in

Asus sta rendendo le GPU più economiche nel Regno Unito

Ultimo aggiornamento:

I prezzi delle schede grafiche sono aumentati costantemente nel Regno Unito dal lancio della serie RTX 3000, a causa di alcuni fattori come la carenza globale di chip, nonché diversi problemi di spedizione e carenza di materiale che l’industria ha sperimentato negli ultimi anni. Sfortunatamente, se vuoi prendere una delle ultime schede grafiche di AMD e Nvidia, devi comunque pagare il prezzo consigliato per la scheda, per entrambi i marchi. Tuttavia, ASUS sta cercando di ridurre questi costi nel Regno Unito e trasferire i risparmi ai clienti, il che significa un’ottima notizia per gli utenti che cercano una potente scheda grafica dedicata.

Questa informazione è arrivata direttamente da un rappresentante ASUS che ha pubblicato su Linkedin che stavano “abbassando i prezzi” e si riferiva a un elenco di un 3070Ti presso Overclockers UK. Questo elenco ha ridotto il prezzo dei modelli RTX 3070Ti TUF da £ 829,99 a £ 749,99, un risparmio di circa il 10% rispetto all’ambito modello AIB.

Questo è ancora un po’ più alto del prezzo consigliato di £ 529,99, ma i produttori di schede come ASUS devono tenere conto del costo di progettazione delle proprie schede in aggiunta ai costi di produzione, equipaggiamento e spedizione delle loro soluzioni di raffreddamento personalizzate. Le schede che atterrerebbero al prezzo consigliato sono probabilmente quelle molto più semplici di un modello ASUS come la serie TUF o STRIX, che sono alcuni dei modelli AIB di GPU più ricercati sul mercato. Per questo motivo, ASUS potrebbe aggiungere le proprie tariffe per il lavoro svolto in aggiunta ai modelli di riferimento forniti da Nvidia. Altri produttori potrebbero presto essere in grado di raggiungere l’MSRP con schede quasi di riferimento, ma resta da vedere come si sviluppa la situazione attuale.

Asus RTX3080 12GB 4°

Tuttavia, il prezzo di questi prodotti di fascia alta dipende non solo dai costi del produttore, ma anche dalle materie prime, dai costi di spedizione e, naturalmente, dalla consegna delle carte che effettivamente arrivano nel Regno Unito. In precedenza abbiamo segnalato che i prezzi delle GPU diminuiranno rispetto ai prezzi precedenti all’inizio di questo mese. Abbiamo indicato che i prezzi sarebbero diminuiti di circa l’11% e sembra che questo stia dando i suoi frutti con i prezzi delle nuove GPU di ASUS nel Regno Unito. Il nuovo prezzo è iniziato nel fine settimana e, poiché l’offerta sembra stabilizzarsi, le prospettive per i consumatori di mettere le mani su queste carte stanno diventando più rosee.

Perché le GPU stanno diventando sempre più economiche?

Asus RTX3080 12GB 12

Le GPU stanno diventando più economiche man mano che più scorte vengono prodotte nelle fabbriche e spedite direttamente ai consumatori. Ciò può essere attribuito alla minore domanda di criptovalute a causa di un crollo del mercato, rendendo il mining meno redditizio per coloro che desiderano utilizzare carte orientate al consumatore, insieme a un divieto totale di criptovalute in Cina. Tuttavia, anche i prezzi nel Regno Unito sono guidati dalle fluttuazioni dei tassi di cambio, con la sterlina che si è indebolita rispetto al dollaro nelle ultime settimane. D’altra parte, quando la pandemia si è placata e le fabbriche sono tornate al massimo delle prestazioni, le materie prime e la produzione sono aumentate e hanno consentito un flusso di carte molto più stabile verso le coste del Regno Unito.

Questo fa parte di una storia più ampia che riguarda le GPU in cui potresti aspettarti di trovare schede più economiche di quanto non fossero nei siti di vendita al dettaglio in tutto il mondo. È un’ottima notizia per i giocatori, ma ci sono ancora incertezze sulla produzione di schede grafiche derivanti dalle materie prime necessarie per produrre le schede.

