in

Batteri con interessanti proprietà scoperti in grotte sotterranee

Scoperta di batteri eccitanti in grotte sotterranee

In una delle baie dell’Algeria dove sono stati trovati batteri probiotici. A destra Baraa Rehamnia, ricercatrice in visita nel gruppo di ricerca di Natuschka Lee all’Università di Umeå. Credito fotografico: club de spéléologie et sport de montagne de Béjaïa

Un team di ricercatori dell’Università di Umeå, della SLU e dell’Algeria ha trovato batteri con una serie di proprietà interessanti in grotte precedentemente inesplorate a una profondità di diverse centinaia di metri in Algeria. Una di queste proprietà è la scomposizione del glutine, che può quindi interessare le persone allergiche al glutine. I risultati saranno pubblicati in Spettro microbiologico.

“Questo studio è un altro esempio del fantastico potenziale dei microbi eccitanti sul nostro pianeta. Nonostante l’intensa ricerca, finora siamo stati in grado di mappare solo una piccola parte di tutti i microbi presenti sulla terra”, afferma Natuschka Lee, ricercatrice presso la Cattedra di Ecologia e Scienze Ambientali dell’Università di Umeå.

Quando Jules Verne ha scritto il suo romanzo Viaggio al centro della Terra, molte persone hanno minimizzato le fantasie selvagge sulla vita negli inferi. Passarono diversi decenni prima che i biologi iniziassero a studiare seriamente la vita sotterranea.

Oggi sappiamo che almeno il 30% di tutti i microrganismi sulla terra vive in profondità nel sottosuolo, in condizioni completamente diverse rispetto alle forme di vita sulla superficie terrestre, ad esempio senza luce solare e quindi senza piante. Lo studio delle forme di vita sotterranee può darci spunti interessanti su come la vita può evolversi in modo diverso sulla Terra e se potrebbe esserci vita sotterranea su altri corpi celesti come il pianeta Marte.

Le grotte possono fungere da porta naturale per gli inferi. Le grotte si trovano in tutto il mondo, ma solo una parte di esse è stata esplorata. Negli ultimi dieci anni, la speleologia ha suscitato un grande interesse, anche nel contesto dell’esplorazione spaziale, poiché è stato scoperto che alcuni pianeti come Marte contengono molte grotte.

Nel presente studio, Natuschka Lee, in collaborazione con Baraa Rehamnia, che fino a poco tempo fa era un Ph.D. Una studentessa della Constantine University in Algeria (che nell’estate del 2022 sta preparando la sua tesi su questo argomento di ricerca) e Ramune Kuktaite, ricercatrice presso il Department of Plant Breeding presso la SLU di Alnarp, sono alla ricerca di interessanti proprietà di formazione di spore batteri in grotte finora inesplorate a diverse centinaia di metri di profondità in Algeria.

Questi batteri sono strettamente imparentati con il gruppo Bacillus, un gruppo di batteri che è stato molto studiato in astrobiologia per la loro impressionante capacità di sopravvivenza, e che svolgono un ruolo importante sul nostro pianeta in vari contesti, in parte come agenti patogeni, in parte come microbi benefici in entrambi quelle ecologiche connessioni e contesti biotecnologici.

“Ad esempio, abbiamo trovato ceppi che possono produrre sostanze antimicrobiche o abbattere il glutine, una sostanza che può causare reazioni infiammatorie nell’intestino in molte persone. È stato anche scoperto che i batteri possono tollerare le condizioni estreme del nostro sistema digestivo”, afferma Natuschka Lee.

In futuro, i ricercatori studieranno se questi batteri possono essere utili all’industria delle biotecnologie, ad esempio nel caso delle allergie al glutine.


La vita sulla Terra può sopravvivere su Marte?


Maggiori informazioni:
Baraa Rehamnia et al, Screening di batteri sporigeni con potenziale probiotico in grotte algerine incontaminate, Spettro microbiologico (2022). DOI: 10.1128/spettro.00248-22

Fornito dall’Università di Umea

Citazione: Batteri con proprietà interessanti scoperti nelle grotte sotterranee (14 ottobre 2022), recuperati il ​​15 ottobre 2022 da https://phys.org/news/2022-10-bacteria-properties-underground-caves.html

Questo documento è protetto da copyright. Fatta eccezione per il commercio equo e solidale a scopo di studio o ricerca privata, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è solo a scopo informativo.

Da quando Crew Dragon ha debuttato, SpaceX ha pilotato più astronauti di chiunque altro

Esplosione di raggi gamma da record, forse l’esplosione più potente mai registrata