in

Gift Bag vs Freebie Lounge: la rivalità dietro le quinte riassume l’opulenza degli Oscar | Oscar 2022

ioIn un’anonima casa di Hollywood, scatole e valigie nere ti aspettano nell’atrio. “Congratulazioni, Benedict Cumberbatch” si legge su un biglietto laminato su una valigia. Uno simile per Judi Dench si trova su una cassa pronta per essere spedita nel Regno Unito. Prodotti di lusso – creme idratanti, occhiali da sole – giacciono sui tavoli di tutta la casa. Il posto ha l’atmosfera della Grotta di Babbo Natale alla vigilia di Natale.

Questa è la casa del favolosamente chiamato Lash Fary, il Babbo Natale dietro la borsa regalo annuale non ufficiale degli Oscar, che è ufficialmente la più grande borsa regalo che i candidati ricevono. regalo borsein realtà: ci sono abbastanza oggetti per riempire una grande valigia e una borsa, e vengono inviati a quelli che Fary chiama “i migliori candidati” – : miglior attore, migliore attrice, miglior regista, migliori ruoli secondari.

Le borse sono così pesanti che alcuni candidati che vivono fuori dall’America hanno chiesto che venissero rimandate a casa. Ma quel privilegio è concesso solo all’élite dell’élite: “Quindi Olivia Colman e Judi Dench, davvero”, dice Fary. La borsa di quest’anno ha un valore di $ 140.000, che include $ 10.000 in Botox (“Non conosco una sola donna che non abbia avuto Botox”, dice Fary, e gli credo), una vacanza in una spa della California del valore di $ 15.000 e un Valore di $ 25.000 per la costruzione di case. “Le persone qui rinnovano sempre la loro quinta casa”, dice Fary. C’è anche un soggiorno di tre notti da $ 50.000 in un castello scozzese, che Fary ha aggiunto ai candidati britannici perché pensava che sarebbe stato più conveniente di “un viaggio alle Galápagos o altro”.

Gli Oscar riguardano principalmente i film; ma si tratta anche di product placement. Per gli stilisti, ciò significa convincere le celebrità a indossare i loro vestiti sul tappeto rosso. Per altre aziende del lusso, significa convincere le celebrità a utilizzare i loro prodotti nella speranza di essere fotografate o pubblicate sui social media con loro. Questo può accadere in due modi: sacchetti regalo o sale regalo, ed entrambi stanno lavorando alacremente quest’anno per garantire che alcune delle persone più privilegiate del mondo ricevano più privilegi.

I sacchetti regalo vengono inviati direttamente alle celebrità. Un punto fermo dei principali eventi di premiazione dagli anni ’90, le Gift Lounge sono spazi pieni di prodotti in cui i candidati possono fare una spazzata al supermercato. Nella lounge GBK, che quest’anno ha collaborato con eBay, i candidati possono ritirare orologi Tag Heuer e borse Saint Laurent. Nella sala eventi della Secret Room, le celebrità possono prendere il Botox e rivendicare un viaggio a Tahiti. In un hotel su Sunset Boulevard, la cosiddetta “Queen of the Gift Lounge” Nathalie Dubois sta allestendo una spa pop-up che offre di tutto, dalle borse ai viaggi a Bali e in Kenya, insieme alle altre sette suite che ha riempito di prodotti sufficienti. “Non sono cose che danno alle loro cameriere, te lo assicuro”, dice.

C’è un po’ di attrito tra coloro che sovrintendono ai sacchetti regalo e alle sale regalo: “Scommetto che la mia vita Nicole Kidman non andrebbe in una suite regalo”, annusa Fary. Dubois è altrettanto sprezzante: “Sono contrario ai sacchetti regalo perché non sai se la celebrità li sta usando. Qui li vediamo e loro scattano foto con i prodotti, il che è così importante”.

Questo è il vero punto. “I prodotti sono gratuiti, ma ci sono dei vincoli: i marchi sperano che le celebrità lo indichino su Instagram o twittino, e le celebrità lo sanno”, afferma Fary. Un anno fa, Amy Adams è stata fotografata con indosso una maglietta della borsa regalo di Fary. Sharon Stone è stata fotografata con gioielli che ha preso da Dubois. Ma perché dare così tanto a chi ha già così tanto? “È lo stesso motivo per cui Jennifer Lawrence ottiene 20 milioni di dollari per un film: i loro nomi hanno valore e possono cambiare il panorama di un marchio”, afferma Fary.

Non tutte le celebrità amano le cose gratis. Quest’anno, Denzel Washington ha rifiutato la borsa regalo, quindi Fary l’ha inviata a Sian Heder, il direttore di Coda, che secondo lui avrebbe dovuto essere nominato. In passato, Glenn Close ha donato la sua a un ente di beneficenza femminile.

“La gente dice: ‘Perché non dedichi i soldi che hai speso per i sacchetti regalo all’Ucraina?’ Ma non ho speso soldi. I prodotti vengono donati”, afferma Fary.

A Dubois, metà di una delle loro suite è adornata con la bandiera dell’Ucraina. Qui le celebrità possono registrare messaggi per il popolo ucraino e fare donazioni di beneficenza.

“Quando è avvenuta l’invasione, stavo realizzando una suite regalo al Césars e ho pensato, ‘Non posso fare una suite bling-bling quando ci sono dei rifugiati.’ Sembrava sbagliato. Ma non ho potuto cancellare perché ho dei clienti. Quindi è quello che ho fatto”, dice. E poi corri a preparare la spa.

Tutto annunciato al Future Games Show Spring Showcase 2022

La modifica delle regole post-Brexit che potrebbe costarti centinaia di sterline se il tuo volo è in ritardo