in

“Doorway” avvistato su Marte dopo che la NASA ha rilasciato nuove incredibili immagini del Pianeta Rosso – Notizie dal mondo

Una recente immagine rilasciata dalla NASA scattata dal suo rover Curiosity sembra mostrare una “porta” tagliata nella parete rocciosa di Marte, suscitando molte speculazioni su cosa potrebbe nascondersi dietro di essa

Il video si sta caricando

Video non disponibile

L’esperto di UFO afferma di aver scoperto la “tomba” su Marte

Una “porta” netta che conduce a una parete rocciosa è stata scoperta in un’immagine di Marte appena rilasciata, scattata dalla NASA con il suo rover Curiosity.

C’è stato molto dibattito tra gli appassionati di spazio e i teorici della cospirazione su cosa potrebbe esserci all’interno della porta, o se sia solo una caratteristica naturale nella roccia.

L’immagine sgranata catturata dalla telecamera dell’albero dello scopritore o “mastcam” su Sol 3466 (7 maggio) sembra mostrare un’apertura con roccia erosa, secondo il Daily Record.

Non c’è stata una dichiarazione ufficiale dell’agenzia spaziale americana sull’apertura della porta, ma ciò non ha fermato il dibattito online su cosa mostra esattamente.

Un utente di social media ha descritto la scena come “una formazione su Marte che sembra un portale e un muro vicino che sembra artificiale”.







I teorici della cospirazione credono che sia chiaramente una porta scolpita in modo pulito
(

Foto:

NASA/JPL-Caltech/MSSS/SWNS)

Un altro ha concluso: “Giuro su Dio che ci sono almeno cinque marziani nascosti lì dentro”.

Tuttavia, altri erano più “con i piedi per terra”, come ha affermato un utente di Reddit: “Ovviamente non è una piccola porta, è solo un pezzo piatto di roccia rotta”.

Il risultato arriva quando il Congresso degli Stati Uniti terrà un’audizione pubblica sugli UFO martedì prossimo per la prima volta in oltre 50 anni.

La sottocommissione per l’antiterrorismo, il controspionaggio e la controproliferazione della House Intelligence Committee esaminerà la questione.







L’immagine è stata scattata dal rover Curiosity della NASA
(

Foto:

NASA/JPL-Caltech/MSSS/SWNS)

Il presidente del panel, il rappresentante Andre Carson, ha dichiarato: “Il popolo americano si aspetta e merita che il proprio governo e i leader dell’intelligence valutino e rispondano seriamente a tutti i potenziali rischi per la sicurezza nazionale, in particolare quelli che non comprendiamo appieno”.

Nell’estate del 2021, il governo degli Stati Uniti ha pubblicato un rapporto sui casi documentati dei cosiddetti “fenomeni aerei non identificati” (UAP).

In esso, il direttore dell’intelligence nazionale ha indagato su 144 casi di UFO, ma è stato in grado di spiegarne solo uno.

Nel frattempo, giovedì gli scienziati hanno avuto il primo assaggio di un buco nero supermassiccio, che avvolge tutta la materia all’interno della sua immensa attrazione gravitazionale, al centro della nostra galassia, la Via Lattea.

Il buco nero – soprannominato Sagittarius A* o Sgr A* – è il secondo mai ripreso.







Non c’era alcuna dichiarazione ufficiale da parte della NASA su quale potesse essere la “porta”.
(

Foto:

Getty Images)

L’impresa è stata realizzata dalla stessa collaborazione internazionale con Event Horizon Telescope (EHT) che nel 2019 ha rivelato la prima foto di un buco nero, situato nel cuore di un’altra galassia.

L’astronomo Feryal Azel dell’Università dell’Arizona ha accolto “la prima immagine diretta del gigante gentile al centro della nostra galassia”, che mostra un anello luminoso di rosso, giallo e bianco che circonda un centro più debole, in una conferenza stampa a Washington.

Il Sagittario A* (pronunciato Sagittario stella “A”) ha quattro milioni di volte la massa del nostro Sole e dista circa 26.000 anni luce – la distanza che la luce percorre in un anno, 5,9 trilioni di miglia – dalla Terra.

Continua a leggere

Continua a leggere

Stato quantistico insolito della materia osservato per la prima volta

Gli scienziati “invertono la morte” con un’impresa sorprendente riportando in vita gli occhi morti