in

Activision Blizzard sta affrontando una nuova causa per presunte molestie sessuali e discriminazione

Activision Blizzard è stata colpita da una nuova causa contenente nuove accuse di molestie sessuali e discriminazione.

L’avvocato Lisa Bloom ha intentato la causa mercoledì presso la Corte superiore della contea di Los Angeles per conto di un’attuale dipendente identificata come “Jane Doe”, riferisce Bloomberg Law.

“Per anni, l’ambiente aperto di “fraternità” di Activision Blizzard ha incoraggiato il sessismo dilagante, le molestie e la discriminazione, con 700 incidenti segnalati che si sono verificati sotto la supervisione del CEO Robert Kotick”, si legge nella causa.

Trailer di gioco ricaricato di Call of Duty Vanguard e Warzone Stagione 2

Doe, che è entrata a far parte dell’azienda nel 2017 come assistente amministrativo senior nel dipartimento IT, afferma di essere stata regolarmente costretta a bere alcolici e a partecipare a giochi osceni.

Dice anche che le dipendenti di sesso femminile sono state regolarmente oggetto di commenti sessuali e di palpeggiamenti da parte di colleghi uomini durante i “cube crawl” alimentati dall’alcol in ufficio.

Doe afferma che le lamentele dei suoi capi sul consumo eccessivo di alcol e sulle avances sessuali sono state interpretate erroneamente come “una buona leadership e un tentativo di essere suo amico”.

Afferma inoltre che le è stato detto di non esprimere le sue preoccupazioni poiché potrebbe danneggiare l’azienda.

Dopo diversi tentativi falliti di fuggire per un nuovo lavoro in un altro dipartimento, Doe ha detto che alla fine le è stato offerto un altro ruolo con uno status inferiore e una significativa riduzione dello stipendio dopo aver presentato domanda direttamente all’ex presidente Blizzard J. Allen Brack si era lamentato.

L’ex capo dello studio ha lasciato l’azienda lo scorso agosto, settimane dopo che Activision Blizzard è stata colpita da una causa del Dipartimento per l’Equo Impiego e l’Abitazione della California accusando l’azienda di non aver affrontato le molestie sessuali e la discriminazione contro le dipendenti di sesso femminile.

Dice anche che la sua domanda del novembre 2021 per una posizione di assistente esecutivo è stata respinta dopo aver parlato della sua esperienza in azienda durante una conferenza stampa il mese successivo.

Doe sta cercando una serie di ingiunzioni del tribunale, tra cui l’introduzione di un dipartimento delle risorse umane a rotazione per affrontare i conflitti di interesse e il licenziamento del CEO di Activision Blizzard Kotick.

Activision Blizzard ha recentemente affermato che sta lottando per attirare nuovi dipendenti e mantenere quelli esistenti e che è probabile che le sue battaglie per le assunzioni siano esacerbate da contenziosi in corso e cattiva stampa.

A gennaio, è stato annunciato che Microsoft intende acquistare Activision Blizzard con un accordo da 68,7 miliardi di dollari, di gran lunga il più grande accordo nel settore dei giochi.

Secondo i rapporti, Kotick dovrebbe lasciare l’azienda una volta finalizzato l’accordo con Microsoft.