in

Da quando Crew Dragon ha debuttato, SpaceX ha pilotato più astronauti di chiunque altro

Crew Dragon atterra nell'Atlantico venerdì pomeriggio.
Ingrandire / Crew Dragon atterra nell’Atlantico venerdì pomeriggio.

Nasa

Dopo 170 giorni nello spazio, quattro astronauti sono atterrati nell’Atlantico venerdì, ponendo fine a una missione SpaceX della NASA sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Dopo due giorni di ritardi dovuti alle condizioni meteorologiche, Crew Dragon è fuori da SpaceX libertà tornò sulla terra al largo della costa di Jacksonville, in Florida, sotto cieli azzurri e mari miti. La discesa del veicolo spaziale attraverso l’atmosfera terrestre sembrava essere minore, con due paracadute drogue schierati nei tempi previsti, seguiti da quattro paracadute principali puliti, consentendo a Dragon di atterrare a una velocità di circa 25 km/h.

“SpaceX, da libertàGrazie per l’incredibile viaggio in orbita e per l’incredibile ritorno a casa”, ha dichiarato Kjell Lindgren, comandante della navicella spaziale della NASA, dopo l’atterraggio.

Lindgren ha guidato una missione che ha coinvolto gli astronauti della NASA Bob Hines e Jessica Watkins e l’astronauta dell’Agenzia spaziale europea Samantha Cristoforetti. Durante l’atterraggio, la navicella è stata colpita da due “barche veloci” SpaceX, che hanno messo in sicurezza il veicolo dall’aspetto tostato prima che fosse portato a bordo Megan Nave di recupero intitolata a Megan McArthur, un’astronauta a bordo di un precedente volo SpaceX.

Questa missione, Crew-4, è stata la quarta missione operativa volata da SpaceX per la NASA. All’inizio di questo mese, la missione Crew-5 ha portato quattro astronauti sulla stazione spaziale, dove rimarranno per circa sei mesi. Includendo una prima missione dimostrativa nel 2020 e due voli spaziali privati ​​- Inspiration4 e Axiom-1 – Crew Dragon ha ora portato in orbita 30 persone.

In poco più di due anni SpaceX ha superato il numero totale di astronauti messi in orbita dalla Cina, il cui programma spaziale con equipaggio risale al 2003; e nel tempo in cui Crew Dragon è stato operativo, ha persino superato il veicolo russo Soyuz in termini di numero totale di persone volate nello spazio durante quel periodo.

Negli ultimi due anni, Dragon ha avuto alcune carenze, tra cui un gabinetto a intermittenza problematico e un paracadute in declino su un volo, ma i funzionari della NASA sono stati estremamente soddisfatti delle prestazioni del veicolo. Ha ripristinato in sicurezza la capacità di volo spaziale umano degli Stati Uniti, che era andata persa dal ritiro dello Space Shuttle. Se Dragon non fosse stato disponibile, la NASA si sarebbe trovata nella posizione imbarazzante di fare affidamento sulla Russia per il trasporto degli equipaggi nella guerra in Ucraina.

Crew-5 è stato l’ultimo lancio di veicoli Dragon di SpaceX nel 2022, ma sono previste due missioni nel primo trimestre del 2023. L’equipaggio 6 dovrebbe essere lanciato a febbraio, comandato dall’astronauta della NASA Steve Bowen, insieme al pilota Warren Hoburg. Inoltre, ci saranno due specialisti di missione, il cosmonauta russo Andrey Fedyaev e l’astronauta degli Emirati Arabi Uniti Sultan Al Neyadi.

Poi, a marzo, l’imprenditore Jared Isaacman volerà con la sua seconda missione Dragon Freeflyer, Polaris Dawn, con l’obiettivo di condurre la prima EVA privata al mondo e condurre ricerche per far progredire il volo spaziale umano. Al suo fianco ci sarà il pilota Scott Poteet, oltre a due specialisti di missione, Sarah Gillis e Anna Menon, che lavorano per SpaceX. Sarai il primo dipendente dell’azienda a volare nello spazio con Dragon.

Le “mummie” di dinosauro potrebbero non essere rare: danni da carnivori non cicatrizzati sulla pelle di dinosauro

Batteri con interessanti proprietà scoperti in grotte sotterranee