in

Dai un’occhiata a queste 2 fantastiche immagini della stessa galassia: ScienceAlert

Bene, alla fine doveva succedere, e ora è successo. Hubble e il James Webb Space Telescope (JWST) hanno rilasciato immagini dello stesso oggetto questa settimana.

Il risultato è una serie di immagini che rivelano le capacità fortemente complementari dei due telescopi e alcuni affascinanti scorci di una delle galassie più spettacolari visibili dalla Terra – M74 o NGC 628, conosciuta anche come la Galassia Fantasma.

Grazie agli sforzi della scienziata cittadina Judy Schmidt, a luglio abbiamo avuto un’anteprima della nuova immagine JWST. Ora è passato attraverso le procedure ufficiali ed è stato integrato da una nuova versione di Hubble.

la nuova immagine JWST della galassia fantasma
La nuova immagine di JWST mostra il cuore di M74, la galassia fantasma. (ESA/Webb, NASA e CSA, J. Lee e il team PHANGS-JWST)

La Galassia Fantasma è davvero uno storditore. Situato a circa 32 milioni di anni luce dalla Terra nella costellazione dei Pesci, è orientato per mostrarci tutta la gloria della fiancata del suo disco galattico.

E che disco è. La galassia è una cosiddetta galassia a spirale “grand design” con bracci a spirale prominenti, ben formati e chiaramente visibili.

Dal momento che è molto facile per le galassie essere confuse da eventi come le interazioni con un’altra galassia, le galassie di grande design rappresentano praticamente l’ideale platonico di una galassia a spirale e possono essere studiate per determinare la dinamica delle galassie e la formazione stellare all’interno di bracci a spirale per capire.

Poiché i due telescopi sono potenti a diverse gamme di lunghezze d’onda, le loro osservazioni possono essere confrontate per svelare i minimi dettagli di ciò che sta accadendo nella galassia fantasma.

Nuova immagine di Hubble della galassia fantasma
La nuova immagine di Hubble della galassia fantasma. (ESA/Hubble e NASA, R Chandar)

L’immagine di Hubble è nelle lunghezze d’onda ultraviolette e ottiche. Mostra regioni spesse, scure e appiccicose densamente ricoperte di polvere e esplosioni rosse. Si tratta di enormi nubi di idrogeno gassoso che brillano intensamente nell’ultravioletto, il risultato di intense maree di formazione stellare.

Ciò in cui Hubble non è molto bravo è scavare più a fondo nella polvere e nel gas per ottenere maggiori dettagli su questi recenti episodi di formazione stellare.

Tuttavia, questo è esattamente ciò che JWST può fare con le sue potenti e sensibili capacità a infrarossi.

La radiazione infrarossa ha una lunghezza d’onda maggiore rispetto alla luce visibile o infrarossa, che è più facilmente diffusa da piccole particelle a lunghezze d’onda più corte. Ciò significa che la luce infrarossa può passare attraverso regioni polverose e nuvolose relativamente senza ostacoli; Se riesci a vedere a infrarossi, come possiamo con JWST, puoi vedere cose che non potresti vedere a lunghezze d’onda più corte.

Pertanto, Hubble utilizza la sua Advanced Camera for Surveys per identificare la luce ultravioletta emessa dalle regioni di formazione stellare. Quindi JWST può passare e guardare effettivamente nelle nuvole identificate da Hubble con il suo Mid-InfraRed Instrument (MIRI).

Questo ci offre due visioni molto diverse (e bellissime) della stessa galassia.

Hubble e jwst immagine composita della galassia fantasma
Immagine composita che combina le osservazioni di Hubble e JWST della galassia fantasma. (ESA/Webb, NASA e CSA, J. Lee e il team PHANGS-JWST; ESA/Hubble e NASA, R. Chandar)

Ci sono stati altri eccellenti strumenti a infrarossi che studiano le regioni di formazione stellare, ma JWST è (finora) il telescopio spaziale più sensibile mai realizzato. Gli scienziati hanno grandi speranze che questo osservatorio alle prime armi getti nuova luce su tutto ciò che ci mostra.

Sia le immagini Hubble che quelle JWST sono disponibili nelle dimensioni dell’immagine di sfondo sui rispettivi siti Web. Li puoi trovare qui e qui.

Ecco come ottenere un allenamento per tutto il corpo ultra efficace con i push-up

I denti fossilizzati aiutano gli scienziati a scoprire i misteri dei mammiferi paleontologia