Le materie prime nelle GPU incontrano difficoltà nei conflitti in Europa

Le materie prime coinvolte nel processo di produzione delle schede grafiche di consumo rischiano di diventare destabilizzate poiché in precedenza abbiamo segnalato che i prezzi dei gas neon rimangono volatili. L’Ucraina attualmente fornisce oltre il 90% del neon mondiale per semiconduttori. Le principali città coinvolte nella sua produzione sono Odessa e Mariupol, entrambe focolai di gravi conflitti nel Paese.

Un altro problema è la produzione russa di palladio, che attualmente produce il 40% dell’offerta totale mondiale. Tuttavia, da allora i timori del mercato per il palladio si sono attenuati, scendendo del 14,2% dopo che il mercato è salito del 14,2% a causa delle preoccupazioni per le sanzioni sul conflitto Russia-Ucraina, l’impatto sull’economia globale e in effetti sulla produzione di GPU e semiconduttori. Questo contesto di mercato relativamente instabile potrebbe significare che potremmo vedere ulteriori ostacoli in termini di riduzione dei prezzi delle schede grafiche poiché la domanda rallenta per la prima volta da anni.

Un altro pomo della discordia sono i prezzi volatili dei container, che sono saliti a livelli sbalorditivi nel 2021 prima di stabilizzarsi nuovamente. L’attuale situazione geopolitica significa che potremmo potenzialmente vedere alcune riserve sui prezzi dei container marittimi dalla Cina e dalle regioni vicine al resto del mondo, anch’essi soggetti a un’ampia volatilità e direttamente influenzati dai prezzi del petrolio, che sono in costante aumento durante tutto il anno.

Prezzi per container
Didascalia: Prezzi dei container di spedizione da TradingEconomics

Cosa significa questo per i futuri lanci di GPU?

Prezzi delle GPU in crash del mercato delle criptovalute

Abbiamo una nuova linea di GPU in arrivo entro la fine dell’anno sotto forma di Lovelace e RDNA3, ma la fornitura e il successo di questi lanci dipenderanno esclusivamente da quanto saranno buoni i rendimenti di questi chip. Ovviamente, qualsiasi nuovo chip subirà un processo di costante aumento della resa man mano che il prodotto e i processi di produzione coinvolti maturano, e anche il prezzo sarà dettato da tutti i fattori che abbiamo elencato sopra. Al momento c’è semplicemente troppo ancorato al lancio di questi due prodotti per annullarli o ritardarli, quindi potremmo anche vedere un MSRP più alto del solito.

Nvidia e AMD sono ora abituate a questi prezzi di mercato adeguati poiché la domanda dei consumatori di GPU negli ultimi anni ha mostrato loro i prezzi a cui i consumatori desiderano acquistare schede grafiche discrete di fascia alta, il che potrebbe comportare un leggero aumento del prezzo consigliato. I prezzi delle GPU non saranno mai così alti come prima del 2016 e prima il mercato accetterà che potremmo dover convivere con un rapporto qualità-prezzo leggermente peggiore, meglio è. Non è una buona notizia, ma quando si tiene conto delle forze globali al di fuori del nostro controllo, questo potrebbe davvero essere l’unico modo in cui i produttori di GPU possono operare, a parte l’inflazione.

Una minaccia per il mercato è la crescente popolarità del cloud gaming, con servizi come Amazon Luna che rimangono una nicchia relativa. Con una grafica integrata più potente, come quella vista nei processori della serie Ryzen 6000, potremmo anche vedere più giocatori che mai che non utilizzano schede grafiche, optando invece per soluzioni come la grafica integrata.

Condividi questo articolo…

La Fed annuncia il suo primo aumento dei tassi dal 2018 con l’aumento dell’inflazione

Gli astronomi catturano il momento in cui una stella esplode alla fine della sua vita