in

Archegos ha costruito tranquillamente una partecipazione in Deutsche Bank

Archegos Capital Management ha acquisito silenziosamente una partecipazione in Deutsche Bank dopo che il suo fondatore Bill Hwang ha stretto legami con i leader del prestatore tedesco prima che il family office implodesse lo scorso anno, rivela il Financial Times.

Il crollo della Archegos con sede a New York 12 mesi fa ha lasciato i suoi principali broker, tra cui Credit Suisse, Nomura e Morgan Stanley, con perdite per un totale di $ 10 miliardi.

La tedesca era anche una delle prestatrici di Archegos, ma è uscita illesa dal fallimento dell’azienda ed è stata persino in grado di restituire alcune delle garanzie che aveva preso per sostenere i prestiti al family office.

Archegos ha iniziato a costruire una partecipazione in Deutsche Bank nel 2019 quando Hwang, un ex gestore di hedge fund, ha incontrato in diverse occasioni l’amministratore delegato della banca Christian Sewing e almeno una volta il presidente Paul Achleitner, secondo tre persone che hanno familiarità con la questione.

Gli incontri, molti dei quali si sono tenuti presso il quartier generale di Archegos a Manhattan e uno presso il ristorante di fascia alta Jean-Georges con vista su Central Park, sono iniziati alla fine del 2018, quando il tedesco è stato sottoposto a forti pressioni per far rivivere un prezzo azionario languido e cambiare la sua strategia per rivedere.

Le interazioni tra la più grande banca tedesca e Archegos sono state descritte come un'”offensiva di fascino” tedesca da una persona che ha familiarità con il family office.

Una persona che ha familiarità con il punto di vista della banca contesta questo account, dicendo che Archegos ha preso l’iniziativa nello sviluppo della relazione.

La partecipazione detenuta da Archegos attraverso i derivati ​​è stata sufficiente per rendere l’azienda di Hwang un azionista significativo della banca. Secondo una persona con conoscenza diretta del family office, la quota era di quasi il 2% e durò fino al fallimento di Archegos.

Le persone che hanno familiarità con il punto di vista dei tedeschi affermano che la quota ha raggiunto il picco di poco meno dell’1% ed è stata venduta entro la fine del 2020.

Secondo i dati di Bloomberg, una quota di circa l’1% oggi collocherebbe un investitore tra i 15 maggiori tedeschi. Archegos non ha dovuto rivelare la partecipazione perché era al di sotto della soglia del 3% ai sensi della legge sulle società per azioni.

La tedesca ha dichiarato in una dichiarazione al Financial Times che “gli incontri con potenziali investitori e clienti sono una parte normale degli affari” e ha rifiutato di commentare ulteriormente le sue interazioni con Archegos e Hwang.

L’uscita netta della banca dal suo impegno di prestito Archegos non era correlata al rapporto che Hwang aveva sviluppato con i dirigenti della banca, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione.

Invece, all’inizio del 2021, il tedesco era diventato sospettoso della sua esposizione, esortando Archegos ad espandere la garanzia che aveva promesso e esortandolo a includere una gamma più ampia di azioni di mercati diversi. Nei mesi precedenti al fallimento di Archegos, Deutsche ha anche inasprito i termini del suo prestito, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione.

Quando Hwang ha ricevuto un’ampia richiesta di margine da Deutsche l’anno scorso quando Archegos ha iniziato a cedere, ha chiamato un senior manager, ma la banca non ha riconsiderato, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione.

“Siamo stati in grado di ridurre significativamente la nostra esposizione ad Archegos senza perdite”, ha affermato la tedesca nella sua dichiarazione, osservando che, a differenza di altri istituti di credito, ha aumentato la qualità e il livello delle garanzie richieste dall’azienda.

Il primo contatto tra Hwang e il top management di Deutsche è stato mediato da Hakan Wohlin, l’ex responsabile dell’origine del debito della banca, che ha lasciato l’istituto di credito nel 2015.

Wohlin, che è rimasto in rapporti amichevoli con Achleitner e Sewing e ora gestisce una società di consulenza a New York, è stato assunto come Senior Advisor da Hwang dopo essere stato contattato alla fine del 2019.

Ha partecipato alla riunione da Jean-Georges e poi ha inviato un messaggio di testo a Sewing, una copia del quale è stata vista dal Financial Times, sottolineando che Archegos “ha acquistato altre azioni dopo aver pranzato. Non ho ancora verificato l’importo con Bill.” Il ristorante era così popolare tra la società di investimento statunitense che era conosciuto internamente come “Archegos Cafeteria”.

Ospiti al ristorante Jean-Georges di New York
Il ristorante Jean-Georges era così popolare tra la società di investimento da essere conosciuto internamente come “Archegos Cafeteria” © Bloomberg

Gli incontri mostrano gli stretti legami che Hwang ha stretto con la leadership tedesca. Oltre a Sewing e Achleitner, hanno preso parte ad alcune discussioni anche Alexander von zur Mühlen, allora Head of Strategy di Deutsche Bank e ora Head of Asia, e James Rivett, all’epoca Head of Investor Relations. In un’occasione, tuttavia, Sewing era l’unico rappresentante tedesco presente, secondo persone esperte in materia.

Gli avvocati di Hwang e Archegos hanno rifiutato di commentare.

I rapporti di Hwang con Deutsche risalgono almeno al 2008, quando gestiva il suo hedge fund Tiger Asia. Nel 2012, Hwang si è dichiarato colpevole per conto di Tiger Asia con l’accusa di frode telematica del Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti.

Wohlin è stato uno dei numerosi dirigenti della Deutsche accusati di “disonestà” in una causa intentata nel 2016 da Vestia, un’associazione immobiliare olandese e cliente redditizio della banca che è stata portata sull’orlo del fallimento dal commercio di derivati. La causa riguardava i pagamenti a un intermediario condannato per corruzione nel 2018.

Wohlin, che era un testimone e non un imputato nel caso, ha respinto le accuse, così come i tedeschi. La banca ha raggiunto un accordo con Vestia di 175 milioni di euro nel 2019.

Wohlin ha rifiutato di commentare le interazioni specifiche tra Archegos e Deutsche, dicendo: “Credevo, come allora, che Deutsche Bank offrisse un’interessante opportunità a lungo termine. Archegos è stato un noto investitore di valore a lungo termine, in quanto tale, un investitore rilevante con cui parlare”.

Il prestito dei tedeschi ad Archegos ha sollevato la possibilità di un conflitto di interessi poiché anche il family office era un azionista significativo, ma il diritto bancario tedesco non vieta loro di farlo.

Secondo la legge, solo i prestiti agli azionisti con almeno il 10 per cento del capitale devono soddisfare condizioni speciali. Le regole della banca richiedono uno screening aggiuntivo per i mutuatari che possiedono almeno il 3% delle sue azioni, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione, aggiungendo che il tedesco non accetta le proprie azioni come garanzia da Archegos.

Rapporti aggiuntivi di Kaye Wiggins a Londra e Eric Platt a New York.

“I miei soggetti sono speciali – il più delle volte”: Judith Joy Ross nei suoi ritratti sensuali | fotografia

Jack Osbourne annuncia che lui e la fidanzata Aree Gearhart aspettano il loro primo figlio insieme quest’estate