementi trovati sulla Terra sono realizzati nel nucleo delle stelle e questi elementi viaggiano per formare nuove stelle, pianeti e tutto il resto nell’universo.

Asus sta rendendo le GPU più economiche nel Regno Unito

La metà dei capi vuole un lavoro d’ufficio a tempo pieno • Il Registro