in

Allarme tempesta solare: la Terra rischia un “colpo fugace” in ORE – rete elettrica in allerta | Scienza | notizia

Una gigantesca esplosione di filamento dallo strato esterno del Sole il 7 maggio ha innescato un’espulsione di massa coronale (CME) che colpirà il campo magnetico terrestre, innescando potenzialmente tempeste solari se arriva. Un CME è una gigantesca bolla di plasma espulsa dal Sole, contenente miliardi di tonnellate di particelle solari in rapido movimento e il campo magnetico che le lega.

Gli analisti della NOAA hanno avvertito che il CME in arrivo il 10 maggio potrebbe infliggere un “colpo violento” al campo magnetico terrestre, con possibili tempeste geomagnetiche minori come risultato.

Gli esperti di Spaceweather.com riferiscono: “Un filamento magnetico sul Sole è eruttato il 7 maggio ed ha espulso un CME nello spazio.

“Gli analisti della NOAA affermano che potrebbe infliggere un colpo di striscio al campo magnetico terrestre il 10 maggio.

“Questa è una previsione di bassa fiducia. Piccole tempeste geomagnetiche sono possibili se/quando arriva il CME.

Lo Space Weather Center (SWPC) degli Stati Uniti classifica le tempeste solari su una scala da G1 Minor, la meno intensa, a G5 Extreme.

Fortunatamente, si prevede che le potenziali tempeste solari in arrivo che si verificano quando c’è uno scambio efficiente di energia dal vento solare nell’ambiente spaziale che circonda la Terra saranno piccole.

Ma anche le tempeste più deboli minacciano “fluttuazioni della rete elettrica” ​​e hanno “ripercussioni minori sulle operazioni dei satelliti”, se le tempeste entrano in contatto diretto con un satellite o un trasformatore di alimentazione possono causare alcuni problemi sulla Terra.

All’estremità più forte della scala, è qui che inizia a diventare più pericoloso.

Fortunatamente, si prevede che le potenziali tempeste solari in arrivo che si verificano quando c’è uno scambio efficiente di energia dal vento solare nell’ambiente spaziale che circonda la Terra saranno piccole.

LEGGI DI PIÙ: Orrore con armi chimiche: la trachea del britannico “si restringe” dopo l’esposizione

“Seguirà un ritorno a condizioni calme o instabili dal 12 maggio”.

Il CME in arrivo può solo innescare tempeste più piccole, ma in passato gli esperti hanno avvertito che la Terra non è preparata per tempeste più potenti che potrebbero causare interruzioni di corrente per giorni.

L’SWPC ha affermato: “Durante le tempeste, le correnti nella ionosfera, così come le particelle energetiche che cadono nella ionosfera, aggiungono energia sotto forma di calore che può aumentare la densità e la distribuzione della densità nell’atmosfera superiore, portando a un’ulteriore resistenza .” satelliti in orbita terrestre bassa.

“Il riscaldamento locale crea anche forti fluttuazioni orizzontali nella densità ionosferica, che possono modificare il percorso dei segnali radio e causare errori nelle informazioni sulla posizione fornite dal GPS”.

Una macchia solare “incasinata” ha appena innescato un enorme brillamento solare

Svolta scientifica dopo l'”incredibile” fossile di dinosauro trovato il giorno dell’impatto di un asteroide sulla Terra | Scienza | notizia